Manfredonia

Manfredonia, Italo Magno “Danno ai disabili, agli anziani e ai disoccupati”

Di:

Manfredonia. ”La Giunta Regionale pugliese, con deliberazione n. 1674 del 07/08/2012, ha predisposto un piano di assistenza, rivolta “a persone con disabilità ed agli anziani non autosufficienti”, prevedendo un servizio, sia con strutture comunali e sia con assistenza domiciliare, stabilendo per tali finalità uno stanziamento complessivo di Euro 15.500.000, da dividere tra tutti gli Ambiti Territoriali della Puglia. Il nostro Ambito Territoriale è composto dai comuni di Manfredonia, Monte S. Angelo, Mattinata e Zapponeta. Il Comune di Manfredonia, in quanto Ente capofila dell’Ambito, in data 17.05.2013, ha provveduto alla sottoscrizione di apposito Disciplinare con la Regione Puglia per un progetto dell’importo compressivo di Euro 462.907, 59.

A seguito di istruttoria della Sezione Programmazione Sociale ed Integrazione Socio-sanitaria della Regione, venivano considerati “soddisfacenti” tutti gli adempimenti messi in atto dal nostro Ambito e, di conseguenza, con successivo atto del 29/01/2015, lo stesso Ufficio provvedeva ad assegnare al nostro Comune un’anticipazione del 35% della somma complessiva da erogare per l’anno 2015, ovverosia la cifra di Euro 162.017,59. Purtroppo, successivamente a tale assegnazione, il Comune di Manfredonia, al quale competono attività di gestione e l’organizzazione delle attività tecnico-gestionali, non ha fatto nulla per attivare i Centri di assistenza diurna nelle strutture del territorio né per fornire assistenza direttamente a domicilio dei disabili o degli anziani non autosufficienti, col fine di dare sollievo a questi nostri concittadini che più degli altri soffrono la crisi e le difficoltà sempre crescenti dei servizi pubblici. Il Comune di Manfredonia non solo non si è minimamente attivato per spendere, con appropriati servizi, il primo finanziamenti ottenuto, ma per la sua improntitudine non ha potuto richiedere le successive somme messe a disposizione dalla Regione Puglia, ovverosia tutti i complessivi Euro 462.907,59. Con tale somma non solo si sarebbe alleviato il disagio di tanti nostri concittadini in grave difficoltà personale; ma si sarebbe venuti incontro alle difficoltà di tanti altri concittadini, giovani e meno giovani, che aspettano dalla pubblica amministrazione una gestione che crei opportunità di lavoro, senza attendere soluzioni colonizzatrice che il più delle volte devastano il territorio e, in cambio dei pochi posti di lavoro, ne tolgono dieci volte tanto.

Ora, a stigmatizzare l’accaduto, interviene anche il Dirigente Responsabile della Sezione Programmazione Sociale e Integrazione Sociosanitaria, che ha riscontrato, attraverso un propria un’istruttoria, “l’insussistenza di qualunque avanzamento di spesa e l’inesistenza di domande di servizio associate in strutture insistenti nell’ambito territoriale di Manfredonia” e di assistenza domiciliare, che avrebbero dovuto essere messi in atto entro i termini stabiliti, ovverosia il 30/09/2016. Perciò l’Ufficio Regionale ha deciso di REVOCARE “integralmente il finanziamento assegnato al progetto”.

Lo stesso Ufficio, non solo ha annullato l’assegnazione della somma complessiva messa a disposizione del Comune di Manfredonia, ma ha chiesto la restituzione dell’anticipazione già accordata, di Euro 162.017,59, facendo “obbligo al Comune di fornire tempestivamente, al Servizio Programmazione Sociale e Integrazione Socio-sanitaria, prova dell’avvenuto versamento della predetta somma” da rimborsare, entro il termine perentorio di 60 (sessanta) giorni, “decorrenti dalla data di notificazione” della stessa, se vuole evitare l’intervento del Servizio Contenzioso Amministrativo della Regione Puglia””.

Prof. Italo Magno – consigliere comunale di Manfredonia Nuova

Manfredonia, “Buoni servizio, perchè è stato revocato finanziamento assegnato nel 2013”



Vota questo articolo:
7

Commenti


  • Nota ambito

    “L’Atto Dirigenziale della Regione Puglia n. 213 del 27/06/2016 revoca il finanziamento, relativo al PO FESR 2007-2013 – Linea 3.3 – Azione 3.3.2, denominato BUONI SERVIZIO DI CONCILIAZIONE PER DISABILI ED ANZIANI NON AUTROSUFFICIENTI, assegnato a marzo 2013 all’Ambito Territoriale di Manfredonia per un totale di € 462.907,41.
    Della suddetta somma la Regione Puglia ha successivamente erogato al Comune di Manfredonia, in qualità di Comune Capofila dell’Ambito, una prima tranche di € 162.017,59, pari al 35% dell’intero finanziamento.
    Le suddette risorse dovevano essere erogate ai soli enti gestori delle strutture presenti nel territorio dell’Ambito (costituito dai Comuni di Manfredonia, Monte Sant’Angelo, Mattinata e Zapponeta), autorizzate al funzionamento ed iscritte al Catalogo Telematico regionale.
    La somma di € 162.017,59 dovrà essere restituita poiché ad agosto 2015 solo una struttura risultava “tardivamente” iscritta al Catalogo Telematico regionale e contestualmente, si registrava l’inesistenza di domande da parte dei cittadini.
    I termini per l’ammissibilità della spesa erano stabiliti al 30/09/2015.
    Le suddette risorse quindi, sono rimaste inutilizzate, proprio perché non potevano essere assegnate ed erogate alle strutture non iscritte al catalogo telematico regionale.
    E’ opportuno portare invece all’attenzione della cittadinanza che con il NUOVO AVVISO PUBBLICO “BUONI SERVIZIO PER DISABILI E ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI” pubblicato ad ottobre 2015, questo Ambito Territoriale ha ricevuto una assegnazione di € 266.744,38.
    Le risorse sono state totalmente impegnate, attraverso il catalogo telematico regionale, per i servizi diurni e domiciliari presenti sul territorio e rivolti ad anziani non autosufficienti e diversamente abili, soddisfacendo le richieste di n. 61 cittadini che stanno fruendo dei suddetti servizi.
    In virtù dell’intero utilizzo delle nuove risorse stanziate, la Regione Puglia con Determinazione Dirigenziale n. 218/2016 ha destinato a questo Ambito ulteriori € 46.579,00 garantendo la continuità dei servizi e delle prestazioni diurne e domiciliari fino al 30.09.2016”


  • Ex elettore Magno pentito.

    Aggiornati professore dei miei stivali.Dai spazio a chi è più giovane e preparato . Ennesima brutta figura.


  • antonella

    X ex elettore pentito, scrivi sempre la stessa frase, è perché vuoi prendere tu il posto del Consigliere Magno? Avanti allora, fatti avanti vieni in sede a presentarti, né parliamo, se ritieni di essere migliore, dimostracelo, noi siamo aperti al confronto, ti aspettiamo.


  • Ex elettore Magno pentito.

    UDITE, UDITE, L’ Antonella parla di CONFRONTO. QUINDI al suo vocabolario fatto di ingiurie, offese -a chi la pensa diversamente dalla -ora aggiunge la parola CONFRONTO. Vai ad incantare l-


  • antonella

    Ex elettore, nota bene che si riconosce chi sei, ti lascio a rosicare, continua pure.


  • Mattia

    Ex elettore visti i pochi voti presi da Magno sei stato subito sgamato 😀


  • Ex elettore Riccardi e Campo amaramente pentito

    DIMETTETEVI MANFREDONIA E ALLO SFASCIO E SBANDO TOTALE!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati