Manfredonia

Confagricoltura, salgono prezzi grano tenero, “per il duro -8%”

Di:

Grano (Ph: Stato)

Roma – LE quotazioni del frumento tenero e del mais sono aumentate di oltre il 20% nel solo mese di giugno sui mercati internazionali e nazionali, raggiungendo il massimo livello in un anno. Lo segnala Confagricoltura, evidenziando che lunedì 2 luglio sul mercato a termine di Chicago un bushel di grano (circa 25 kg) per consegna a settembre valeva 7,5 dollari, in confronto ai 6,1 del 15 giugno scorso. Calcolato in euro per tonnellata, l’aumento in quest’ultimo mese è stato di circa 40 euro (da 182 a 221 euro/tonn).

Di poco inferiore l’aumento registrato da EuroNext, il mercato a termine di Parigi, dove una tonnellata di grano tenero, per consegna in agosto, oggi vale 229 euro – picco massimo degli ultimi 12 mesi – mentre due settimane fa era quotata 24 euro in meno. Questo decollo “verticale” dei prezzi del frumento e del mais si sta realizzando sotto la spinta delle crescenti preoccupazioni per l’esito dei raccolti negli Stati Uniti, colpiti da una prolungata ondata di calore nelle pianure centro-occidentali, in particolare nella “Corn Belt”. Mentre il prezzo del grano tenero resta sostenuto, per il grano duro – che ha perso il 6% solo in quest’ultimo mese e l’8% dallo scorso maggio – il mercato pare non volersi “svegliare”.

“Il mercato attuale non riflette il valore commerciale del raccolto 2012, che è di ottima qualità – commenta Massimiliano Giansanti, componente della Giunta esecutiva di Confagricoltura – paradossalmente, se la tendenza dovesse continuare al ritmo attuale, a settembre il grano duro finirebbe per costare meno del frumento tenero”. Come sempre, all’inizio della campagna cerealicola, le importazioni da Paesi terzi stanno mantenendo sostanzialmente calmo il mercato italiano, dove i molini non comprano grano duro e produttori sono poco propensi a vendere, dato che il prezzo attuale di 250 – 260 euro/tonn. copre a malapena i costi di coltivazione.

D’altra parte l’industria di trasformazione sembra essersi già abbondantemente approvvigionata oltre atlantico, acquistando a prezzo concorrenziale dal Canada, che ha ancora in giacenza oltre un milione di tonnellate di frumento duro del raccolto 2011, che attualmente quotano 320 $ (250 €)/tonn. Confagricoltura commenta negativamente questa modalità di gestione del mercato da parte dell’industria, che inevitabilmente crea tensione nei rapporti con i produttori di frumento duro all’interno della filiera della pasta.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi