Legambiente: “Ribadiamo l’appello ai parlamentari pugliesi e alla Regione affinché si facciano promotori di una legge che vieti la pericolosa tecnica dell’airgun”

Nuovo via libera alle ricerche di petrolio nel Basso Salento

A destare preoccupazione sono sia le tecniche utilizzate che potrebbero avere ripercussioni negative sulla fauna e sulla flora marina presenti


Di:

Bari. “A fronte delle due istanze avanzate dalla società petrolifera Global Med LLC, siamo fortemente preoccupati – commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – per il nuovo via libera concesso dal Ministero dell’Ambiente, di concerto con il Ministero per i Beni culturali e per il turismo, alla ricerca di petrolio nello specchio d’acqua al largo di Santa Maria di Leuca attraverso l’airgun, cannoni ad aria compressa che provocano onde sismiche sottomarine in grado di scandagliare i fondali attraverso appositi rilevatori sonori per verificare o meno la presenza di petrolio. Questa occasione ci spinge a chiedere nuovamente ai parlamentari pugliesi e alla Regione di farsi promotori di una legge che vieti la tecnica dell’airgun, estremamente pericolosa e impattante per l’ecosistema marino, oltre che la redazione di un Piano delle Aree per le attività di prospezione, ricerca e coltivazione degli idrocarburi, da sottoporre a valutazione ambientale strategica, per avere un quadro degli effetti cumulativi delle attività petrolifere in corso, visto che la Puglia continua a far gola alle società petrolifere”.

A destare preoccupazione sono sia le tecniche utilizzate che potrebbero avere ripercussioni negative sulla fauna e sulla flora marina presenti, che la reale estensione dell’area da indagare, visto che questa prima autorizzata è contigua ad altre due delle stesse dimensioni. Queste, sommate, porterebbero a una macroarea in pieno mar Ionio settentrionale, favorendo il rischio che vi siano trivellazioni a poco più di dodici miglia nautiche dalla costa salentina, quindi fuori dalla fascia di interdizione delle trivelle confermata anche dal referendum abrogativo del 2016, qualora dalle perlustrazioni dovessero emergere dati utili all’emungimento del combustibile fossile.

Nuovo via libera alle ricerche di petrolio nel Basso Salento ultima modifica: 2017-09-04T17:18:46+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    TRIVELLE IN SALENTO, DONNO (M5S): ENNESIMO ABUSO DEL NOSTRO TERRITORIO
    Lecce, 4 settembre 2017 – “Come da copione, il Governo non si smentisce e, con la complicità degli ultimi giorni di agosto, sferra l’ennesimo attacco all’ambiente e alle nostre coste pugliesi, sempre più assalite dall’implacabile ingordigia di multinazionali senza scrupoli” così commenta la Senatrice Daniela Donno (M5S) la notizia relativa al via libera dato dal Ministero Ambiente lo scorso 31 agosto alle prospezioni con l’airgun volte a cercare idrocarburi nel mare salentino.
    “Oltre al palese rischio ambientale, esiste un altro preoccupante pericolo, quello legato al profilo storico-archeologico. Lo stesso Mibact, infatti, nonostante abbia dato l’ok, tiene a specificare la necessità di sospensione immediata delle ricerche se durante le indagini sismiche dovessero spuntare sui fondali potenziali presenze archeologiche o anomalie sospette. Un atteggiamento, questo, a dir poco schizofrenico. Una volta fatto il danno, come si potranno recuperare gli eventuali reperti di pregio andati perduti?” prosegue Donno.
    “Un territorio che vive di turismo non può subire una simile aggressione. Siamo stufi di queste continue intrusioni che non sono altro che il chiaro preludio di installazioni in mare e di opere senza capo né coda, TAP in primis. Intanto, la flora e la fauna marina verranno distrutte irreversibilmente mentre Emiliano sta a guardare questo disastroso e perdurante abuso del nostro paesaggio” conclude Donno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi