Foggia
Il Naso “rosso” usato dai Clowns Dottori è stato il simbolo dell’assenza delle donne uccise”

Foggia, “Un Naso rosso contro la violenza di genere”

"La realizzazione dell’evento è stata possibile grazie alla sinergia e collaborazione del Foggia Social Club e alla disponibilità del suo Presidente Gino Di Pietro e da tutti i sostenitori del Foggia Calcio"

Di:

Un Naso rosso contro la violenza di genere. E’ lo slogan della manifestazione che si è tenuta a Parcocittà per dire basta alla violenza nei confronti delle donne, organizzata dai Clowns Dottori del “Il Cuore Foggia” ed E.R.A. provinciale Foggia.

“Questo lo slogan – ha spiegato Jole Figurella, referente Regionale Puglia e per Foggia dell’Associazione il Cuore Foggia – significa che non siamo più disposti a perdere una sola donna a causa della violenza da parte di un uomo, ma soprattutto vuol dire anche sensibilizzare le vittime della violenza quotidiana ad uscire dal silenzio e spostare il piano culturale dell’idea di violenza in modo da prevenire prima che sia troppo tardi. Per questo servono alleanze con tutti coloro che hanno impegno, responsabilità e voglia di cambiare il carattere strutturale, ordinario e familiare della violenza, divenuta ormai brutale normalità”.

Il Naso “rosso” usato dai Clowns Dottori è stato il simbolo dell’assenza delle donne uccise”, pertanto tutti con addosso qualcosa di rosso hanno partecipato alla fiaccolata tenutasi a Parcocittà, alla quale hanno aderito in numerosi e di tutte le generazioni, esternando pensieri sulla violenza. In seguito, brani, spettacolo di mangiafuoco dei Clowns Dottori, hanno accompagnato la manifestazione fino al volo delle lanterne in memoria delle vittime delle violenze, a cui ha partecipato in primis il Sindaco Franco Landella e il Consigliere per le pari opportunità Ilaria Mari.

“ Questo è solo un esempio per fronteggiare questo problema – afferma il Sindaco Franco Landella – ma ne dovranno seguire tanti altri per sensibilizzare, informare e formare sin dall’infanzia su comportamenti contro la violenza e al rispetto della donna, al fine di sostenere e incentivare una prevenzione capillare per ciò che concerne i comportamenti socialmente devianti.

Pienone per la giornata formativa svoltasi nella stessa data presso le sale del CSV Foggia organizzata sempre dal Cuore Foggia, durante la quale un Team di professionisti multidisciplinari hanno affrontato ogni sfaccettatura della violenza in genere, in particolare al lento passaggio del maltrattamento poco visibile alla violenza manifesta, fino a dati statistici che hanno permesso di realizzare sondaggi e ricerche su tema di natura socio-psicologica e della sicurezza, fino al femminicidio che è sesso l’escalation di violenze e/o vessazioni di carattere fisico.

Ringraziamenti vanno ai relatori Teresa Pierro assistente sociale e Gabriella Gaggiano pedagogista, Angela Pecoriello, pedagogista clinica, Luisa Rendinella sociologa counselor e Alfonsina De Sario sostituto commissario della Polizia di Stato, inoltre a rappresentare le Autorità Comunali l’assessore alle Polizia Municipale, alla Sicurezza, Protezione Civile e attività economiche, Claudio Amorese, che ha sottolineato l’impegno dell’amministrazione locale nel rafforzare i controlli urbani soprattutto nelle ore notturne, in modo da garantire maggior scurezza.

La realizzazione dell’evento è stata possibile grazie alla sinergia e collaborazione del Foggia Social Club e alla disponibilità del suo Presidente Gino Di Pietro e da tutti i sostenitori del Foggia Calcio, una realtà molto presente e attiva nel contesto sociale locale e dalla presenza attenta e costante della Safety and Security delle Guardie di Fare Ambiente, pronte e vigilare sulla sicurezza della manifestazione in tandem all’Associazione Aurora che ha svolto servizio Sanitario ai presenti.

Foggia, “Un Naso rosso contro la violenza di genere” ultima modifica: 2017-10-04T12:29:33+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi