Manfredonia
"E' incomprensibile la scelta di Manfredonia Nuova e del m5s di votare, durante l’ultimo consiglio comunale, contro l’indizione del referendum"

Referendum su gpl, PD Manfredonia “Città si opponga all’impianto”

"Noi democratici siamo impegnati, perciò, nella costituzione di un Comitato unico NO ENERGAS insieme a tutti gli altri movimenti politici e alle associazioni cittadine"

Di:

Manfredonia. ”Il 13 novembre 2016 è una data che ci pone di fronte ad un bivio decisivo per il futuro della nostra comunità. Per la prima volta a Manfredonia si svolgerà un referendum popolare cittadino. Tutti insieme siamo, noi e non altri, chiamati a decidere su una questione che riguarda un insediamento “im-produttivo”, senza sviluppo e senza occupazione.

Siamo chiamati a scegliere se abdicare ancora una volta alla falsa logica dell’inevitabile, lasciando che il nostro territorio sia preda di un modo di fare impresa spregiudicato ed esclusivamente speculativo, che lascia poi soltanto cattedrali nel deserto. A questa responsabilità devono sentirsi chiamate tutte le forze politiche, culturali e sociali cittadine.

“E’ incomprensibile la scelta di Manfredonia Nuova e del m5s di votare, durante l’ultimo consiglio comunale, contro l’indizione del referendum”

Per questo è incomprensibile la scelta di Manfredonia Nuova e del m5s di votare, durante l’ultimo consiglio comunale, contro l’indizione del referendum, appena dopo aver votato, invece, all’unanimità con gli altri gruppi consiliari il quesito referendario. Il solito atteggiamento di chi si limita sempre alla critica sterile ma non si assume, poi, la responsabilità di fare scelte concrete, per il puro gusto di distinguersi sempre ed a tutti i costi. Come è possibile non comprendere la valenza tutta politica di un referendum in cui tutti i cittadini potranno indicare la scelta migliore per il futuro del proprio territorio vincolando i propri rappresentanti a perseguirla a tutti i livelli?

Da chi ha prima sostenuto la richiesta referendaria e poi ha espresso voto contrario, vorremmo sapere: come intendono affrontare ora questa battaglia? Inviteranno, forse, a votare per il sì ad Energas? Oppure chiameranno all’astensione? In entrambi i casi sarebbe soltanto un favore ad Energas.

Diamante Menale, Presidente della società ENERGAS SpA (ex Isosar) di Napoli (immagine from profilo facebook)

Diamante Menale, Presidente della società ENERGAS SpA (ex Isosar) di Napoli (immagine from profilo facebook)

Sono altri i campi su cui legittimamente confrontarsi da posizioni diverse. Quella contro Energas è una battaglia che una comunità che si reputi ancora tale deve affrontare unita, mettendo da parte meri calcoli politici. È necessaria una mobilitazione immediata e massiccia, è necessario informare, coinvolgere e chiamare la popolazione ed esprimere la propria opinione.

Noi democratici siamo impegnati, perciò, nella costituzione di un Comitato unico NO ENERGAS insieme a tutti gli altri movimenti politici e alle associazioni cittadine, con l’obiettivo di convincere tutta la cittadinanza della insostenibilità di questo progetto rispetto alla nostra idea di sviluppo.

Domenica 9 ottobre, alle ore 11.00, presso la sede del PD in Corso Manfredi 55, invitiamo tutti gli iscritti, gli elettori e i semplici simpatizzanti a partecipare ad una assemblea pubblica per confrontarci e per organizzare la campagna referendaria”.

#il13novembrediciamoNO



Vota questo articolo:
48

Commenti


  • VOTIAMO NO AI 2 REFERENDUM

    VOTIAMO NO AD ENTRAMBI I REFERENDUM! SPOSTIAMO L’AGO DELLA BILANCIA A FAVORE DELL’ASFALTAMENTO DI RENZI E I SUOI AMICHETTI DEL PD CHE HANNO PRESO DI MIRA LA NOSTRA CITTA’! PURGHIAMOLI A SANGUE! CHISSA’ SE CADONO FORSE SALVIAMO ANCHE MANFREDONIA!


  • ANNO XVI ERA RICCAMPO

    Chi e quale partito ha gestito il governo della città dal 2000?
    Chi doveva informare la cittadinanza prima che Manfredonia Nuova e 5 stelle sputtanassero l’avanzamento del progetto?


  • ELETTORE PD ARCIDELUSO

    STATE PRODUCENDO SOLO CHIACCHERE IL PARTITO PIU’ IMPORTANTE DELLA CITTA’ CHE HA RILASCIATO SOLO STERILI PROCLAMI E CHE NON HA ORGANIZZATO MAI UNO STRACCIO DI PROTESTA O UN CONVEGNO O UN OPERA INFORMATIVA COME HANNO FATTO DETERMINATI PARTITI, IL CAONS E I MOVIMENTI GIOVANILI CHE SI SONO IMPEGNATI IN MANIFESTAZIONI CIVILI! NON HO MAI LETTO UN VOSTRO MANIFESTO NELLE STRADE NON HO MAI VISTO UN VOSTRO RAPPRESENTANTE AFFIANCARE I GIOVANI NEI VARI CORTEI E MANIFESTAZIONI DI PROTESTA! LA RIUNIONE LA DOVETE FARE A PALAZZO DEI CELESTINI COME HANNO FATTO TUTTI! NON NEL VOSTRO COVO DI PARTITO!
    OPPURE ORGANIZZATE UN CONVEGNO CON TUTTI I PARTITI AL CINEMA SAN MICHELE! E IN MEZZO A VOI NON C’E’ NESSUNO CHE OSA INDIRRE UN COMIZIO IN PIAZZA DEL POPOLO?


  • ELETTORE PD ARCIDELUSO

    FATELO A PALAZZO DEI CELESTINI PERCHE’ IO ANCHE SE SONO SIMPATIZZANTE NON VENGO NELLA SEDE E QUELLO CHE SI DISCUTE LO DEBBONO POTER ASCOLTARE TUTTI I CITTADINI, AL DI LA’ DEL COLORE POLITICO! QUANDO VENNE IL VICE PRESIDENTE DELLA CAMERA NON CHIESERO A NESSUNO DI CHE PARTITO FOSSE! QUINDI MIEI CARI IL CONVEGNO FATELO A PALAZZO DEI CELESTINI.


  • Carlo

    I vostri capi sono andati presso la sede del Mise a chiedere lumi? A che punto sono le autorizzazioni? Hanno bloccato i finanziamenti per il lavori sul porto industriale?


  • elettore deluso

    Dopo anni di complice silenzio ora fanno finta di essersi svegliati. Se non fosse stato per il Movimento 5 Stelle a quest’ora si spartirebbero quei quattro posti di lavoro. Non voterò mai più PD.


  • elettore osservatore

    Bisogna creare un comitato per cacciarvi via tutti dal Comune di Manfredonia:

    Ospedale allo sbando;
    debito pubbliclo di tipo ellenico;
    numerosi rilievi della corte dei Conti;
    scarso controllo della gestione della città
    (dalla cure del verde agli arredi, al traffico
    alle attività di vendita clandestine)
    mercato ittico senza pesce
    porto turistico senza barche
    disastro barriere frangiflutti
    disastro paludi lungomare di siponto
    disastro patti d’area
    pista ciclabile fantasma
    sperpero di milioni e milioni di euro per opere di arredo urbano che si potevano rimandare
    tasse applicate in misura apicale
    avete affossato la città, lasciate stare non è per voi. Il vostro emblema sono le biciclette per i turisti abbondonate e piene di ruggine comperate con i nostri soldi.


  • elettore osservatore

    ops dimenticavo veleni ancora giacenti sotto l’ex enichem e procurati incubi alla cittadinanza.


  • No Energas

    Sarà anche vero che il M5S e Manfredonia nuova hanno votato contro, ma il quesito lo avete letto prima di votarlo a unanimità?

    “Ai fini della tutela di interessi fondamentali della comunità,VOLETE VOI CHE IL COMUNE DI MANFREDONIA SI ESPRIME A FAVORE DELLA REALIZZAZIONE, sul proprio territorio, di un progetto di deposito costiero di GPL a rischio di incidente rilevante, presentato dalla società ENERGAS S.P.A., costituito da dodici serbatoi di capacità complessiva di 60.000 mc e delle opere funzionalmente connesse?”

    QUINDI, Se vince il No si rafforza la decisione del consiglio comunale (già votato) come previsto nel referendum consultivo, se vince il SI il consiglio comunale deve prendere atto che la cittadinanza vuole l’impianto a prescindere da tutto, questo vuol dire che deve cambiare la decisione assunta a suo tempo?

    Allora, o vi date da fare per far vincere il No, o altrimenti il Movimento 5 Stelle e Manfredonia Nuova hanno ragione a dire che a voi non vi interessano i problemi del città e quello che fate è tutto di facciata. Spero di essere smentito.

    Cmq, tutto si gioca sui finanziamenti pubblici chiesti dal presidente della provincia Miglio al Ministero delle infrastrutture riguardo la manutenzione per il porto industriale.
    Menale non parte se non arrivano milioni di euro per ristrutturare il porto.


  • No Energas

    Fino a quando non vedo il sindaco Campo e Bordo per tre ore consecutive in piazza senza Bandiere che gridano NO Energas, non ci credo.


  • Federico

    Se fate le valigie e ve ne andate a fare in cu.o ve ne saremo grati. Cari sfaticati e vagabondi della vostra assenza nessuno se ne accorgerà. Con voi portatevi ” o professor ” e la cooperativa MANFREDONIA VECCHIA. Iii da quanda -.


  • svolta

    In questo caso l’unione non fa la forza…. la forza esce comunque se tutti fanno il loro dovere per dire NO ad Energas….
    Ho l’impressione che qualcuno vuole imbrogliare la matassa….
    Ognuno faccia la sua parte e come diceva Totò è la somma che fa il totale.


  • la ciurma dei nick colpisce ancora!

    Federico sei una testa di legno!
    Non necessariamente bisogna far parte di un partito o di una cooperativa per manifestare il proprio dissenso. Classica osservazione da servo di partito.


  • La repubblica delle banane

    I soldi utili per la totale messa in sicurezza non arriveranno mai come quelli del ponte dello stretto, sono solo promesse per tenere a bada i poteri forti e perchè sono solo promesse fatte dal ciarlatano perchè non ci sono risorse necessarie, Siamo sull’orlo di una bancarotta nazionale e per il pagamento di stipendi e pensioni di dicembre prepariamoci ad un ulteriore salasso dai conti correnti, dai tabacchi e dalle accise e prepariamoci per un nuovo governo tecnico. Il governo scafista sta sfasciando tutta l’Europa e quindi è stata già decretata la sua fine.


  • Tommaso

    LA SAGRA DELL’ILARITA’ E DELL’IPOSCRISIA.


  • Antonello Scarlatella

    Certo che è veramente preoccupante che la città pensa di bloccare energas con fischietti e bandierine e magari con qualche incatenamento in segno di protesta sui pali della luce di Piazza del Popolo.
    Non capisco neanche io onestamente l atteggiamento del MS5 e di Manfredonia Nuova. Mi auguro che gli stessi non distolgano i cittadini invitandoli a non recarsi alle urne. In questo modo diventerebbero di default gli unici responsabili dell’istallazione dell’impianto
    Il referendum ha un costo si, ma è l unico vero strumento democratico per far esprimere il popolo. Quindi indispensabile ed ha un costo.
    Riprendendo una cosa che ha scritto il commentatore ,elettore osservatore ..che indica il debito di “tipo ellenico” , onestamente io credo che i ragionamenti di certi uomini, associazioni (che con l opposizione non hanno nulla a che vedere)siano ti tipo Epiriano, ergo senza misura e questo mi molta più’ paura dell energas.


  • Berlinguer


  • Pasquino

    Fate finta di non capire il NO al referendum, ma se il consiglio comunale ha già detto NO ad energas perché indirlo? Questo è soltanto scaricare la patata bollente sui cittadini. I giochi sono stati già fatti e a leggere le dichiarazioni di Menale in caso di NO si rivolgerà all’amministrazione. Cosa avrà voluto dire? Io non l’ho capito. Me l’ho spiegate voi? Attenzione che il popolo non è come voi pensate. Queste dichiarazioni offendono l’intelligenza dei cittadini di Manfredonia.


  • U nonn

    Chi era il sindaco nel 2000? Chi doveva essere il garante del patto d’area? B.C.R. Tre ragazzotti che stanno affondando una citta’.


  • Uno di Voi

    Sostenere tutti insieme il “no energas” e’ scontato solo per le persone informate, disinteressate, di buon senso e per chi si deve far perdonare delle sue enormi colpe politiche!

    Pochine!

    Le strade per raggiungere l’obiettivo devono essere le piu’ svariate!

    Ogni forza deve seguire la sua strada in modo autonomo!

    Lo so che faccio ridere per la mia ingenuità, ma lo squadrone da Champion’s League come ha attualmente Manfredonia, composto da PAOLO CAMPO, MICHELE BORDO, ANGELO RICCARDI, ANTONIO LEONE, GIANDIEGO GATTA, STEFANO PECORELLA, ZINGARIELLO, D’AMBROSIO, CRISTIANO ROMANI, GAETANO PRENCIPE, ANTONIO PRENCIPE, FRANCO OGNISSANTI, FRANCO CARELLA, MASTROLUCA, NINO FALCONE, DAMIANO GELSOLMINO, PIETRO SALCUNI, ECC. si dovrebbe mettere, tutti insieme, a capo di una manifestazione gigantesca contro Energas!…e da rifare settimanalmente!

    MENALE DIVENTEREBBE PICCOLO PICCOLO E FORSE, VISTO CHE CONOSCONO PERFETTAMENTE LE LEVE DEL CONSENSO A MANFREDONIA, SI RAGGIUNGEREBBERO I 25.000 NO !!!!

    Purtroppo con le figurine da calciatori non si scende in campo!

    Razionalmente è veramente improbabile e proprio questa improbabilità che dovrebbe farVi aprire gli occhi!

    Costoro devono abbandonare il proprio interesse privato per raggiungere l’interesse generale a costo della loro vita politica e dirigenziale?

    Il problema principale, comunque, e’ come arrivare a 25.000 NO sulle schede e vincere nettamente questo referendum!

    Altrimenti il referendum e’ un boomerang per i cittadini mentre diventa il capolavoro per i politici complici ed ipocriti!

    Il perno del consenso, Riccardi, con la sua logica divisiva (o con me o contro di me) si è fatto molti nemici già prima delle primarie e costoro difficilmente andranno a votare!!

    PER PORTARE 25.000 VOTANTI ALLE URNE NON SERVE ABBRACCIARSI ED AMOREGGIARE TUTTI INSIEME IN UN UNICO COMITATO!

    L’abbraccio con i responsabili unici del favoreggiamento ad Energas è SICURAMENTE mortale!

    Loro si purificano e gli altri si sporcano!

    Si purifica il PD di Bordo e del napoletano Andrea Cozzolino – votato alle europee qui a Manfredonia e sostenuto dal PD del Sindaco nel 2014.

    Si purifica Forza Italia di Antonio Leone.

    Si sporcano il M5S e Manfredonia Nuova.

    L’area di centro dovrebbero uscire fuori come le lumache ma molto più veloci con un loro bel Comitato per il NO!

    Il PD ha un problema di consenso da parte delle persone perbene e indipendenti perchè sono gli unici responsabili di questo pasticcio chiamato Energas, con la complicità della destra nell’approvazione del P.R.G. del ’98.

    Costoro sono stati scoperti nella loro complicità e continuano tuttora a persistere e a sguazzarci dentro, infatti:
    – referendum con quesito ridondante,
    – referendum caduto tra capo e collo come fulmine a ciel sereno,
    – solo 40 giorni, pochissimi, per sensibilizzare una popolazione distratta!

    Peggio era difficile farlo contro la volontà popolare, e viceversa, meglio non potevano fare per soddisfare Energas!

    Ecco perché LA STRADA DA SEGUIRE PER IL M5S di Manfredonia, DOVREBBE ESSERE DUPLICE e da percorrere in modo autonomo dalle altre forze:

    1. Sostenere in modo convinto il No ENERGAS spiegando dall’origine, come sia un “abuso edilizio” legalizzato dalla politica locale supina a quella romana, oltre che rischioso per tutta la popolazione, che distrugge il territorio, danneggia l’economia esistente e futura, che marchia nuovamente l’identità e l’immagine di Manfredonia;

    2. FARE UN’OPERAZIONE VERITA’, PERCHE’ LA VERITA’ DOCUMENTATA E’ EDUCATRICE dei futuri comportamenti pubblici dei politici irresponsabili!

    L’abbraccio proposto dal PD serve agli irresponsabili per continuare ad essere irresponsabili, a giocare con la gente, a sottovalutarla!

    La logica del consociativismo è agli antipodi della democrazia!

    Lo vediamo a livello nazionale dove il PD e la destra sono diventate il braccio politico visibile delle lobby, di Confindustria, delle banche europee e della nostra copiosa criminalità e quindi delle disuguaglianze!

    In Italia, con la benedizione dell’ex presidente della repubblica napolitano nel 2013, il Ponte sullo stretto di Messina unisce destra e sinistra: Renzi e Berlusconi sono un tutt’uno!

    In una democrazia sana e proficua ci devono essere molteplici forze politiche indipendenti, ognuna con le proprie ragioni d’essere dove gli elettori devono essere lasciati liberi di decidere in modo consapevole mentre fanno la loro scelta!

    Il referendum dovrebbe far crescere il senso civico di cittadinanza e di comunità, specialmente se l’esito fosse vincolante!

    Infine, il M5S di Manfredonia, su Energas ha una propria storia da raccontare, mentre il PD e Forza Italia non hanno una controstoria da opporre, ma soltanto prese per i fondelli iniziate solo dall’aprile 2015!

    Creare un unico Comitato nasconderebbe ai cittadini questa bella storia da raccontare e a prepararli psicologicamente quando inizieranno i lavori!

    Per esempio, è bello ed istruttivo, oltre che educativo, spiegare come il progetto iniziale, uno scarabocchio, fosse previsto in area Enichem, poi politicamente spostato frettolosamente in un’area vergine mantenuta proprio in quel periodo “inspiegabilmente” come “industriale” nel P.R.G. approvato nel gennaio 1998!

    Attenzione alle date.

    Nel parere di conformità urbanistica rilasciato dal Comune di Manfredonia il 25 febbraio 1998, prot. 1745/98 l’allora dirigente si esprime con una tempo modale al futuro:

    “accertato che detto deposito costiero di g.p.l. DOVRA’ ESSERE INSTALLATO nell’insula DI/49 del vigente strumento urbanistico” (come da All. 7 della relazione tecnica del progetto del 1999)”

    Il Dirigente nell’atto, non si esprime con la formula “visto che il deposito sarà installato”, ma usa “inspiegabilmente” “accertato che il deposito dovrà essere installato…”

    L’accertamento, credo, si faccia su cose reali, presenti e visibili, non su cose future ed invisibili!

    Infatti fino ad allora era un po’ ballerina la collocazione del deposito!!!

    Non si sapeva dove metterlo, visto che erano arrivati, paradossalmente, anche i fondi pubblici per finanziare lo “scarabocchio”, come relazionato allora da Pisicchio in Parlamento!

    Lo scandalo politico era troppo grande per nasconderlo!

    E tante altre belle storie di decisioni politiche locali tutte da raccontare dal principio!!!

    Perchè consociarsi e perdere questo piacere di raccontare la propria verità, quando è documentata?


  • Andrea Trotta

    Dichiarazione vergognosa!
    Mai vista tanta determinazione di questi -soggetti!
    Non avete o non vi –
    Ora la colpa volete farla cadere sulla città?
    Comportamento da ignavi!
    L’Energas esisteva 20 anni fa e nessuno disse nulla. Se fosse arrivata durante il contratto d’area, l’avreste giustificata?
    Vergogna!
    La vostra fortuna è che alle prossime elezioni vincerete ancora, perché il popolo di Manfredonia non è politicamente maturo!
    State sviando bene i problemi della città!
    Deficit comunale, scarsi interventi (leggasi recupero del centro storico).
    Fate tutto solo per accaparrarvi voti (leggasi opposizione al solarium).
    E stranamente voi non sapete mai nulla.
    Ora mi venite a dire che figure come quella del sindaco, di un “onorevole” alla regione ed uno al parlamento non sapevano nulla?
    Vergogna!
    Svegliati Manfredonia! Cacciamoli –


  • C nua jee (se ne deve andare)

    No Energas fino allo sfinimento. Perchè non organizziamo come una volta, facciamo girare le auto per la città con un megafono che dica no energas e invita i cittadini a scioperare e a organizzarci.


  • antonella

    Da che pulpito viene la predica, che faccia tosta, che coraggio bisogna avere per scrivere queste fessere, non vi potete permettere il lusso di nominare chi vi sta sopra e nettamente davanti anni luce, si capisce da quale parte arrivano queste basse insinuazioni che lasciano il tempo che trovano degne solo di chi le ha scritte,
    Manfredonia Nuova , quando voi altri dormivate professando altri intendi sul caso energas, era in prima fila nella
    battaglia per scongiurare la sciagurata installazione, Manfredonia Nuova Era nelle piazze per sensibilizzare la popolazione e soprattuto voi altri che non avevate cognizione, Manfredonia Nuova raccoglieva migliaia di firme per il diniego della città, Manfredonia Nuova girava con il megafono spiegato per le vie, per divulgare l’informazione il più possibile, Manfredonia Nuova organizzava e partecipa a eventi, volantinaggi, dibattiti sull’installazione energas, Manfredonia Nuova andava a Bari per Consegnare all’assessore le migliaia di firme raccolte, Manfredonia Nuova Manifestava durante l’inaugurazione del Museo Diocesano, dove il Nostro Grande Vescovo Mon. Costoro accordava la Sua Benedizione alla Nostra Lotta, anche durante i giorni della festa in onore della Santa Patrona, Manfredonia Nuova Era nelle piazze a distribuire sciarpe contro energas, fino ad arrivare ad oggi dove Manfredonia Nuova, se pur confidando nel più alto strumento di democrazia partecipata, qual’è il referendum, ha votato “No” a cio che crede una farsa, una presa in giro senza onestà intellettuale proprio verso il popolo Manfredoniano, ed è solo in questo spirito che si è dato il diniego, non certo alla libera espressione democratica in cui si crede fortemente, per tanto, chi sta da questa parte chiede il conto a voi altri, delle firme raccolte, dei siti in svolti, delle piazze fatte, degli incontri/ dibattito promossi sul tema, la verità è che visto il risultato del vostro impegno, dovreste tacere.
    Manfredonia Nuova vi è nettamente davanti in tutto e per tutto almeno abbiate la baldanza di non sparare cartuccie a salve come è il vostro solito fare.
    È Manfredonia Nuova a chiedere il vostro impegno concreto e vero, leale, e alla pari contro questa installazione, per divulgare l’informazione affinché anche l’ultimo dei manfredoniani sia messo a conoscenza, venite nelle piazze con noi se avete coraggio, venite nelle strade con noi se avete coraggio, entrate nelle case con noi, se vero che non fate politica spicciola, venite con noi e imparerete cosa vuol dire lottare, perseverare, soffrire, per salvarela propria terra dalla sciagura, imparerete a rispettare gli altri, a essere pazienti, ad avere coraggio, ad evere volontà, sopratutto imparerete l’umiltà che da tempo vi ha abbandonato. Noi non facciamo demagogia come invece altri sono abituati a fare per partito preso e convenienza propria, Noi ci eravamo, ci siamo e ci saremo, tranquilli non sperate di poter additarci rigettando le vostre mancanze, perché noi saremo “guardiani e guardinghi”come per energas, anche per voi altri.


  • svolta

    Leggendo i commenti…. il grande TOTO’ ha sempre ragione…. ed era un comico, ma chi fa ridere di più sono certi soggetti “politici” da strapazzo….


  • ernestro

    oggi si chiama energas ma 20 anni fa si chiamava isosar ha avuto i finanziamenti del contratto d’aria fresca, sono passati 3 sindaci responsabili del contratto d’aria P. C 2 legisl. R e nessuno sapeva niente.


  • seguace virtuale di uno di voi

    UNO DI VOI semplicemente GRANDIOSO.


  • No Energas

    Sono d’accordo con Scarlatella,
    Non capisco questo accanimento per dire che il referendum è uno spreco di soldi, possono mai 8.000 firme rappresentare 47.000 elettori?

    Ma vi rendete conto quanti soldi si spendono inutilmente, un esempio? Mensa: 1.000.000,00 di euro (300.000 del comune) per 450 bambini,sapete quando costa a bambino il pranzo? 10.50€ (212 giorni).

    Se l’assessore La torre legge questo commento,gli suggerisco di affidare il servizio mensa ai tanti ristoranti presenti nella zona,con 10,50€ faranno a cazzotti per aggiudicarsi una scuola, invece di spendere soldi con gare a ditte esterne, il personale ex tre fiammelle o altro verrà assorbito dai ristoratori.

    Abbiamo un problema serio,come l’istallazione di un mega deposito di GPL, il più grande deposito d’europa, cosa facciamo noi cittadini? Ci diamo da soli una martellata sui genitali.

    Giustamente il PD, non si lascia sfuggire questa opportunità, proprio quelli che dicevano…” parlano a pancia piena”.

    Per me, non è uno spreco spendere 100.000,00€ o anche di più per dare un diritto ai cittadini, soprattutto nel rispetto di chi ha fatto tante battaglie nelle piazze.
    Cara Antonella,
    Il malaffare si combatte, non si evita e ricordiamoci che se Manfredonia decide”liberamente” per il deposito di GPL, noi dobbiamo accettare il verdetto, al massimo io e la mia famiglia cambiamo paese.


  • ORZOWAI

    ERAVATE IPOCRITI (come i vs|predecessori), restate ipocriti come il vs|BOMBAPINOCCHIO, resterete ipocriti per l resto della vs\vita…..in conclusione……… state sui c…….ni a TUTTIIIIIII


  • Mario

    Occhio gente,
    ci sono menti raffinatissime,
    diavoli sotto forma di persone,
    sicuramente stanno già lavorando per il si..


  • IgnoranTINA

    Scarlatella non ha un tubo da dire sull atteggiamento altamente ipocrita di PD e riccardi. Ma ha da dire su m5S e manfredonia nuova stanno lottando con coeranza psr UN forte No. Gia piu volte espesdp e ribadito che si muoveranno per ol NO!!!
    La credibilta scarlatella e” quella di Riccardi – Dire Nulla e’ un eufemismo


  • Pasquino

    Scarlatella, scusami, visto che come qualche altro dici di non capire il NO all’indizione del referendum cerco di riassumere la situazione. Il consiglio comunale di Manfredonia, con proprio atto deliberativo, ha espresso il suo parere, in rappresentanza del popolo manfredoniano, dicendo NO all’installazione del mega deposito di Energas. Ora, poiché i nostri cari politici, temono ripercussioni da parte di chicchessia e la patata bollente l’hanno scaricata sui cittadini con un referendum consultivo, non vincolante ai fini dell’opera anche in caso di NO. Dimmi, quei soldini, visto che saremo noi contribuenti a doverli tirare fuori, non era meglio risparmiarli ed andare avanti con il NO della deliberazione consiliare? Il sindaco, con tutta la giunta, perché non ha mai organizzato manifestazioni di protesta? A questo punto mi viene qualche dubbio sul loro operato . Spero che questo scritto ti chiarisca meglio la situazione attuale. Tengo a ripetere un detto che recita che non è pericoloso chi morde ma è pericoloso chi lecca. Saluti


  • gerry

    VERGOGNOSO, SE PROPRIO IL PD —. STATE INCANTANDO I POLLI


  • Lettore

    Tutti i ricchi e dettagliati articoli stilati da **Uno di voi” dal 2014 ad ogg in un futuro non tanto lontano potrebbero formare una formidabile raccolta per l’edizione di un libro avente come titolo:

    L’odissea di Manfredonia del XXI secolo.

    Manca il finale, chissà quale scenario si profila..

    Riuscirà la città fondata da Re Manfredi a ritrovare la sua Itaca?


  • Teo

    Antonella non girare la frittata …… si è capito benissimo …..siete favorevoli ad energas ……. come qualcuno che 40 anni fa era favorevole all’ enichem … smettila una buona volta


  • La ciurma dei nikgas

    ecco un altro della ciurma dei nick della solita farina gasifera. ahahahahahah


  • Rosa la psicologa

    Ragazzi state sereni, continuate a martellarvi i maroni, purtroppo come dicevo , questo sintomo si chiama RICCARDITE ACUTA, e colpisce gli invidiosi, sfaticati, rancorosi, sciacalli, sfaticati e nullafacenti. Non è una malattia, ma un sintomo fastidiosissimo. Molto importante è curarsi bene con martellate a più non posso. Se eventualmente non dovesse avere effetto, passeremo alla seconda fase. Comunque vi starò vicino.


  • Lo psicologo dei politici e maggiordomi affetti da stati ansioni depressivi e insonnia.

    Rosa la psicologa fatti un crodino (occhio al fondo della bottiglietta) la muffa causa gravi spasmi intestinalie malessere generalizzato, la sera 20 goccine per dormire tranquillo e consiglia la siffatta cura al resto della ciurma del cargogas.


  • IL MARITO DI ROSA

    Rosa! Smettila con il trastullo sui forum di stato quotidiano e cerca di farmi trovare la casa pulita e stira le tovaglie e lenzuola e non bruciarmi il colletto della camicia altrimenti altro che martellate quando rientro a casa!


  • IL GIULLARE SIPONTINO

    UNO DI VOI SENATORE A VITA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
    MI FAI GODERE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


  • Antonello Scarlatella

    Pasquino, mi dici dove hai letto che il referendum non è vincolante in caso di NO.
    Onestamente io questa informazione importante non l ho letta forse anche per distrazione ma ti prego di fornirmi documentazione a supporto.
    Invia a antonello.scarlatella@gmail.com
    Attendo.


  • A cena e a letto con il nemico


  • No Energas

    Il referendum è utile per capire di che pasta siamo fatti e per dare un diritto sacrosanto ai cittadini, anche se in ritardo.
    E’ evidente che il PD sta facendo pura propaganda, sfruttando una situazione (per certi versi giustificata) di “paura” da parte dell’opposizione, come è evidente a tutti chi per primo ha combattuto contro l’ Energas, rischiando di essere impopolare a quella fette di disoccupati che speravano nei 200/300 posti di lavoro.
    Il PD non si può permettere,anche se ha votato a favore del referendum di dire: “Il M5S o Manfredonia Nuova, inviteranno, forse, a votare per il sì ad Energas? Oppure chiameranno all’astensione”.
    Prima delle elezioni chi diceva che “queste persone parlano a pancia piena?”

    Allora se ci tenete, lasciate le polemiche e le propagande elettorali,iniziate ad acquistare spazi pubblicitari,stampate volantini e informate la gente che deve andare a votare,sono necessari 23.000 voti “NO”, e se non lo fate Voi del PD sarete gli unici responsabili per non averlo fatto prima.

    Perchè non vedo ancora nessuna pubblicità su questa testata e altre?


  • Rosa la psicologa

    Ragazzi non vi agitate, è normale che cercate di farfugliare qualcosa copiando e dicendo stron..te. Chiunque è colpito da questo sintomo, si sente Napoleone, Dante, Socrate, Montanelli, la moglie o il marito di personaggi, dottori , professori ecc.Il sintomo che fortunatamente non colpisce tutti, ma solo i frustrati, invidiosi, gelosi, rancorosi, sciacalli,scarti della società , sfaticati e nullafacenti,annebbia il cervello, lo rende puerile. Comunque per coloro che non sopportano le martellate sui maroni , abbiamo la cura del MONACO SORDO. ASPETTO NOTIZIE.


  • Menaldonialik

    Rosa sei più’ virulenta di in minatore con sto martello fai attenzione nel maneggio dell’ utensile abbi più’ cura perche’ se scivola…


  • Lucia

    Ma chi crede ancora alle chiacchiere di questi del pd, ma proprio non gli entra che tutti hanno inteso la commedia, finitela con questa propaganda non vi crede nessuno, crederò quando vedro sindaco assessori consiglieri e iscritti al partito girare per le vie e informare i compaesani, altrimenti queste sono solite chiacchiere.


  • Rosa la psicologa

    Caro Menaldonialik, il martello lo devi maneggiare tu e dartelo sui maroni. Se vuoi guarire leggi bene le istruzioni. Comunque è sintomatico per i soggetti sofferenti come voi capire fischi per fiaschi. Fammi sapere come va la cura delle martellate, altrimenti passiamo alla seconda fase del MONACO SORDO.


  • Strazzamutand

    Sipontino insospettabile con alloggio in siponto accuratamente allestimo come centro di sofferenza, dotato di tutta l’attrezzatura utile tortura epoca maestro Torquemada, oggettistica utile sofferenza in vera pelle, frusttino da barrel ELITE in rawhide intrecciato con punta in cuoio, frustino argentino in cuoio crudo, sedia della sofferenza, scarpe femminili vernice nero con cavatappi come tacco,
    cerco max segretezza padrona severa,abilissima torturatrice cattiva e che sia capace in infiggermi le più cocenti umiliazioni e sofferenze. Max segretezza, no telefonini o mezzo di riprese al seguito, disponibilità perquisizioni accurate. Incontro segreto con cappuccio al seguito, no mariti guardoni, no curiose/i solo padrona innata vogliosa impartire durissime lezioni educazione e disciplina a schiavo un pò insoburdinato e disobbediente. Graditi martelli, tori metallici, fiamma ossidrica, capacità max abilità donare sofferenza cicca da spegnere.


  • Menaldonialik

    Rosa su con la vita non comprendo il perche’ tu pensi che tutto il mondo ce l’abbia con te.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati