FoggiaManfredonia
Affermazione nel contest di Uno mattina con un video ‘La mamma è sempre la mamma’

Segni particolari “TeleSbruz”: il canale dei creativi foggiani

Brienza: “Libero e quotato intrattenimento”

Di:

Foggia. Giacinto Brienza, professione youtuber, è il titolare del canale ‘TeleSbruz’ che ha vinto il contest di Uno mattina con un video ‘La mamma è sempre la mamma’. Meno di un minuto di tempo la durata della produzione, un settimana per prepararlo su argomenti stabiliti dalla Rai, circa 80 protagonisti in gara e la vittoria dei foggiani con una marea di voti dal capoluogo. La gente, raccontano, quando li incontrava per strada mostrava il messaggio: “Vedi, io ti ho votato!”. Con un video sulla parodia del campionato di calcio di serie A, quello appena concluso, Brienza aveva raggiunto milioni di visualizzazioni. Dunque la Rai l’ha contattato e il canale TeleSbruz è arrivato in televisione, fascia di programmazione le 9.30 di domenica, uno share di 2 milioni e mezzo di utenti.

A luglio parteciperà come relatore al Web marketing festival di Rimini. Il suo intervento avrà come oggetto: “La tv è meglio di You Tube?”. Completamente autodidatta, spiega: “Una scuola l’ho frequentata tanto per, avrei dovuto fare l’idraulico e sono un creativo di una piattaforma che ho studiato e continuo a studiare sui libri o in rete. Il fenomeno si evolve, se vuoi fare comunicazione non puoi non conoscere i primi 10 youtuber italiani che creano dei trend, che fanno 193 milioni di visualizzazioni in una settimana. La piattaforma è meritocratica, non c’è bisogno di raccomandazioni, se fai una schifezza non ti pensa nessuno. E’ la tv più grande del mondo”.

Ma che significa ‘TeleSbruz’? Si tratta di una domanda ricorrente che anche l’Università del crocese – quartiere Candelaro di Foggia dove si sono recati dopo la vittoria- gli ha rivolto: “Niente, è una parola senza senso ma se cerchi il nome su Google esco solo io, se ci fossimo chiamati ‘I comici di Foggia’ sai quanti ne trovavamo?”.
Ha unito sceneggiatori, attori, fotografi, tanti creativi foggiani spinto dalla passione per il video making e dalla volontà di proporre “una nuova dimensione di intrattenimento autoprodotta che non facesse capo a niente e nessuno. C’è il meglio del made in Foggia in questo gruppo”.

Giacinto Brienza e Brunello cucinelli-1[/caption]I video nella loro genesi hanno un’opera di attenta scrittura e sceneggiatura, un “laboratorio” anche di talenti, spiega Dino La Cecilia, presidente del Piccolo Teatro fra gli attori del gruppo: “La nostra è una comicità dell’assurdo, simpatica, ironica, non abbiamo ricalcato gli stereotipi tipici della città, è una scelta di stile che possa essere gradita dalla Valle d’Aosta alla Sicilia senza identificarsi con il folklore foggiano. Quando non lavoriamo per TeleSbruz ognuno fa la sua vita, collaborare è stato creare una squadra fissa, forte, motivata. Abbiamo giocato ma giocato bene”.

Del team fanno parte attori del Piccolo Teatro, del Centro Universitario teatrale, il Teatro dei Limoni, l’Associazione Bel canto. E sul grande riscontro di pubblico al televoto La Cecilia dice: “In tante cose Foggia ha difetti ma quando si tratta di stringersi intorno ai figli della sua terra non è seconda a nessuno. In questi anni, evidentemente, abbiamo creato intorno a noi affetto ed un bel feedback professionale”. Il 10 giugno cominciano gli europei di calcio e Telesbruz punta alla “viralità” di un nuova parodia sul tema con un video cui parteciperà Mingo, l’ex di Striscia la notizia. Un prendere in giro lo sport più popolare in Italia “perché la gente- commenta Brienza- non si lamenta se gli tolgono 100 euro dallo stipendio ma lo fa se va gli tolgono dalla squadra quel calciatore”. Con lo stesso staff stanno scrivendo una web serie di cui non anticipano nulla.

(A cura di Paola Lucino – paola.lucino@virgilio.it)

FOTO

Giacinto Brienza e Brunello cucinelli-1

Giacinto Brienza e Brunello cucinelli-1



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati