CronacaScuola e Giovani

Piano scuola, FLC Cgil: “bene le assunzioni”


Di:

Foggia – IL documento del Governo “La buona scuola” recepisce alcune proposte che la FLC CGIL ha presentato negli ultimi due anni. Prima fra tutte la proposta di assunzione di 150 mila docenti che avvia la soluzione del problema del precariato. Sono anni che chiediamo la copertura dei posti disponibili. Quindi è una buona notizia. C’è però bisogno di avere certezze sulle risorse effettivamente disponibili. Positive sono anche: l’istituzione dell’organico funzionale, l’eliminazione delle “molestie burocratiche”, la restituzione del tempo pieno, la riforma degli organi collegiali.

Negativo nel documento è l’assenza di qualunque riferimento al rinnovo del contratto, fermo da 7 anni, nonostante si prefiguri un ridisegno di profili professionali e di materie regolate dal contratto. Né si fa riferimento al sindacato come interlocutore privilegiato sulle materie inerenti il rapporto di lavoro o come interlocutore tout court nella consultazione (ben venga) che si intende lanciare sulla proposta. Nelle stesse ore in cui è stato proposto il piano scuola la Ministra Madia ha annunciato che non ci sono le risorse per il rinnovo dei contratti pubblici.

Molte critiche esprimiamo anche sull’abolizione totale delle anzianità e sui criteri che si intendono introdurre nelle progressioni delle carriere che sono farraginosi, incerti nel chi valuta che cosa, ispirati a logiche competitive per premiare una parte ed escludere altri docenti definendo in anticipo la percentuale dei cosiddetti meritevoli. Si impostano le carriere sulla valutazione individuale dei singoli docenti e non incentivando il lavoro in team che può consentire un’effettiva innovazione dei modelli didattici e pedagogici della scuola. Peraltro le risorse sono le stesse degli scatti. Non vi è alcun riferimento al personale ATA la cui funzione è determinante per migliorare l’offerta formativa.

Un’ulteriore ingiustificata assenza è l’elevamento dell’obbligo scolastico a 18 anni mentre si piega l’istruzione ai bisogni delle imprese proponendo un modello di scuola che indebolisce la sua funzione sociale e democratica.

Attiveremo iniziative in tutti i territori e siamo pronti al confronto con il Governo ma anche alla lotta se non si ascolteranno le ragioni dei lavoratori. Deve essere chiaro che i punti di partenza devono essere certezze di risorse, rinnovo del contratto nazionale e una scuola non piegata alle logiche aziendaliste.

(economia.nanopress.it)

(A cura di FLC CGIL nazionale)

Piano scuola, FLC Cgil: “bene le assunzioni” ultima modifica: 2014-09-04T15:07:20+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This