BAT
L'usuraio è stato arrestato in esecuzione di un’Ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari

Bari. Usuraio in manette: interessi del 120%

Gli accertamenti della Guardia di Finanza continuano, certamente altre persone in difficoltà si sono rivolte all'usuraio tratto in arresto e forse anche loro troveranno il coraggio di denunciare

Di:

Bari. Un usuraio 36enne, barese, incensurato, dipendente di una società di trasporti di Bari, è stato arrestato dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Bari, su ordine del G.I.P. presso il Tribunale di Bari.

L’arresto, giunto all’esito delle indagini svolte dai militari del G.I.C.O., è stato possibile anche grazie alla coraggiosa collaborazione di una vittima che dal 2015, trovandosi in difficoltà economica, aveva chiesto aiuto a quello che sarebbe poi diventato il proprio aguzzino. I prestiti in denaro si sono ripetuti nel tempo, in modo pressoché continuativo, sino all’inizio di quest’anno.

Nonostante gli ingenti importi rimborsati a titolo di interesse, l’ammontare del debito è rimasto pressoché immutato nel tempo, comportando la perdurante maturazione di interessi ad un tasso mensile del 10%, corrispondente ad un tasso annuale del 120%. Dal mese di Maggio 2015 al mese di Febbraio 2017 la vittima ha corrisposto interessi pari a € 4.980 a fronte di un prestito effettivo di € 2.250.

Da qualche tempo la vittima, a causa delle difficoltà economiche, non era più riuscita a versare la quota mensile degli interessi pretesi, per cui l’usuraio era diventato particolarmente insistente nelle richieste di denaro, accompagnate da gravi minacce anche di morte. A seguito delle opprimenti pretese ricevute, la vittima, rompendo il muro dell’omertà, si è recata dalla Guardia di Finanza per denunciare il proprio aguzzino.

L’usuraio è stato pertanto arrestato in esecuzione di un’Ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal GIP presso il Tribunale di Bari su richiesta della locale Procura della Repubblica.

Gli accertamenti della Guardia di Finanza continuano, certamente altre persone in difficoltà si sono rivolte all’usuraio tratto in arresto e forse anche loro troveranno il coraggio di denunciare.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi