Manfredonia
Il parere di un’infermiera professionale sulla nuova legge

“E’ più in pericolo il bambino non protetto che vaccinato”

Dibattito sulle nuove profilassi obbligatorie


Di:

Foggia. ”Lavoro da oltre vent’anni nella sanità come infermiera specializzata. Ho vaccinato i miei figli anche quando non si parlava di “aggiunte” alle quattro obbligatorie, condivido che siano diventati esavalenti obbligatori con pertosse ed Heamophilus b, mi meraviglia che ci siano sati dei ripensamenti sul meningococco B e C, secondo me molto rischiosi perché colpiscono a tappeto. In ogni caso, mi preme dire che li vaccinai per il mondo, il futuro, la vita in tempi non così segnati dal dibattito, e dalla legge. E’ più alto il rischio che i bambini muoiano per malattie che sembrano ormai debellate che per autismo. Dagli studi condotti in Giappone e in Norvegia già dal 1993 è stato dimostrato che non diminuisce l’incidenza di autismo anche sospendendo per anni la trivalente, cioè la profilassi per morbillo, parotite e rosolia. Invece che portare avanti lotte e polemiche contro queste che considero cure preventive di fondamentale importanza, va potenziata la ricerca su inquinamento ambientale, stradale, alimentare, all’origine di tante, troppe malattie.

Malattie vecchie e nuove

Si assiste, inoltre, ad una recrudescenza di malattie ormai debellate che approdano da noi insieme all’arrivo dei migranti: morbillo, parotite, poliomelite. I nostri figli vivono spesso, più frequentemente di un tempo, in luoghi chiusi quando sono piccoli e girano di più il mondo da grandi. E’ vero, molti di noi sono usciti indenni da un’infanzia segnata da pertosse, per citarne una, ma diciamo che siamo stati “fortunati”. Ricordo che le nostre mamme ci portavano nella coperta in Foresta Umbra per farci respirare aria pura quando i colpi di tosse non ci davano tregua, non ci facevano respirare né dormire. Una specie di viaggio della speranza, e ne abbiamo visti tanti. Le conseguenze della pertosse sono gravi, dall’encefalopatia ai disturbi neurologici. Ma perché si deve rischiare tutto questo? Mi soffermo, a proposito delle nuove profilassi introdotte, su Heamophilus B, un batterio non virale che può portare a complicanze come la meningite. Il varivax è importante contro la varicella e contro malattie che derivano dallo stesso ceppo come il cosiddetto “fuoco di San Antonio”. Prima che arrivasse il vaccino, questa malattia, se colpiva anche il viso, poteva portare alla cecità. Di famiglie trepidanti per il decorso ne ricordo tante, quarant’anni fa si andava incontro alla sorte senza poter far nulla, oggi le armi per combattere ci sono invece si innescano polemiche. Certo la malattia la puoi sempre contrarre ma la prendi in forma più lieve. E sembra una cosa da poco? Ma ci ricordiamo cosa è successo in certe regioni sulla meningite. Ripeto, è molto più pericoloso lasciare il bambino non protetto che vaccinarlo.

“Più severi sull’obbligo oltre l’asilo”

Ritengo che chi non si vaccina debba restare fuori dalla scuola, non solo dagli asili, come dice la legge, ma da tutti gli ordini di scuola perché diventano fonte di contagio. Non condivido questo “ammorbidimento” della legge, bisognava rimanere fermi nell’obbligatorietà, se aumenti, giustamente, le profilassi poi cedere alle proteste è assurdo, o sei convinto o non lo sei. L’unica cosa che consiglierei è di dilazionare le punture, un lasso temporale troppo breve tra l’una e l’altra può accelerare la malattia se un bambino è già predisposto. Per il resto è meglio avviarsi al mondo con questa corazza ignorando le “bufale” sulle controindicazioni, alcune messe in piedi ad arte e senza nessun riscontro. Auguri a tutti i genitori perché seguano ciò che dice la legge, per la salute dei loro figli”.

(Il parere di un’infermiera professionale sulla nuova legge, Foggia 04.09.2017)

“E’ più in pericolo il bambino non protetto che vaccinato” ultima modifica: 2017-09-04T22:55:04+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
45

Commenti


  • Cic'pazz

    Ora stiamo a posto. Ci mancavano i consigli dell’infermiera professionale accorta che scorda di dirci se lei si è vaccinata essendo categoria a rischio. Ora tutti a vaccinarsi per non incorrere nel rischio di essere giudicati dalla Santa inquisizione!

  • Appunto un genitore deve poter scegliere e essere costretto!! Comunque sono contraria ..saluti


  • Franco

    Non solo fuori dalla scuola ma anche dalla società: in galera!
    Evviva gli infermieri professionali.
    (messaggio ironico)


  • Gianluca

    Il corpo umano non si conosce tutto al 100%, uguale per le reazioni dei farmaci ed altre sostanze, quindi affermare senza ombra di dubbio che i vaccini diano solo benefici credo che sia una bufala che nessun scienziato o ricercatore possa oggi dimostrare, magari tra 50 anni scoprono che erano dannosi oppure ipotesi purtroppo da considerare che ne siamo già a conoscenza ma per alti profitti si fa finta di nulla.


  • Barbara

    Sarebbe interessante conoscere le competenze specifiche che hanno in materia, i signori che hanno commentato l’articolo. Laurea in medicina ? O si sono tutti laureati alla grande università del web? Quando leggo commenti del genere mi vengono sempre in mente le parole del grande Umberto Eco: “I social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli.Prima parlavano solo al bar dopo un bicchiere di vino, senza danneggiare la collettività. Venivano subito messi a tacere, mentre ora hanno lo stesso diritto di parola di un Premio Nobel. È l’invasione degli imbecilli”.


  • novax

    questa riforma obbligatoria sul vaccino si tratta dell’ennesimo favore verso le case farmaceutiche, con la complicità di politici e dottori che se ne infischiano della salute dei cittadini!! Io non vedo nessuna peste o virus che circola, perché tutto questo??? Sono malattie che possono esser curate anche senza far ricorso ai vaccini!! Pensa che per influenza si muore più di ogni altra malattia se non viene curata!! Purtroppo la società ha toccato il fondo, dove il DIO denaro regna!!!


  • andrea

    Sinceramente barbara a me non sembrano commenti imbecilli, dire che un infermiere non ha competenze, o che oggi non siamo ancora in grado al 100% di dire cosa fa bene o male al corpo umano in parte sconosciuto o che un genitore deve essere libero di scegliere, o che epidemie in giro non se ne vedono, o che qualcuno ha un notevole tornaconto economico, a me sembrano tutte cose giuste .


  • ilbellononvieneora@angelo.ric

    Dovrebbe ritornare la Spagnola o il vaiolo… e poi tutti cagati sotto a fare i vaccini!


  • Barbara

    Riporto parzialmente quanto scritto nel mio commento: ” Sarebbe interessante conoscere le competenze specifiche che, hanno in materia, i signori che hanno commentato l’articolo.” Non mi riferivo certo al parere espresso dalla signora, infermiera specializzata,nell’articolo e non in un commento, la sua competenza in materia è chiara.


  • Barbara

    Per chi ha voglia di approfondire la questione consiglio la lettura di questo interessante articolo: http://www.italiaincammino.it/vaccini-modello-california/


  • novax

    vabbe è un articolo scritto da un militante del PD ( la vera rovina del nostro paese), io se ho il morbillo me lo curo e non ricorro ai vaccini, fin ora chi ha avuto queste malattie e se lo curava come accade per l’influenza, è guarito….è evidente la mafia legalizzata che c’è dietro, dove Renzi e company fin ora sono stati solo dei prestanomi delle multinazionali…i medici fasulli purtroppo non hanno il coraggio di schierarsi dalla parte della verità, perchè se lo fanno vengono radiati dall’albo. Satana si infila ovunque anche nei medici!!


  • Gianluca

    Assurdo un medico se nutre dubbi sui vaccini viene radiato, costretto a consigliarlo e la gente costretta a farlo,


  • Stefania

    Questi tipo fissati anti vaccini sono gli stessi che si riempiono di farmaci per un doloretto al mignolo del piede.


  • Laura

    Il commento di novax dimostra quanto siano ignoranti gli anti-vacciniani.

    Pensano solo ai cavoli loro. Lui se ha il morbollo si cura, non gli interessa se nel frattempo contagia altre persone (che contagiano altre persone, che contagiano altre persone ecc ecc) tra cui potrebbero esserci persone “deboli” che rischiano la vita.

    A giugno scorso è morto un bimbo di 6 anni per complicanze da morbillo
    http://www.ansa.it/canale_saluteebenessere/notizie/sanita/2017/06/22/muore-bimbo-di-6-anni-per-complicanze-da-morbillo_4e904312-65ce-46f6-864b-4b875e4d0ce5.html

    Questa cosa vale per tantissime malattie, meditate gente, meditate.

    Gli anti vacciniani ripetono sempre le stesse stupidate (per andare contro Renzi e pd) lette su facebook contro Renzi ed i favori alle case farmaceutiche, ma se gli chiedi un minimo di riscontro su questa cosa, possono al massimo indicarti qualche sito di bufale.

    Siete ridicoli!!!


  • novax

    Io devo avere la libertà di scegliere cosa è giusto o meno della mia salute, non mi possono imporre con minacce di sanzioni. Le persone muoiono di morbillo come accade per una normale influenza, anche l’influenza è contagiosa. Ci dovremmo vaccinare anche per l’influenza? Non mi pare! Uno deve avere la libertà di scegliere! Ma lo sapete quanti miliardi ci guadagnano nel vendere questi vaccini??? In passato i medici e il governo son sempre stati menefreghisti sulla nostra salute, di un colpo sono diventati premurosi! poi se volete credere alle chiacchiare che pubblicano sui giornali e tv del regime, fatelo, io sto solo cercando di farvi aprire gli occhi e di non prendere tutto come oro colato quello che dicono!


  • Stefania

    X novax

    Nessuno è diventato più premuroso, se avessi letto i dati, ti saresti accorto che con l’abbassarci della percentuale di vaccinazioni, stanno tornando in Italia malattie che erano state debellate.

    La tua libertà finisce dove comincia la mia.

    Non hai alcun il diritto di spargere virus e far ammalare gli altri.

    Entrambi non siamo dottori specializzati in virologia, quindi per forza di cose dobbiamo affidarci agli specialisti.

    Solo che tu ti affidi agli specialisti delle bufale (immagino il tuo account facebook pieno di frasi antivaccini prese non sai manco tu dove),
    io invece mi affido agli immunologi, virologi , ordine dei medici, Federazione nazionale dei medici, F.I.M.P. (Federazione Italiana Medici Pediatri) e tutte le altre fonti ufficiali.

    Tra questi ci sarà qualche percora nera anti (figuriamoci, sono ovunque) ma non me ne frega niente.

    I fautori del complotto a tutti i costi (scommetto che credi anche alle scie chimiche) che continuano a parlare di favori alle case farmaceutiche senza uno straccio di prova hanno rotto le scatole.

    Se hai prove di favori a qualcuno postale qui, altrimenti continua la tua battaglia di bufale.


  • novax

    ma per voi sembra normale che un medico non possa esprimere la propria opinione, che tra l’altro non è contraria ai vaccini?? vi lascio un articolo:

    http://www.ilfattoquotidiano.it/2017/05/24/vaccini-un-altro-medico-scettico-radiato-dario-miedico-firmo-lettera-destinata-alliss/3610993/


  • Massimo

    novax ,
    quel medico appartiene al Comilva (Coordinamento del movimento italiano per la libertà di vaccinazione).

    Sei un medico? SI
    L’ordine dei medici ha detto che bisogna vaccinarsi? SI

    Se non sei d’accordo, esci dall’ordine dei medici e fai quello che cavolo di pare.


  • Romano

    Intanto di autismo non si muore se non dopo decine di anni e per situazioni collaterali, ovviamente di tante malattie si muore, a secondo se è meglio vivere da autistico o non vivere da autistico i punti di vista cambiano.
    Vi sono più bambini autistici in italia, che anche solo malati di varicella o morbillo, meningite o rosolia, e infinitamente di meno sono poi i morti di queste malattie.
    Se solo si smettesse i vaccinare e si vietasse il fumo la riduzione di morti da fumo o malati cronici o invalidi da fumo, sarebbe ben superiore a quella dell’aumento dei morti da epidemie (ma così nessuno ci guadagnerebbe).

    Vedo con piacere che l’infermiera è più informata dei produttori di vaccini, visto che loro pacificamente ammettono migliaia di malati cronici ed invalidi gravissimi dall’uso i vaccini ed in contemporanea anche che vaccini provochino l’autismo, sulla leggenda dei vaccini (bugiardino farmaceutico) nei paesi in cui la legge glie lo impone.

    Perfino i governanti ed i dirigenti sanitari ammettono che vi sarà un incremento notevolissimo di danneggiati dai vaccini per codesta obbligatorietà (anche eliminando in contemporanea i risarcimenti per l’autismo) ed hanno incrementato i fondi per i risarcimenti.

    Lei assume la posizione antiscientifica di un moderno gurù o sciamano,
    ed al pari di chi non riteneva di fare menu differenziati per bambini diversi, quando non si considerava con adeguatezza la dannosità di alcuni alimenti per i: celiaci, gli intolleranti al latte alla caseina al lattosio o gli allergici, i malati del morbo di crhon o gli allergici al pesce o alle fragole ecc., considerando lei plausibile ed accettabile somministrare a tutti i bambini la stessa identica mistura in fase ancora sperimentale direttamente nel sangue (si i vaccini che si danno in Italia sono ancora in fase di sperimentazione ed i bambini sono cavie), quando secondo scienza e coscienza non gli si somministrerebbero gli stessi identici alimenti

    Lei appartiene agli stessi soggetti (maggioranza della comunità scientifica di allora ed adesso) che per interesse di baronaggio, di bottega, di lavoro, per conformismo, per appoggio a lobby o potenti del momento o di adesso, misero in croce il medico che diceva che negli ospedali vi erano più complicazioni dei parti fatti in casa dalle ostetriche perchè non si metteva attenzione alla pulizia di arredo, tovaglie, indumenti, lenzuole e strumenti, o di chi per primo disse che bisognava sterilizzare i ferri da chirurgo e che erano i chirurghi ad infettare e far ammalare gli operati, di chi era contro l’uso degli antibiotici per la sifilide o di chi diceva, in Italia, dopo trentanni che in America si erano consolidate le basi biologiche dell’autismo, che loro come baroni delle università italiane consideravano ancora valide la teoria della madre frigorifero e la malattia come una malattia psicologica da curarsi con la psicoterapia ai genitori, o di quelli che persistevano contro Kanner, unico a dire che non fosse schizofrenia infantile ma una nuova malattia, l’autismo, o di quelli che ritenevano assurdo l’inoculazione di vaccini per il vaiolo.
    Ma vogliamo parlare anche della comunità scientifica che mise inquisì Galileo per ossequio al potere clericale di allora?
    Lei si pone perfino contro le idee di geni come Montagnier, che perfino lui esprime i suoi dubbi su codeste vaccinazioni ed autismo.

    Dal basso delle sua attività infermieristica, senza conoscere neanche cosa siano o significhino: MRC-5; Wistar RA 27/3; cellule Vero; Thimerosal; idrossido di alluminio; Pharmacol Toxicol 2001 Apr; 88(4): 159-67.; Tween-80.

    Ma almeno di formaildeide avrà sentito parlare?

    Degli studi approvati pubblicati e riconosciuti:
    N.Z. Miller, Gary S. Goldman 2011 ´´Infant mortality rates regressed against number of vaccine doses routinely given: is there a biochemical or synergistic toxicity?´´ (Trad: il tasso di mortalitá infantile correlato al numero di dosi-vaccino normalmente somministrate: c´è una tossicitá biochemica o sinergistica?). Hum. Exp. Toxicol. 2011 sept 30(9): 1429;

    Dei rapporti IAS e Godfrey;

    Li ha mai studiati o solo letti?


  • Romano

    Purtroppo gli ignoranti pigri preferiscono le semplificazione del genere “i vaccini prevengono, se tutti lo fanno io corro meno rischi”.
    Oppure “gli immigrati son la causa di tutti i nostri mali oppure lo è l’uomo neroil bau bau.”

    Purtroppo la verità, la scienza, la biologia, le diversità umane, l’epigenetica, la genetica, la politica gli interessi economici e delle multinazionali non sono mai semplici.

    Ma i cafoni, idioti ignoranti e pigri che appestano il web (quando non prezzolati) si bevono tutte le semplificazioni che la propaganda gli ammannisce.

    Nessuna multinazionale, banca organizzazione, lobby, massoneria si muove per interessi umanitari.

    L’affare vaccini fa girare guadagni sicuri e certi con cifre di soldi pubblici che sono paragonabili solo a quelli delle armi e del petrolio, con l’aggravante di concentrarsi in poche mani (connesse tra loro) senza le corrispondenti spese ed investimenti.

    Nessun politico italiano si impegnerebbe tanto a gratis neanche in vista di una nuova peste nera (ma certamente si muoverebbe se avesse un enorme tornaconto personale).

    I paesi a miglior welfare, a miglior salute, minor corruzione, a miglio benessere, hanno meno vaccinazioni obbligatorie, i paesi come la Lituania, ex orbita sovietica, Cina ed in generale quelli con le classe politiche più fetide e corrompibili hanno più vaccinazioni obbligatorie.

    Son dati di fatto.

    (questa è l’unica semplificazione ammissibbile)


  • Dario

    Per Romano

    Per l’unica semplificazione ammissibile (con una b) basta guardare nei paesi dove i vaccini non possono permetterseli, milioni di morti ogni anno.

    Vaccinazioni, 2 milioni di vite salvate ogni anno ma 1 bambino su 5 ne è escluso
    vedi http://www.unicef.it/doc/4721/settimana-mondiale-vaccinazioni-2013.htm

    Per il resto…tutte fake.


  • Gianluca

    Il fuma da sigaretta fa morire migliaia di persone l’anno, le persone che si ammalano costano miliardi al sistema sanitario, nessuno vieta il commercio perché ? c’è un giro di miliardi di euro dietro, quindi sicuro che questi ci tengono realmente alla nostra salute ?


  • Dario

    Per Gianluca

    Le restrizioni per i fumatori negli ultimi anni sono aumentate tantissimo, e continueranno ad aumentare sempre di più.

    In alcuni paesi, evidentemente più evoluti di noi (vedi il Giappone) è vietato anche fumare per strada.

    Ci vorrà tempo, ma ci arriveremo anche noi.


  • novax

    Per Dario,

    in quei paesi la vaccinazione è appropriata perché non ci sono strutture sanitarie, medici, e quell’igiene che permette di curarla, allora si che ci vuole la vaccinazione. L’Italia invece non è un paese da terzo mondo, pertanto non è necessario una misura così drastica.


  • Dario

    Per novax

    Le vaccinazioni obbligatorie sono già presenti in 14 Paesi europei, negli Usa e in Canada.

    Non sapevo che questi fossero paesi del terzo mondo.

    😂😂😂


  • novax

    Per Dario,

    Io sono un cittadino italiano e guardo ai nostri problemi, se gli USA e Canada e altri paesi hanno adottato tali decisioni non vuol dire che anche l’Italia si debba adeguare e sopratutto renderlo obbligatorio!


  • novax

    Che poi se si vuole analizzare la situazione europea, si vede che chi prevede il vaccino obbligatorio sono i paesi del ex unione sovietica, governi facilmente corruttibili! Negli USA e Canada, c’è una via intermedia, ovvero se non ti vaccini non c’è nessuna sanzione! Ogni paese hai suoi problemi! Fatto sta che i principali paesi europei: Regno Unito, Spagna, Francia, Olanda, Belgio…. non è obbligatoria e non prevedono 10 vaccini!


  • Gianluca

    10 vaccini obbligatori c è la varicella due crosticine e 37,5 di febbre, non c’è la meningite che è quasi morte sicura, bo ?


  • Dario

    Gli stati sono costretti ad imporre i vaccini obbligatori nel momento in cui si sono resi conto che la % di vaccinati è scesa di molto al di sotto della soglia critica (leggi qui http://www.truenumbers.it/bambini-vaccinati/).

    Negli altri paesi civili la gente si vaccina in massa. In italia purtroppo, c’è gente come te che (dopo essersi riempito la testa su facebook) si sente esperto virologo, e poi non è neanche capace di capire il bugiardino dell’aspirina.

    Comunque…non c’è problema, hai detto che i vaccini non sono obbligatori nel Regno Unito, Spagna, Francia, Olanda e Belgio?
    Bene, prepara la valigia e parti.

    IN ITALIA I VACCINI SONO OBBLIGATORI!!!

    Saluti.


  • Massimo

    Ecco Gianluca, altro esperto di vaccini laureato sui social.

    Lui conosce benissimo tutte le malattie virali esistenti e sopratutto conosce uno per uno l’obiettivo, la natura chimica e le funzioni farmacologiche di tutti gli eccipienti presenti nei preparati dei 10 i vaccini.

    Complimenti gianluca.


  • novax

    Guarda a parte che Facebook non lo utilizzo mai e poi non ci vuole una laurea in medicina per capire come il nostro governo illegittimo ci prende in giro, con una legge incostituzionale al 100%. Un medico deve avere il diritto di poter esprimere la propria opinione riguardo i vaccini, altrimenti questa si chiama dittatura!! Non è con l’imposizione sulla gente che si ottengono questi risultati, in un paese civile e democratico dovrebbe esserci l’informazione! questi sono metodi che non venivano usati neanche nel Fascismo!

    Saluti


  • novax


  • Romano

    @Dario
    Se lei non fosse in mala fede o prezzolato, lei ci farebbe fare tante risate. Come tutti voi prezzolati o idioti, non controbattete nel merito e con argomenti. Lei ci dice che in paesi dove si muore per mancanza di disinfettanti e per mancanza di acqua, dove si diventa ciechi perché non ci si può lavare gli occhi, dove non si hanno soldi per acquistare preservativi o dove il reddito medio pro capite è di 50 centesimi al giorno, vi sono milioni di morti.
    Se non facesse piangere la gente in malafede o idiota come lei ci farebbe ridere, nulla ci dice su Svezia, Finlandia, Danimarca, Islanda, Norvegia ecc., ma ci parla di paesi in cui si muore già solo di fame e di sete, dove normalmente non si usano cerotti, disinfettanti, antibiotici, medicine, vitamine o semplicemente acqua o alimenti e magari un medico in vita loro non lo hanno mai visto o per vederlo devono fare 100 km a piedi aprendo un mutuo. Dove mangiano cibi infestati di larve e marci e fanno concorrenza alle mosche per l’acqua o il cibo e neanche allontanano zanzare pidocchi pulci e mosche dagli occhi e dalla bocca loro e dei bambini, mangiano topi e cani marci e bevono la stessa fanghiglia dove pisciano, cacano e marciscono animali e uomini.


  • Alfonso Marini

    Incostituzionale????
    ahahahahahahahahahahhaahahahha

    Si continua con le bufale da social.

    Di recente circolano diversi post su facebook, twitter, meme, catene di WhatsApp e quant’altro che sosterrebbero che il decreto sull’obbligatorietà dei vaccini sia incostituzionale in quanto l’Art. 32 della costituzione recita:

    La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettivita`, e garantisce cure gratuite agli indigenti.

    Corretto. Peccato che dopo il comma 1 ci sia il comma 2, il quale recita:

    Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.
    La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.

    Che tradotto dal legalese significa: se il Parlamento o il Governo ritengono che ci siano le basi per obbligare qualcuno a sottoporsi a un determinato trattamento sanitario (come l’emergenza sanitaria dovuta a una possibile epidemia di morbillo ad esempio, che non significa che ci sia un’epidemia in atto ma che bisogna attuare misure di emergenza preventive per evitare che scoppi l’epidemia) possono farlo, finché non ledono la dignità umana, ovvero finché non devono legarti al letto e fisicamente fartelo subire.

    Secondo questo articolo, il Decreto è incostituzionale?
    No, perché è prevista una multa nel caso non ci si sottoponga alle vaccinazioni obbligatorie, non la reclusione in un campo di concentramento.

    Per di più, a favore del decreto c’è anche una sentenza della corta costituzionale,
    la n° 254/1994 .

    Il diritto di parola purtroppo adesso lo hanno anche troppe persone.

    Umberto Eco: “I social Hanno dato diritto di parola a legioni di imbecilli”


  • Romano

    @ Dario

    Siete ridicoli nel cercare di convincere le persone democratiche con la solita stessa argomentazione antiscientifica, fosse per voi la costituzione italiana già starebbe nel cesso e la sovrantita del popolo già sarebbe anche perfino palesemente e non solo di nascosto in mano a multinazionali e banche (i vostri padroni).

    Per i vostri interessi di bottega e per non ridurre i margini di guadagno, fareste mangiare nelle mense scolastiche gestite dai privati e in quelle pubbliche lo stesso identico menu a celiaci, allergici, intolleranti, vegani, malati di morbo di crhon ecc., con l’obbligo di mangiare a mensa pena esclusione dalla mensa, dalla scuola o dal lavoro (ma già obbligate i genitori a non far portare il loro pasto o panino nelle mense scolastiche, per questione di non concorrere con il vincitore della gara di gestione della mensa o ridurgli i margini di guadagno), esattamente come obbligate indifferenziatamente ed antiscientificamente tutti i diversi bimbi a fare tutti le stesse mega dosi degli stessi vaccini in contemporanea, esa o penta o quadrivalente, senza possibilità di libertà di scelta commerciale e di concorrenza, o di scelta di metodologia e tempistica a scelta dei medici e pazienti (all’unico evidente scopo antiscientifico di favorire il produttore ed aumentargli i margini di guadagno), senza obbligare alle loro responsabilità i produttori e mettendo a carico dei cittadini i danni da loro arrecati, senza obblighi di seguire gli iter obbligatori di studio e sperimentazione e ricerche a cui sono obbligati gli altri produttori di farmaci, senza obbligo di indagare su target particolari di pazienti danneggiati o danneggiabili e diversità di reazione ed effetti su categorie con fenotipi, genetica ed epigenetica diversa o appartenenza a ceppi etnici particolari o con particolarissime patologie nascoste (bimbi a reazione non standard).

    Strafottendosene se con studi e ricerche apposite si possano ridurre le percentuali dei danneggiati gravi o gravissimi da vaccini di centinaia di migliaia di bimbi solo in Italia ed in europa.

    Non si consente la scelta di monodose distanziati, di vaccini diversi da quelli che (hanno vinto un appalto?) sono stati scelti per essere arricchiti con soldi pubblici, di vaccini che non siano in fase di sperimentazione, ed infine non si dà ai medici la facoltà di esercitare liberamente la propria professione con scienza e coscienza ed addirittura scienziati o medici che divergano dalle scelte governative (anche solo circa il marchio di vaccino o i tempi di somministrazioni o la tipologia di somministrazione o se monodose, tri, esa o quadri o pentavalente o su alcuni eccipienti o audiuvanti), con tanto di applicazione della stessa santa inquisizione governativa, espulsioni dagli ordini, divieto di esercitare, divieto di diffondere, divulgare, comunicare, proiettare, entrare nel paese o viaggiare a chi ha una opinione non conforme alle scelte governative e alle scelte del produttore e della tipologia di vaccino, cosa che in Italia non è mai avvenuta con tanta facilità neanche contro medici scienziati, dirigenti pubblici e dell’agenzia del farmaco, colpevoli di gravi errori dolosi o colposi, di gravi inadempienze, di morte e di abusi o di ladrocinio, di corruzione e malafede, di TRUFFA AGGRAVATA CON LESIONI E MORTE.

    P.s. occupandomi di informatica oltre che lavorando nella ricerca e formazione scientifica post laurea, anche a me son stati garantiti proventi e pubblicità a pagamento se avessi aperto un blog provaccini, ma sia perché sento questa cosa contro la mia moralità umana e cristiana, sia perché non sono portato per questa tipologia di attività propagandistica, non ho accettato.


  • Romano

    @ Dario

    Ed a tutti quelli che “bisogna spingere i vaccini che ci rendono di più, quelli che che ci hanno corrotti e hanno corrotto i nostri politici, quelli che più se ne vendono più i nostri bond salgono, quelli che se si fanno tutti con una sola iniezione guadagniamo qualche euro in più ogni iniezione, quelli che se aspettiamo di finire studi e sperimentazioni un nostro concorrente ci ruba il mercato e gli studi ci costano piccola parte dei nostri enormi profitti e chi sene fotte se muoiono o restano invalidi centinaia di migliaia di bimbi in più o in meno, tanto li pagano i cittadini, quelli di una cosa devono morire o di epidemia o dei nostri vaccini ma se si fanno i nostri vaccini noi ci facciamo barche e ville.

    Io rispondo che non sono contro i vaccini anzi, ma visto che non siamo in guerra, per ora, ne nella crisi da peste nera, anche essi si dovrebbero adeguare ai principi di massima precauzione e garanzia, convenienza e concorrenza, e che come per ogni farmaco bisogna valutare rischio e beneficio per i singoli pazienti.

    Nella scienza della corruzione e della truffa vale il principio di fotte chi pote, e che a 10 cm dal culo mio fate che cazzo volete.

    Ma per la mia idea di scienza e morale medica, nessuno si sognerebbe (o dovrebbe farlo) di obbligare alla somministrazione dello stesso farmaco per tutti i pazienti indiscriminatamente ed allo stesso modo, con la stessa metodologia dose e mezzo, in particolare se lo si deve fare con pazienti, bimbi piccoli, non in grado di segnalare gli effetti, di comprendere se e perché e come, stanno male, ne di provvedere od indicare ai loro genitori (magari incapaci per mancanza di professionalità di cogliere perfino i segnali gravi, sintomi, diversità dei loro bimbi, preferenze ed effetti).


  • Dario

    @romano

    In mala fede, prezzolata o idiota sarà lei e sua sorella,
    se vuole discutere seriamente OK, altrimenti vada ad insultare chi non è d’accordo con le nel suo account facebook.

    Nel terzo mondo non si muore solo per mancanza di disinfettanti, mancanza di acqua, igiene ecc ecc, ma anche a causa di malattie da noi debellate come il morbillo.

    Ancora oggi il morbillo uccide 330 bambini ogni giorno soprattutto in Africa e in Asia.

    http://www.unicef.it/doc/5525/i-vaccini-salvano-la-vita-nuovo-rapporto-unicef.htm

  • Ma perché tutti quelli che sono contro i vaccini credono alle scie chimiche?

    Mah….

    Lannnesssssss, aiutaci tuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu


  • novax


  • novax

    ci sarebbe tanto da dire su questa schifezza di legge, questo è solo un assaggio, ovvero l’assenza dei presupposti per l’adozione del provvedimento provvisorio con forza di legge così come indicati dall’art. 77, 2°comma, della Costituzione; attesa la “straordinaria necessità ed urgenza” procrastinata per 19 giorni e poiché il Governo non indica quale sia lo stato di necessità che ne abbia legittimato l’adozione. Sono trascorsi 19 giorni da quando il Consiglio dei Ministri, il 19 maggio, ha approvato un Decreto legge contenente “misure urgenti in materia di prevenzione vaccinale” (stando alla lettura del comunicato stampa n. 30) sino al momento in cui lo stesso D.L. è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 130 del 7 giugno. 19 giorni di gestazione sono davvero tanti per un provvedimento che, pur recando nella sua rubrica: “disposizioni urgenti”, nelle successive premesse, indica, nell’ordine:

    – di aver “visto l’art. 77 della Costituzione”

    – di ritenere “la straordinaria necessità ed urgenza di emanare disposizioni per garantire in maniera omogenea sul territorio nazionale le attività dirette alla prevenzione, al contenimento e alla riduzione dei rischi per la salute pubblica e di assicurare il costante mantenimento di adeguate condizioni di sicurezza epidemiologica in termini di profilassi e di copertura vaccinale”;

    – di aver visto ”la deliberazione del C.d.M. adottata nella riunione del 19.5.2017”.

    Una contraddizione in termini, una cosa urgente, urge, si fa subito, come prescrive, per i decreti, appunto, l’art. 77, 2° comma, Costituzione, pur “visto” dal Governo. Se sussiste la “straordinaria necessità ed urgenza” ravvisata e si è lasciato trascorrere quasi 3 settimane, significa solo che o il pericolo non c’era; oppure se c’è, che la condotta del Governo è potenzialmente pericolosa per l’incolumità pubblica. Ma il dubbio sulla sussistenza o meno del carattere dell’urgenza, che avrebbe costituzionalmente legittimato il D.L., viene fugato definitivamente da questa ulteriore premessa dello stesso provvedimento, che indica:

    – di ritenere altresì “necessario garantire il rispetto degli obblighi assunti delle strategie concordate a livello europeo e internazionale e degli obiettivi comuni fissati nell’area geografica europea”.

    Ulteriore conferma del fatto che non sussiste alcuna situazione emergenziale cui far fronte con il decreto- legge in questione, visto che lo stesso piuttosto sembra dare attuazione ad “accordi” che sarebbero stati assunti dal nostro paese al “livello europeo ed internazionale”, quindi con ampio anticipo rispetto all’emanazione del decreto-legge stesso. Oltretutto non viene in alcun modo specificato a quali accordi europei o internazionali si faccia riferimento.

    Di fatto non può non considerarsi che nel settembre 2014, a Washington (USA), il ministro della sanità Lorenzin, unitamente all’allora rappresentante dell’AIFA (agenzia italiana per il farmaco) partecipavano al Global Health Security Agenda (G.H.S.A.), nell’ambito del quale il nostro paese “riceveva l’incarico” di guidare nei prossimi cinque anni a livello mondiale le strategie e le campagne vaccinali (cfr. comunicato stampa n. 387 del 29.9.2014 AIFA).

    In conclusione, l’art. 77, 2°comma, Costituzione facoltizza il Governo ad adottare, sotto la sua responsabilità, provvedimenti provvisori con forza di legge, in casi straordinari di necessità ed urgenza. Il Governo non indica nelle premesse del suo decreto quale sia lo “stato di necessità” (cui va ricondotto il sistema del decreto-legge, secondo la relazione del Presidente della Commissione della Costituzione, On. Ruini, nelle sedute del 16 e 17 ottobre 1947), cui far fronte, rendendo peraltro impossibile anche il successivo sindacato sulla sussistenza effettiva dei caratteri di necessità ed urgenza.

    Dal provvedimento del Governo pertanto non emerge alcuna indicazione circa l’effettiva sussistenza di una diffusione della/e malattia/e “quale fatto che, secondo il diritto vivente, giustifica l’ordine sanitario ai genitori di sottoporre i figli a vaccinazione” (cfr. Corte Costituzionale, Sentenza n. 142/1983). Verrebbero pertanto a mancare i presupposti per l’adozione del provvedimento provvisorio con forza di legge, così come indicati dall’art. 77, 2°comma, Costituzione.


  • Romano

    Spiace costatare che Dario abbia la coda di paglia e ancor di piu’, che sempre senza argomentazioni giuridiche, mediche o statistiche, contro ogni logica scientifica o anche solo intelletiva, difenda a spada tratta provvedimenti dispotici, anti scientifici, anti concorrenza, anti convenienza, anti democratici, illoggici, in eccesso se non abuso di potere, anti costituzionali ed bloccanti i naturali meccanismi migliorativi, di selezione del mercato e di massima precauzione che caratterizzano le democrazie evolute occidentali, le quali tengono conto della realta’ scientifica ed almeno di libera scelta e concorrenza, nelle scelta metodologica e libera concorrenza, nell’ambito delle decisioni politiche.


  • Romano

    Spiace anche vedere, dai commenti pro monopoli dei vaccini scelti dai politici, le cui multinazionali hanno corrotto la politica, spingenola alla anti liberalita,’ anti scientificita’ ed anti concorrenzialita’, vi siano solo argomentazioni al livello di chiacchiere da tabbaccaio, scie chimiche, totale estraneita’ al diritto costituzionale, diritto amministrativo, diritto pubblico e zero esperienza e competenza nelle scienze biologiche e nella pratica medica. Il tutto contornato da totale illoggicita anche banale ed umana nel controbattere.


  • Romano

    Senza contare la necessita’ di un passaggio presso una struttura C.I.M. della propria A.S,L., per un piccolo controllo, per coloro che si dicono convinti della protezione dei vaccini scelti per loro e i loro figli dai politici e, che per coerenza, presumo si siano vaccinati di corsa e risultano coperti, che accusano chi non si fa vaccinare di mettere a rischio la loro salute e dei figli per codeste malattie e ne chiedono, per codesti, la vaccinazione coatta, proprio per escudere un rischio che loro avrebbero gia’ escluso e per malattie da cui sarebbero immuni se credessero alla copertura del vaccino.


  • Romano

    @ dario
    07 settembre 2017 alle 11:08

    Per miei principi morali non wuozzappo e non facebucco.
    Scusi i termini ma ciò le darà una idea di cosa penso di questi social media da dementi e da autismo sociale autoindotto.

    Se lei ci dice che muiono 350 bimbi di morbillo, penso sarà anche al corrente che di farmaci in genere muiono più persone, di vaccini non ne paliamo se no mi accusa di essere novax quando io invece dico solo che per interessi economici, politici e multinazionali giocano alle corruttele in una branca con conoscenze scientifiche immature per una disciplina che ha molto da comprendere in più di quanto crede di comprendere, ma su cui troppo poca ricerca di base ed innovativa si fa, limitandosi alla poca ricerca tecnica necessaria solo per iper remunerativi scopi commerciali, ma in compenso tenendo ormai in nessun conto il principio di massima precauzione, al pari delle multinazionali delle armi, del petrolio e dei pesticidi o degli o.g.m., o alimentari.

    La mia accusa e che ormai quella sui vaccini, al pari delle precedenti citate non è più ricerca medica biologica pura, ma si è trasformata in una pura pratica di ricerca tecnologica commerciale ed scienza lobbystica di pressione e propaganda sugli organi decisionali politici e sulla pubblica opinione.


  • Pablo

    È ovvio che i vaccini obbligatori siano un favore alle case farmaceutiche…vi ricordo che esistono lobbisti pagati e il loro lavoro è proporre e convincere politici per fare leggi a favore della.banca, casa farmaceutica o.multinazionale.nessuno è contro i vaccini ma vogliamo vaccini puliti e solo se necessari. Vi invito in tal.senso a seguire su you tube del.signor stefano montanari che analizza i vaccini al microscopio e di sua moglie antonietta gatti esperta mondiale di nano e.microparticelle e se riuscite a screditare lei vi faccio una statua a grandezza statua della liberta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi