Manfredonia
Come stabilito con recente sentenza

Comune Manfredonia, dipendente chiede risarcimento per mobbing: opposizione

Il Comune di Manfredonia ha affidato all'Avv. Romeo Tigre di Foggia l’incarico di rappresentare e difendere l’Ente, munendolo del relativo mandato.

Di:

Manfredonia. CON recente delibera, la Giunta comunale di Manfredonia ha autorizzato il Sindaco ad impugnare dinanzi alla corte d’appello di Bari, sezione Lavoro, la sentenza n.4850/2016 emessa dal Tribunale di Foggia, Sezione Lavoro, con la quale l’Ente è stato condannato al pagamento della somma di € 96.749,00, oltre interessi legali e al pagamento delle spese legali sostenute da un dipendente per un totale di € 12.800,00 oltre accessori come per legge e rimborso spese CTU. In precedenza, con ricorso depositato in data 03.03.2009, “il citato dipendente in quiescenza del Comune di Manfredonia, aveva agito in giudizio dinanzi al Tribunale del lavoro di Foggia chiedendo l’accertamento del mobbing perpetrato nei suo confronti e la condanna al risarcimento dei danni patiti quantificati in € 130.654,40″.

Il Comune di Manfredonia ha affidato all’Avv. Romeo Tigre di Foggia l’incarico di rappresentare e difendere l’Ente, munendolo del relativo mandato.

redazione stato quotidiano.it – riproduzione riservata



Vota questo articolo:
14

Commenti


  • Vincenzo

    Se l’appello accertasse sarà un ulteriore danno per il comune ,io farei pagare il danno a chi firmava i provvedimenti e chi li ordinava. .. chi capisce capisce.


  • Vincenzo

    Accertasse grazie


  • CITTADINO INDIGNATO

    PAZZESCO ALTRI SOLDI PUBBLICI ALTRO SANGUE NOSTRO CHE VIENE SPERPERATO! DIMETTETEVI NN SIETE CAPACI!


  • Alfredonia

    Sarebbe piu’ che giusto dare ulteriori spiegazioni di tale evento, tenendo presente che, in caso di condanna definitiva, sono soldi nostri, e non del Sindaco o del dirigente responsabile.


  • Sergio

    Il dirigente autore del mobbing dovrebbe rispondere direttamente col proprio stipendio. Pubblicate la sentenza così leggiamo cosa dice il magistrato


  • Talgiabuatt

    In caso di condanna definitiva, Il ristoro dei danni al leso andrebbero addebitati direttamente a chi a causato il danno, sino a pignoranto degli emolumenti e beni di proprietà oltre alle sanzioni giuridiche/disciplinari.


  • Belle parole

    Ma il comune ha 5 avvocati alle sue dipendenze. Perché un esterno? Possibile che squagliandone 5 non ne esca uno buono per fare ste cause?


  • Antonio

    Uno schifo, succede di tutto


  • Ciccio

    Ma se gli avvocati del comune non servono per fare le cause e per difendere il comune mi dite a cosa servono ?
    Licenziateli


  • Che vergogna...licenziate coloro che non sanno gestire il personale

    Ma che vergogna ,parliamo di 100 mila euro circa del cittadino da esborsare per non saper dirigere il personale tale da creare mobbing,perche’ non licenziamo il dirigente con relativi benefici per le Casse Comunali e le nostre tasche.
    Si parla che il Comune non ha soldi per la mensa scolastica,eppoi sborsiamo 100 mila euro per un mala gestione del personale.
    ma non vi vergognate un attimino cavolo,noi che stentiamo per portare un piatto a tavola, eppoi leggo di cifre assurde per mobbing.


  • Cico

    Se il comune perde la causa vuol dire che il fatto sussiste. A questo punto la colpa è del dirigente che ha causato tutto questo e quindi pagasse lui e venga licenziato, perché noi contribuenti non possiamo sempre sborsare soldi per dei deficenti che sbagliano.


  • edoardo

    vorrei contattare il dipendente, sono anch’io mobbizzato , qualcuno lo conosce?


  • Savonarola

    chi sbaglia paga e lei deve pagare di persona per la sua arroganza e prosopopea, dovrebbe vergognarsi e chiedere scusa, alla popolazione per la sua negligenza .


  • UnoCheNonDimentica

    del 2009 è la causa… i fatti saranno antecedenti.., quindi c’ era Campo a palazzo San Domenico ….——

    —-

    chiaramente faccio retorica… Perché in un mondo normale non si dovrebbe chiedere correttezza… Dovrebbe essere appunto, NORMALE

    non solo hanno offeso Manfredonia non rispettandola
    (vedi la questione dell’inceneritore, vedi la questione energas, vedi la questione del contratto d’area, vedi la questione della bonifica dell’area ex Enichem… Eccetera) …
    ma continuano ad amministrare la cosa pubblica convinti, a torto, di essere indispensabili… Una boria senza limiti.

    personalmente non vedo l’ora, che in un modo o nell’altro, questo impero di questi rais abbia fine… sono anni che sono seduto sulla riva del fiume… Io so aspettare … tantissimo!

    ( non vedo l’ora di poter ripetere al signor campo quello che disse a me il giorno in cui stava spianando la strada all’inceneritore…)

    Massimo rispetto per questo ex lavoratore che avuto il coraggio di denunciare questo malaffare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati