GarganoManfredonia
Locandina in allegato

A Rignano Garganico tornano le sagre estive

Di:

Rignano Garganico. Come da tradizione, prenderanno il via a Rignano Garganico, le sagre estive organizzate dall’associazione “Pro Loco”, presieduta da Pietro Bergantino, che da anni, unitamente al Comune di Rignano Garganico, si adoperano per la buona riuscita degli eventi.

Si partirà domenica 7 agosto dalle 18,30 in poi, in Largo Porta Grande, con la 35a edizione della Sagra della Carne di Capra in acqua e sale e la 25a edizione della Sagra della Musciska; venerdì 12 agosto, sempre dalle 18.30 in poi, in Largo Manzoni, sarà la volta della Sagra della Mucca podolica e del Caciocavallo podolico, giunta quest’anno alla sua 12a edizione. Gli organizzatori fanno sapere che entrambe le sagre saranno animate dalla presenza di gruppi Folk del Gargano e in caso di maltempo si svolgeranno al coperto.

La Sagra della Carne di Capra fu istituita proprio per valorizzare e far conoscere ad un pubblico più vasto le ottime qualità della carne di questa antica razza autoctona del Gargano, da cui prende il nome. È facilmente riconoscibile per il pelo corvino, la testa caratterizzata dal ciuffo e dalla lunga barba sotto il mento, corna un po’ appiattite lateralmente, ritorte a descrivere un arco. È una razza sia da latte sia da carne, quest’ultima particolarmente ricercata nel mese di agosto, in cui la tradizione contadina ne prevede la cottura in umido con vari aromi.

A distanza di qualche anno si iniziò con Sagra della Musciska, istituita per fa conoscere la bontà della carne di pecora e le tradizioni dei pastori, che durante il periodo della transumanza, se ne servivano come cibo, nella lunga trasferta tra il Gargano e le montagne rigogliose dell’Abruzzo. Essa assume un sapore forte e aromatico perché disossata, tagliata a striscioline, viene salata e insaporita con peperoncino, finocchietto selvatico, aglio ed esposta al sole o all’aria per qualche settimana fino alla completa essicazione. Infatti il termine Musciska deriva dall’arabo mosammed che sta proprio a significare “cosa dura”. Negli ultimi anni è diventata il piatto tipico della cittadina garganica, tanto che è consumata anche fresca e/o arrostita alla brace; viene preparata anche con carne di vitello e maiale. La forte presenza in Puglia e in particolare sul Gargano, della mucca podolica, ha spinto gli organizzatori a valorizzare la sua carne e i suoi formaggi. Allevata allo stato brado, resistente alle malattie e molto rustica, offre, per queste sue caratteristiche, non solo latte particolarmente aromatico, ma anche carni sapide, sane, ricche di sali minerali e da un gusto indimenticabile. Dal suo latte si produce il buonissimo caciocavallo podolico, divenuto per i garganici e non solo, il formaggio per eccellenza.

La sua diffusione in Puglia risale a prima del Regno delle due Sicilie, mentre il suo nome, Cacio-a-cavallo indicherebbe la posizione particolare di stagionatura, ovvero a cavallo di un asse.
per info:-
– pagina ufficiale fb: Proloco di Rignano Garganico;
– numero di telefono: 329 6228411- 0882-820020;
– mail : prolocorignanogarganico@gmail.com



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati