GarganoManfredonia
Il Sindaco di Margherita ha voluto fortemente essere vicino agli Operatori

Con la Bolkestein stabilimenti balneari nelle mani delle multinazionali

Di:

Roma. Dopo gli incontri organizzati a Bitonto, a Valenzano e ad Andria con gli Operatori del Commercio su Aree Pubbliche è stata al volta di Margherita di Savoia dove lo scorso mercoledì primo giugno, presso il Lido Copacabana, si sono riuniti gli Operatori del Settore balneare, Associazioni, l’Amministrazione comunale margheritana nelle persone del Sindaco e dell’Assessore al Demanio e la gradita e proficua presenza del Senatore Massimo Baldini. Un evento organizzato da UNIMPRESA BAT, presente con il proprio Presidente prov.le Savino MONTARULI e dal Comitato “IMPRESE DEL MARE”.

Il primo appuntamento sulla delicata tematica che in tutta Italia sta da moltissimi mesi suscitando la reazione dell’intero Comparto ma che registrava uno strano, stranissimo ed insidioso silenzio proprio in questo territorio nonostante la massiccia e qualificata presenza storica di un impressionante numero di stabilimenti balneari quindi di Imprese di qualità eccelsa.
La relazione introduttiva del Presidente UNIBAT Montaruli ha consentito di approfondire la tematica e sopratutto di evidenziare i tantissimi punti di negatività che riguardano la Categoria dei Balneari i quali, quasi inconsapevolmente sino ad ora, si troverebbero a veder mettere a bando le concessioni in un contesto di totale ed incontrollata confusione con la facoltà concessa alle grandi Società ed alle Multinazionali di mettere le mani sull’intero Comparto Turistico e Ricettivo del territorio, con conseguenze drammatiche anche dal punto di vista occupazionale e di allarme sociale. Settanta stabilimenti solo a Margherita di Savoia, trentamila in tutt’Italia con un indotto che sfiora il milione di soggetti improvvisamente messi di fronte ad una situazione imprevedibile ma che va ormai avanti da moltissimi anni: Ora si giunge al momento dell’applicazione della Direttiva senza che nessun confronto fosse mai stato aperto con la Categoria.

Il Sindaco di Margherita ha voluto fortemente essere vicino agli Operatori ed ha accolto l’invito a partecipare all’incontro formativo dichiarandosi preoccupato per la situazione ed assolutamente vicino alle ragioni della legittima difesa del posto di lavoro e delle aziende locali. Il Sindaco dott. Paolo MARRANO ha inoltre assunto l’impegno istituzionale di approfondire l’intera tematica con il coinvolgimento delle altre realtà ed Enti territoriali perché bisogna essere tutti uniti in un’azione collettiva di difesa delle imprese locali. A breve, quindi, ci saranno altri momenti organizzativi di confronto istituzionale come anche confermato dall’Assessore al Demanio Leonardo LAMONACA, anch’egli intervenuto all’incontro al Copacabana.
L’intervento preciso, specifico, dettagliato e circostanziato del senatore Massimo BALDINI ha elencato i passaggi che hanno preceduto l’incontro margheritano e soprattutto ha evidenziato la fortissima e fondata preoccupazione dei titolari di stabilimenti balneari di tutt’italia di fronte al recepimento della Direttiva Bolkestein che mette seriamente a rischio tradizioni, storia e imprenditorialità affermatesi nei decenni.

Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi sul dramma che si sta consumando, spesso in modo subdolo, ai danni della Categoria ha avuto modo di diradarli e di apprendere anche che moltissimi passaggi andavano fatti perché sia gli Ambulanti che i Balneari fossero estromessi dalla Direttiva ma nessuno lo ha fatto anzi, ha dichiaro il Senatore Baldini, spesso chi avrebbe dovuto difendere la Categoria si è trovata al tavolo della controparte e questo è scritto nella storia dei passaggi istituzionali che lo stesso Senatore ha vissuto in prima persona.
Interessi, enormi interessi e voglia di mettere le mani sul patrimoni italiano sono alla base di questa sciagura che sta vedendo unite le due Categorie e che porterà a sviluppi, anche clamorosi, nei prossimi incontri e nelle prossime iniziative.

(Andria, 3 giugno 2016 – Area Comunicazione UNIMPRESA BAT)



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • agguerrito

    Mi dispiacerebbe solo x i lidi del versante sud di Manfredonia e del capriccio(zona castello) che negli anni qualcosa hanno investito nella loro attività, ma x gli altri tre della zona castello, nessuna pietà.
    Nessuna miglioria, nessun investimento e tanta….tanta arroganza.


  • Lorenzo

    L’italia e’ una spa gia’ fallita da tempo. Si prenderanno tutto quello che possono specialmente se i giovani e prestanti italiani continueranno a stazionare davanti i bar.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati