GarganoManfredonia
"Emiliano indica un percorso razionale per raggiungere l'obiettivo"

Ghetto Rignano, Azzarone/Pasqua: “Cancellare quella vergogna”

Dichiarazione di Lia Azzarone e Tommaso Pasqua, componenti della Direzione provinciale del Partito Democratico foggiano

Di:

Foggia. ”Lo smantellamento del ‘ghetto di Rignano’ è una priorità nell’agenda di governo della Re-gione Puglia e il presidente Michele Emiliano ha indicato un percorso razionale per rag-giungere l’obiettivo. Sostituire le tende alle baracche di legno e plastica, garantire servizi igienici dignitosi in-vece di latrine improvvisate e allacci idrici abusivi, promuovere la socializzazione e con-trastare la prostituzione sono azioni che hanno un minimo comune denominatore: restituire dignità ai lavoratori stranieri impiegati nelle campagne dell’Alto Tavoliere. Il presidente Emiliano ha correttamente interpretato la visione del compianto Guglielmo Minervini, rimasta tale per carenza di fondi e difficoltà logistiche. L’assunzione di responsabilità diretta da parte della Regione Puglia, che ha deciso di uti-lizzare un’area di sua proprietà per l’allestimento della tendopoli, imprime una positiva accelerazione al percorso di smantellamento del ghetto.

Un piano che i sindaci dell’Alto Tavoliere dovrebbero condividere, collaborando al supe-ramento degli ostacoli burocratici e delle contrapposizioni civiche e politiche. Altrimenti, ledichiarazioni sull’accoglienza dei lavoratori stranieri e le denunce delle ver-gognose condizioni di vita all’interno del ghetto di Rignano rimarranno vuota retorica, buona per un titolo di giornale e null’altro”.

Lo dichiarano in un nota Lia Azzarone e Tommaso Pasqua, componenti della Direzione provinciale del Partito Democratico foggiano.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati