FoggiaManfredonia
Promossa da Radicali Italiani

“Ero straniero”, “L’integrazione è meglio della chiusura”

Con una semplice ricerca nel web si possono trovare innumerevoli casi che dimostrano che accogliere e integrare, ha avuto ricadute positive sia economiche che culturali. Togliamo il velo dei pregiudizio dai nostri occhi e sosteniamo la campagna Ero Straniero


Di:

Foggia. A maggio è partita la campagna di raccolta firme “Ero straniero” per la legge di iniziativa popolare dal titolo “Nuove norme per la promozione del regolare permesso di soggiorno e dell’inclusione sociale e lavorativa di cittadini stranieri non comunitari” è promossa da Radicali Italiani insieme a Fondazione Casa della carità “Angelo Abriani”, ACLI, ARCI, ASGI, Centro Astalli, CNCA, A Buon Diritto, CILD, con il sostegno di numerose organizzazioni impegnate sul fronte dell’immigrazione, tra cui Caritas Italiana, Fondazione Migrantes Comunità di Sant’Egidio e tante associazioni locali.

Sarà possibile firmare fino al 15 ottobre (date e luogo verranno comunicate a breve) anche a Manfredonia con i tavoli di raccolta firme dei Radicali sostenuti dai Giovani PD e Caritas Diocesana di Manfredonia, perché è importante firmare a sostegno di questa proposta di legge? Perché l’attuale condizione di paura verso gli immigrati è causata dalla condizione di illegalità degli stranieri non comunitari. Delle norme che permettano di gestire e tenere sotto controllo il fenomeno dell’immigrazione, ormai fisiologico e inarrestabile, permettono l’integrazione ed evita il collasso del sistema attuale.

Sono stati creati dei falsi miti sull’immigrazione, che invece va vista come un’opportunità per il nostro Paese, perché i fatti dimostrano che gli stranieri possono essere una risorsa e non un problema.

Si può davvero parlare di un’invasione? Stando agli ultimi dati aggiornati gli immigrati sono diminuiti rispetto al 2007 con 512 mila ingressi. Gli arrivi complessivi per mare in Italia sono stati 170 mila nel 2014, 154 mila nel 2015 e nel 2016, fino a settembre, 121.000. Il numero, dunque, rimane stabile. L’attuale sistema di chiusura porta a respingere il 60% delle domande dei richiedenti asilo, mettendo 100 mila persone nelle condizioni di impossibilità di lavorare, destinandole dunque al lavoro nero, nella migliore delle ipotesi, se non alla delinquenza.

Non è vero che ci rubano il lavoro: agli immigrati sono riservati solo i lavori non qualificati, in gran parte rifiutati dagli italiani, non riducono l’occupazione degli italiani, ma occupano progressivamente le posizioni meno qualificate abbandonate dagli autoctoni, spesso con retribuzioni mediamente più basse. Gli stranieri sono soprattutto contribuenti: nel 2014 i loro contributi previdenziali hanno raggiunto quota 11 miliardi, e si può calcolare che equivalgono a 640mila pensioni italiane. Col particolare che i pensionati stranieri sono solo 100mila, mentre i pensionati totali oltre 16 milioni. Inoltre gli stranieri contribuiscono alla crescita economica, osserviamo che dal 1998 al 2007 il PIL totale italiano è salito del 14,4% in termini reali, ma senza gli stranieri sarebbe salito solo del 10,5%; nei successivi sette anni di crisi (2008-2015) il PIL complessivo è calato del 7,3%, ma sarebbe sceso ancora di più, cioè del 10,3%, senza i lavoratori immigrati.

Sfatiamo anche il mito degli alberghi e delle 35 euro al giorno. I centri di accoglienza straordinaria (CAS) sono strutture temporanee cui il Ministero dell’interno ha fatto ricorso, a partire dal 2014: le prefetture, insieme alle Regioni e agli enti locali, cercano ulteriori posti di accoglienza nei singoli territori regionali, e quando non li trovano si rivolgono anche a strutture alberghiere o di altra natura. Si tratta di una gestione straordinaria ed emergenziale, spesso criticata in primo luogo da chi si occupa di asilo, perché improvvisata, in molti casi non conforme agli standard minimi di accoglienza e quindi inadatta ad attuare percorsi di autonomia. Quindi sono uno scandalo non gli alberghi, ma la mala gestione e l’assenza di servizi forniti in quei centri improvvisati. Il costo medio per l’accoglienza di un richiedente asilo o rifugiato è di 35 euro al giorno (45 per i minori) che non finiscono in tasca ai migranti ma vengono erogati agli enti gestori dei centri, e servono a coprire le spese di gestione e manutenzione, ma anche a pagare lo stipendio degli operatori che ci lavorano. Della somma complessiva solo 2,5 euro in media, il cosiddetto “pocket money”, è la cifra che viene data ai migranti per le piccole spese quotidiane. Se si analizza il costo annuo medio per rifugiato (2015), il paese che spende di più è l’Olanda (24mila euro), seguita dal Belgio (19mila), dalla Finlandia (14mila) e dall’Italia (13mila), mentre quello che spende meno è il Regno Unito.

I terroristi dell’Isis arrivano sui barconi: falso. I viaggi con mezzi ordinari, soprattutto gli aerei di linea, rimangono di gran lunga la prima scelta per i terroristi che vogliono viaggiare da e per l’Europa. I casi di terroristi infiltrati sui barconi, restano di gran lunga sporadici e si possono contare sulle dita di una mano.

Con una semplice ricerca nel web si possono trovare innumerevoli casi che dimostrano che accogliere e integrare, ha avuto ricadute positive sia economiche che culturali. Togliamo il velo dei pregiudizio dai nostri occhi e sosteniamo la campagna Ero Straniero.

Elisabetta Tomaiuolo, Associazione Radicale Mariateresa Di Lascia
Per approfondire: http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/

“Ero straniero”, “L’integrazione è meglio della chiusura” ultima modifica: 2017-10-04T18:44:23+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Ufo

    Sì sono una risorsa per il paese. Li vedi tutti con la mano alzata a chiedere elemosine ovunque, All’ ingresso delle chiese, dei supermercati, per strada e poi li vedi anche con i cellulari in mano senza fare un caxxo dalla mattina alla sera e prendono trenta euro al giorno più vitto e alloggio. Stanno meglio loro che non un giovane Italiano disoccupato. Ma mi faccia il piacere! Il PD ha già rovinato abbastanza la nostra Italia .


  • Ufo

    E poi fatela finita con questa squallida tattica politica che non potendo più avere voti dai cittadini italiani perché delusi,sfruttate i voti degli immigrati garantendone la loro sistemazione qui in Italia.


  • Redazione

    ERO STRANIERO: ULTIMO FINE SETTIMANA DI MOBILITAZIONE STRAORDINARIA PER LA RACCOLTA FIRME
    La raccolta firme per la proposta di legge popolare contenente nuove norme per l’immigrazione, va avanti da martedì 10 fino a domenica 15 ottobre, con i tavoli dei Radicali dell’associazione Mariateresa Di Lascia e dei Giovani Democratici, ha dato il suo sostegno alla campagna anche la Casa dei Diritti e Caritas Manfredonia
    Sarà possibile firmare tutte le sere in piazza del Popolo o nei pressi della villa comunale di Manfredonia, oppure recarsi presso la sede dei Giovani Democratici (PD) in corso Manfredi, durante gli orari di apertura e chiedere di firmare il modulo: “Come Giovani Democratici di Manfredonia – ha dichiarato il segretario Marcello Castigliego – rispondiamo favorevolmente all’invito dell’Ass. Radicale nel dare un fattivo contributo alla raccolta firme sulla proposta di legge inerente all’inclusione sociale e lavorativa degli extracomunitari. È giunto il momento di superare la Bossi-Fini, inadatta nel fronteggiare l’attuale situazione. C’è tanta disinformazione su questo tema, le Destre lo cavalcano per meri fini elettorali con stereotipi e luoghi comuni. Abbiamo bisogno invece di autentiche politiche di integrazione accompagnate però anche da una giusta informazione, senza ipocrisia però poiché i problemi ci sono. Il progetto ambizioso dei Radicali di una gestione dell’immigrazione che sia umana e virtuosa provando ad affrontare la situazione in modo diametralmente opposto al passato non può che trovarci d’accordo”.
    Ad autenticare le firme è la consigliera comunale del PD Mariagrazia Campo che ha già in passato autenticato raccolte firme per proposte dei Radicali dimostrando di avere un alto concetto della democrazia, permettendo a gruppi politici senza rappresentanza di poter esercitare il proprio diritto di esprimersi e di fare proposte politiche. Riguardo alla campagna Ero Straniero ha dichiarato: – “Condivido gli obbiettivi della campagna e confido che l’iniziativa possa incentivare e sostenere l’iniziativa di quanti, deputati e cittadini, in questi giorni si stanno prodigando affinché la legge sullo ius soli sia approvata prima del termine della legislatura”.
    Una proposta di legge che risponde al fenomeno inarrestabile dell’immigrazione con una soluzione razionale, per non permettere alla paura dello straniero di prendere il sopravvento, e portarci ad una deriva culturale pericolosa per il Diritto. L’immigrazione può essere un’opportunità economica per il nostro Paese, e può farci recuperare un senso di umanità che di questi tempi non guasta.
    Il testo della legge completa a questo link: http://www.radicali.it/campagne/immigrazione/
    Elisabetta Tomaiuolo
    Associazione Mariateresa Di Lascia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi