Cultura

Uomini che odiano le donne – Larsson, 2007


Di:

stieg-larsson1 (liberolibro it)

stieg-larsson1 (image: liberolibro it)

Bologna – LA Millennium Trilogy di Stieg Larsson è una serie di culto. Pubblicata postuma dopo la prematura scomparsa dello scrittore, ha ottenuto un clamoroso successo in patria e in tutto il mondo. Dalla trilogia sono stati già tratti tre film svedesi, ora è in preparazione il remake americano del primo capitolo, Uomini che odiano le donne. I numeri sono impressionanti: milioni di copie vendute, traduzioni in 25 Paesi, 4 film realizzati, un’eredità contesa e voci insistenti sull’esistenza di materiale inedito nel computer dello scrittore. Stieg Larsson è diventato un mito (letterario, s’intende), osannato dai suoi numerosissimi fans e anche dalla critica, che ha attribuito ai suoi romanzi vari riconoscimenti, soprattutto in Svezia. Si rimane folgorati dalla purezza di questo giallo estremamente slow: l’autore utilizza pienamente le quasi settecento pagine del romanzo riuscendo a non annoiare in nessuna di esse. La trama lievita lentamente, senza fretta e forzature, avvince ed avanza con la sicurezza di una corazzata, coinvolge, emoziona, sorprende. È presente anche qualche ingenuità e qualche leggera inverosimiglianza, ma si tratta pur sempre di fiction. I protagonisti, poi, sono eccezionali, in particolare Lisbeth Salander, una ricercatrice/haker molto dark e piena di problemi. Un’eroina che si fa spazio nel cuore dei lettori con la stessa facilità con cui riesce a penetrare nelle vite degli altri attraverso il suo computer. Anche il giornalista Mikael Blomkvist è un personaggio pieno di fascino grazie alle sue contraddizioni e alla sua “normalità”, lontanissimo dallo stereotipo del classico detective tutto d’un pezzo, che non deve chiedere mai. La sua indagine è anomala già in partenza, proprio perché si tratta di un giornalista. Ma le sorprese che ci riserva Larsson sono tante e vanno assaporate un po’ alla volta. Un romanzo vivamente consigliato.

LA TRAMA – Michael Blomkvist è un giornalista e dirige la rivista Millennium. Dopo aver perso una causa per diffamazione, decide di lasciare la direzione del giornale. Nel frattempo un magnate dell’industria svedese, Henrik Vanger, cerca di ingaggiarlo per fare luce sulla scomparsa, avvenuta 36 anni prima, della nipote Harriet. Una richiesta insolita e bizzarra, anche perché in tutti quegli anni le indagini non hanno prodotto risultati significativi. Però i soldi offerti da Vanger, e la possibilità di passare un periodo lontano dal suo mondo, convincono il giornalista ad accettare. Si trasferisce così nella cittadina (immaginaria) di Hedestad dove comincia un’avventura ricca di colpi di scena che lo vedrà impegnato, con la collaborazione dell’enigmatica Lisbeth Salander, nella ricerca di una persona scomparsa e dei segreti di una famiglia che ha tante cose da nascondere.

L’AUTORE – Stieg Larsson (Karl Stig-Erland Larsson) è nato a Skelleftea il 15 agosto 1954 ed è morto a Stoccolma il 9 novembre 2004. E’ stato giornalista e scrittore, fondatore della rivista Expo, collaboratore di Scotland Yard. I suoi romanzi sono stati pubblicati dopo la morte improvvisa per infarto. Il progetto iniziale era di 10 romanzi, e pare che nel suo computer ci siano anche un quarto e quinto episodio. Per ora sono stati pubblicati solo tre: Uomini che odiano le donne, La ragazza che giocava con il fuoco, La regina dei castelli di carta.

Il giudizio di Carmine

Stieg Larsson
Uomini che odiano le donne
2007, Marsilio
676 pagine
Valutazione: 4/5

Uomini che odiano le donne – Larsson, 2007 ultima modifica: 2010-09-04T10:57:46+00:00 da Carmine Totaro



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi