Manfredonia
Come stabilito con recente delibera di Giunta

Manfredonia, fornitura acqua industriale zona PIP e DI46: contratto tra Comune e Syndial

"Nelle more di stipulare con il Consorzio per la Bonifica della Capitanata apposito contratto di sub-fornitura"

Di:

Manfredonia, 4 luglio 2017. CON recente delibera, la Giunta comunale di Manfredonia ha approvato – per quanto di propria competenza – lo schema di contratto tra Comune e la “SYNDIAL S.p.A.” per la fornitura di acqua industriale da servire tutto il comparto industriale P.I.P. e DI 46, nelle more di stipulare con il Consorzio per la Bonifica della Capitanata apposito contratto di sub-fornitura.

La relazione
Come dalla relazione dell’Assessore all’Urbanistica, avv. Matteo Ognissanti, con deliberazione di Giunta Comunale n. 160 del 17.07.2014, la Somacis è stata autorizzata ad eseguire opere di allaccio alla rete idrica industriale del P.I.P. e di quelle necessarie per realizzare, su area pubblica, uno stacco sulla dorsale di alimentazione della condotta DN 800 gestita dalla SYNDIAL, ottenendo successivamente dal Consorzio per la Bonifica della Capitanata il “nulla-osta” e da Syndial la disponibilità al temporaneo prelievo di acqua industriale da parte del Comune di Manfredonia, nelle more della formalizzazione delle intese in essere tra il Comune sipontino e il Consorzio per la fornitura dell’acqua in questione.

Con la stessa nota Syndial dava il proprio consenso alla realizzazione dello stacco da effettuare sulla propria condotta idrica e l’installazione di un contatore di misura.

Il 04.09.2014 è stato rilasciato, alla Somacis, il Permesso di Costruire per realizzare le opere di allaccio del citato complesso industriale, alla condotta idrica industriale della Syndial. Le opere sono state dichiarate ultimate il 09.12.2014.

Con deliberazione n.180 del 26.08.2015, la Giunta Comunale autorizzava la stipula del contratto tra il Comune di Manfredonia e la Società “SYNDIAL S.p.A.” per la fornitura di acqua industriale alla SOMACIS, nelle more di definire con il Consorzio della Capitanata la stipula di un contratto di subfornitura, demandando al dirigente del settore di competenza, l’attuazione di tale determinazione;

– in esecuzione della determina Dirigenziale n.2013 del 17.12.2015, tra il Comune di Manfredonia e la SYNDIAL veniva stipulato, in data 11 gennaio 2016, il contratto per la distribuzione di acqua ad uso industriale erogata dal Consorzio di Bonifica della Capitanata, scaduto il 31.03.2017 e prorogato per ulteriori sei mesi.

Il 27 marzo 2017 si è tenuto un incontro tra Comune di Manfredonia, la Società SYNDIAL ed il Consorzio di Bonifica per la Capitanata finalizzato a richiedere di incrementare l’attuale fornitura idrica fino a 350.000 metri cubi l’anno, in modo da garantire l’approvvigionamento idrico anche alle altre aziende del comparto ed a richiedere a SYNDIAL la stipula di un nuovo contratto.

Il Comune di Manfredonia rende noto che “sta portando a conclusione le operazioni di collaudo delle infrastrutture del PIP e della DI 46 per poi consegnarle al soggetto che le dovrà gestire”. Da qui, “nelle more del trasferimento di dette infrastrutture e della necessità di stipulare un contratto di subfornitura con il Consorzio di Bonifica della Capitanata”, la necessità di “garantire, per tali zone, il prelievo di acqua industriale fornita da SYNDIAL”.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • Fognadonia

    Quando saranno tolti quei maledetti veleni?


  • il prete

    ah syndial la stessa che prima si chiamava ENICHEM


  • Commercialista idealista

    A Manfredonia quindi siamo capaci di:
    A) aprire ed inaugurare la zona industriale senza le strade, l’acqua e chissà cosa altro;
    B) di fare arrivare l’acqua quando le anziede oramai hanno quasi tutte chiuso;
    C) di fare contratti e/o accordi con la società, il cui gruppo (diciamo) ci ha messo del suo per inquinare a suo tempo la nostra città, davo poi essere finanziata per la bonifica


  • Banana in c...o

    Era ora, prima danno adito ai buoi di poter scappare dalla stalla e poi….almeno quelle che sono rimaste (pochissime) potranno cominciare a dire di stare in un pseudo comparto industriale. Certo ne mancano ancora di opere primarie ma, prima o poi ci riusciranno magari quando non serve più, ma basta l’intenzione.
    Poveri noi in che mano Di tipologia di amministratori siamo……

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi