Foggia
Vittima una donna di origini napoletane

Foggia, rapina e violenza sessuale: arrestato 30enne

Giunti sul posto immediatamente si provvedeva a soccorrere la donna mediante l’intervento del 118

Di:

Foggia. I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile di Foggia hanno arrestato Serraji Jalal, marocchino classe ‘86, per rapina e violenza sessuale ai danni di una donna di origini napoletane. I Carabinieri intervenivano in piena notte in Via Galliani, in quanto era stata segnalata da alcuni passanti la presenza di una donna che chiedeva aiuto a seguito di aggressione. Giunti sul posto immediatamente si provvedeva a soccorrere la donna mediante l’intervento del 118 e la stessa, in preda a forte agitazione, raccontava ai militari che mentre stava rincasando dopo aver trascorso una serata con un amico, veniva avvicinata da un soggetto straniero, che ad un tratto tirava fuori dalla tasca un coltello puntandoglielo alla gola. Nel frattempo le strappava via la borsetta rubando i soldi ivi contenuti, poche decine di euro ed un pacchetto di sigarette. Dopo di che la costringeva sempre sotto la minaccia del coltello ad avere un rapporto sessuale, per poi lasciarla lì scappando via.

Alcuni automobilisti di passaggio immediatamente allertavano i Carabinieri, che giunti sul posto raccoglievano le prime dichiarazioni della donna. Nonostante il trauma subìto, la stessa riusciva a fornire agli investigatori una descrizione del soggetto e dei vestiti da lui indossati. Pertanto i militari si ponevano immediatamente sulle sue tracce, individuandolo poco dopo nelle vie limitrofe di Via Galliani a piedi, dove veniva bloccato dopo un breve inseguimento. A seguito di perquisizione tutto quanto rubato veniva rinvenuto e restituito alla vittima. Il soggetto era già noto alle Forze dell’Ordine in quanto con numerosi precedenti per furto e in atto sottoposto all’obbligo di dimora nel Comune di Foggia con prescrizione di non allontanarsi nelle ore notturne. Serraji è stato associato in carcere.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    COMUNICATO STAMPA

    Foggia – Marocchino stupra e rapina donna, Sasso (NcS): subito 100 poliziotti in più per ripulire Foggia dai delinquenti e castrazione chimica per gli stupratori”.

    Incredibile episodio di inaudita violenza a Foggia. Ancora una volta la vittima è una donna italiana, l’aggressore un extracomunitario marocchino che avrebbe picchiato, rapinato e violentato una donna. Per Rossano Sasso Coordinatore Regionale di Noi con Salvini Puglia “Foggia è ormai una città allo sbando, dove la sicurezza dei cittadini non interessa a nessuno. La politica deve dare una risposta forte e subito, le nostre donne non sono al sicuro a casa nostra, e i cosiddetti bisognosi continuano a rapinare, stuprare e continuano ad essere i benvenuti per pd e m5s”. “Per gli stupratori noi vogliamo la castrazione chimica, e per la Capitanata chiediamo subito rinforzi per le forze dell’ordine, i cittadini foggiani meritano sicurezza e rispetto”.
    Per Primiano Calvo Coordinatore Provinciale Noi con Salvini Foggia “da sempre abbiamo evidenziato, come Noi con Salvini, la necessità di aumentare il numero delle forze dell’ordine in una città che sembra abbandonata a sé stessa e che quotidianamente è teatro di scorribande di ogni genere da parte di clandestini di tutto il mondo. Questa ennesima vittima deve restare sulle coscienze di tutti quei buonisti che continuano a predicare l’accoglienza, certo l’accoglienza per criminali senza scrupoli che hanno invaso le nostre strade”.
    Per Silvano Contini segretario cittadino di Noi con Salvini, “solidarietà alla povera donna che ha subito la violenza e che rappresenta emblematicamente l’immagine della nostra città: sola, insicura e preda di delinquenti che qualcuno ha accolto, ma che quando andremo noi al Governo cacceremo a pedate”.
    Intanto il Movimento preannuncia per i prossimi giorni una mobilitazione di protesta.

    Rossano Sasso
    Coordinatore Regionale
    Noi con Salvini – Puglia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati