Manfredonia

Zadra, al lavoro fino a dicembre. Dunque Cigs per gli 80 lavoratori. Appello De Leonardis


Di:

Gli operai della Zadra Vetri srl fuori lo stabilimento. "Rischio chiusura": lo sciopero del 26 ottobre 2011" (ST)"

Manfredonia – AL lavoro fino al 20 dicembre, dunque l’potesi Cassa integrazione. Svoltasi iera 3 novembre un’assemblea straordinaria nella sede della Zadra Vetri srl di Manfredonia, di proprietà della Venezia Spa, del’ad Andrea Meneghetti (la Zadra Vetri – del Gruppo Sangalli – aveva partecipato ancora come Spa – prima della messa in liquidazione, acquisizione dalla Venezia Spa e trasformazione in srl, al II protocollo aggiuntivo del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte Sant’Angelo e Mattinata: investimenti ammessi a contributo: 15369 (in migliaia/ euro); contributi pubblici assegnasti (CIPE): 10373; occupati (da relazione iniziale): 97 a tempo indeterminato).

Come già riportato ( Focus incontro in Assindustria, ricostruzione crisi), nell’incontro in Assindustria del 2 novembre (con proprietà Venezia Spa, sindacati, Femca Cisl – Egidio Ondretti e Filctem Cgil – Gino Lauriola – vertici di Assindustria – dr. Zanni e RSU/RSA) la proprietà era stata perentoria: “emerso un disavanzo di gestione pari a 3,5 milioni di euro. Stop alle produzioni nel Golfo”. Questo anche per una “incisione pari al 67% del costo della materia prima con attività produttiva meno redditizia e ridotta competitività sul mercato”. Motivazioni che hanno spesso accompagnato le chiusure delle aziende del CdA. In seguito la solita trafila: ipotesi riconversioni, comunicati istituzionali, tavoli, intervento dell’amministrazione, fino alla Cigs e mobilità.

In ogni modo, dopo la scadenza del contratto di fitto con il Gruppo San Galli, le produzioni nello stabilimento dell’Isola 13, area ex Enichem, dovrebbero continuare ad essere attive fino al 20 dicembre 2011. “Tutte le commesse saranno consegnate – dice a Stato il rappresentante della Femca Csil Egidio Ondretti – con superamento pertanto della ipotesi penale (di circa 600mila euro, ndR) per un lavoro relativo alla ricostruzione della Stazione Tiburtina di Roma. Va dato ampio risalto all’abnegazione dei lavoratori, alla moderazione, alla volontà di non ricorrere allo scontro frontale con l’azienda. Tutti gli operai della Zadra (71 precedentemente assunti, oltre 9 a tempo indeterminato da giugno 2011, dunque solo 4 mesi fa, ndR) hanno deciso, di concerto con le sigle sindacali di mantenere attiva la produzione nella speranza che per il futuro dello stabilimento venga trovata presto una risoluzione”. Per il futuro, come detto, sono previsti una serie di tavoli istituzionali, con sindaco, azienda, sindacati, lavoratori. Le soluzioni per evitare la chiusura? Quelle rilanciate anche in precedenti dismissioni di altre aziende: nuovi fondi, nuovi finanziatori, ricoversione dello stabilimento. Nel frattempo la Venezia Spa avrebbe già provveduto – come detto dai lavoratori – a trasferire parte del materiale, semilavoratori, e macchinari da Manfredonia verso Belluno (sede legale della società). Mentre da Belluno altro materiale e macchinari sarebbero stati trasferiti in altre società collegate al gruppo Venezia Spa. Si ricorda che la Zadra era in fitto di ramo d’azienda nello stabilimento del Gruppo San Galli. Vicina alla Zadra la sede si ricorda della Manfredonia Vetro. Circa 5 anni fa, l’imprenditore Sangalli aveva manifestato il “mancato interesse” verso la seconda lavorazione di Manfredonia. Da qui il contratto di fitto (sullo stabilimento della Zadra campeggia ancora il simbolo della Sangalli), con parte del materiale e dei macchinari che tornerebbero, con la scadenza del 31 ottobre, di proprietà dell’imprenditore affittuario, ma con gestione dei lavoratori che rimarrebbe comunque a carico della Venezia Spa.


Capitolo Cig.
Si ricorda che la Cigo, già sottoscritta ad ottobre, resta per ora “congelata”, come dice a Stato il segretario della Femca Cisl E.Ondretti: “qualora non emergessero possibilità di ripresa per lo stabilimento (dunque dopo il 20 dicembre, ipoteticamente dal gennaio 2012, ndR) si provvederà all’attivazione della Cigs per tutti gli 80 dipendenti sotto contratto con la Zadra.

De Leonardis:”Salvare i dipendenti della Zadra vetri, ultime vittime”. “Un copione drammatico già rappresentato e vissuto fin troppo volte da queste parti. La Zadra Vetri è solo l’ultima industria in ordine di tempo, purtroppo, ad avere usufruito dei benefici, delle opportunità e delle ingenti risorse garantite dal Contratto d’Area a Manfredonia, e adesso prossima alla chiusura per via dell’aumento del costo della materia prima e della contrazione della domanda e relativa sofferenza sul mercato. Con buona pace delle decine e decine di lavoratori che in questi giorni si ritrovano davanti ai cancelli della loro fabbrica nel disperato tentativo di salvare la propria unica fonte di reddito, il loro presente e il loro diritto al futuro attraverso un lavoro conquistato a fatica”.

Giannicola De Leonardis, presidente della settima Commissione Affari istituzionali della Regione Puglia, vista “la volontà espressa dai vertici societari di continuare la produzione sino al termine degli ordinativi già acquisiti”, spera ancora, “attraverso la mediazione degli organi istituzionali e il contributo delle organizzazioni sindacali, di arrivare a una soluzione in grado di scongiurare l’ennesima beffa a un territorio già fin troppo ferito e di salvare il posto di lavoro di persone che, nonostante l’elevata professionalità acquisita, avrebbero serie difficoltà per essere ricollocate sul mercato, e verrebbero esposte a difficoltà insostenibili per sé e per le proprie famiglie. E che non possono pagare sempre e solo sulla propria pelle scelte, strategie e politiche sbagliate” la sua amara conclusione.

g.defilippo@statoquotidiano.it


Video, la giornata di protesta degli operai. 26 ottobre 2011

Zadra, al lavoro fino a dicembre. Dunque Cigs per gli 80 lavoratori. Appello De Leonardis ultima modifica: 2011-11-04T16:13:16+00:00 da Giuseppe de Filippo



Vota questo articolo:
25

Commenti


  • giancarlo

    questa è una delle altre aziende che si avvia sulla strada della chiusura come hanno fatto tutte le altre,gli unici a pagare siamo sempre noi poveri operai,sono venuti solo a buttare un pò di fumo negli occhi e poi decollare con le tasche piene di milioni di euro (che pizz d m………..)qui bisogna ribellarsi tutti in modo serio e non con le chiacchiere e far capire a questi elementi che noi siamo esseri umani e no merce di guadagno,un saluto e un imbocca al lupo a tutti gli operai con la speranza che riusciate a risolvere almeno la vostra questione visto che c’è ancora l’azienda anche se sappiamo benissimo che fanno tutto ciò che vogliono.


  • Anonimo

    in questo caso c’e’ solo un detto: la speranza e’ sempre l’ultima a morire…..speriamo bene!!!


  • lasciatmperd

    LASCIATE STARE dE LEONARDIS,POTETE CHIEDERE AI CASSA INTEGRATI DELLA CASA DI CURA SAN MICHELE,SPARANO SOLO CHIACCHIERE.


  • Anonimo

    Siete le ultime vittime ,noi della B.M.P. siamo stai i primi a chiudere e hanno riso tutti alle nostre spalle…quindi la ruota giraaaaaaaaaaaa…….


  • giancarlo

    alle elezioni bisognerebbe come minimo consegnare tutte le tessere elettorali e vedi che saranno tantissime tessere visto che siamo rimasti tantissimi disoccupati o no Lucia.


  • Lucia C.

    questo è quello che ci meritiamo. state tranquilli che la prossima volta sarà la stessa cosa. noi non siamo gente che impariamo dagli errori. ricordo qualcuno che pago cara la sua opinione sul contratto d’aria. ricordo anche che quando venne messo alla porta accompagnato dalla vigilanza dell’azienda, sempre del contratto d’area, qualche collega di Manfredonia sussurro che era meglio che si faceva gli affari suoi.
    adesso chi è vittima del suo male pianga se stesso!
    sapete cosa diceva il direttore dello stabilimento che adesso ha chiuso, che noi lavoratori avevamo bisogno del bastone e della carota. comunque non preoccupatevi alle porte ci sono altre elezioni vedrete che qualcuno vi prometterà un bel posto di lavoro e tutto si aggiusta.


  • Lucia C.

    se si farebbe quello che dici, giancarlo, le tessere elettorali sarebbero tante che a votare ci andrebbero solo gli amministratori uscenti.
    ma non voglio disilluderti, il lupo perde il pelo non il vizio.
    giancarlo vuoi vedere che se organizziamo una manifestazione per il lavoro ci andiamo solo io e tu.
    giancarlo il rilancio di questo territorio con tutta la crisi in atto è possibile manca la volontà di volerlo fare manca la nostra volontà le cose ci stanno bene così come sono.


  • Doniano

    Lucia ma tu pensi che se si fà una manifestazione con 10000 persone invece si risolve il problema del lavoro a Manfredonia?

    Se il lavoro non c’è, non c’è. Non c’è a Manfredonia, non c’è in italia, in Spagna (record disoccupazione giovanile europea) e neanche in America.

    Un imprenditore non viene ad investire e rischiare i suoi soldi perchè tu gridi in piazza, viene ad investirli per guadagnare.

    Tu pensi che se la Zadra Vedri avesse un buon bilancio (e di conseguenza buoni utili per i proprietari) chiuderebbe lo stesso?
    E’ normale che andrebbe avanti.

    Gli imprenditori investono per guadagnare, non per rimetterci.
    Se assumendo altro personale aumentassero i loro guadagni, lo farebbero subito.

    Se un azienda và in perdita è giusto che chiuda, tu faresti lo stesso.

    Se tu avessi un negozio con un paio di dipendenti che ti fà rimettere 10.000 euro all’anno, dopo qualche anno di prova, tu chiuderesti il negozio e licenzieresti i tuoi dipendenti, è normalissimo. Hai voglia poi i tuoi dipendenti a protestare.

    p.s

    Lucia C.
    Ho capito che non lavori, ma almeno a scuola ci potevi andare. Hai litigato con i congiuntivi?

    La frase “se si farebbe quello che dici” è scandalosa, non si può proprio sentire.


  • !!!!!!!!

    La mia opinione rimane quella riguardante il controllo scadente delle aziende aderenti al contratto d’area da parte degli organi competenti. Hanno solo rubato i sovvenzionamenti, per cui non diciamo che la ruota gira è vero che gente ignorante ride alle spalle degli altri ma non abbassiamoci al loro livello ma cerchiamo di essere uniti e aiutarci gli uni con gli altri. Grazie e buona fortuna ai lavoratori della Zadra.


  • Lucia C.

    Le potrei rispondere in mille modi ma non scendo in polemiche sterili specialmente se queste vengono profuse da chi ne sa meno delle capre garganiche!


  • Redazione

    Basta, moderazione. Red


  • Voce di Popolo

    Le darei ragione da morire sig. Sapientino Doniano se non per il fatto che queste aziende hanno ricevuto dei contributi statali che io e lei(penso!) versiamo in tasse.
    Peccato che tali attività del contratto d’area erano già superate per innovazione all’atto della presentazione progettuale.
    Un paragone potrebbero essere i nastri trasportatori della nostra bella addormentata “Porto Alti Fondali”, soldi spesi per tecnologia antiquata.
    Non mi dica niente se convergo a grandi linee su quello che è stato già detto in questo blog.
    Poi se il direttore di questa testata vorrà apriremo a parte un dibattito su come rivitalizzare questo territorio in un momento di crisi mondiale ma mi permetta (la licenza poetica del mi) di sghignazzare un’attimo sul concetto “crisi” tanto a cuore a molti capitalisti!


  • Doniano

    x Lucia C

    non ti preoccupare delle polemiche sterili e rispondi pure a quello che ti ho detto, sempre che tu abbia delle risposte.

    Facile insultare nelle piazze (e su questo sito, le capre garganiche sono simpatiche) più difficile trovare soluzioni prive di retorica.

    Metti tu i soldi, (oppure trova tu un imprenditore disposto a metterceli) e vedrai che i ragazzi della Zadra Vetri, (a cui và la mia piena solidarietà) continueranno ad avere il loro posto di lavoro.


  • Doniano

    X Voce di Popolo

    Non continuiamo a fare retorica.

    Che le cose a livello politico non vanno è sotto gli occhi di tutti, ma non diamo sempre la colpa alla politica, a chi deve controllare, agli imprenditori ladri ecc ecc. Non allarghiamo il discorso ad altri temi (come la questione porto in cui le ha ragione) ma rimaniamo nel tema dell’articolo, l’azienda Zadra Vetri, altrimenti non nè veniamo più fuori.

    Un azienda (anche se per l’avviamento ha avuto dei contributi statali) può o nò avere problemi economici?

    Come detto nell’articolo, alla Zadra è stato certificato un disavanzo di gestione pari a 3,5 milioni di euro.

    La colpa di questo disavanzo quale è?
    Lo dice l’articolo,
    “incisione pari al 67% del costo della materia prima con attività produttiva meno redditizia e ridotta competitività sul mercato”.

    Se l’azienda non è più competitiva a causa dell’aumento dei prezzi delle materie prime (causato da una parola che non le piace “crisi”) che deve fare? Continuare l’attività perdendo il prossimo anno altri 3,5 milioni di euro?

    Se lei fosse un imprenditore lo farebbe?

    Lo farebbe perchè per l’avviamento ha avuto dei contributi statali?


  • Anonimo

    x Doniano e Voce di popolo
    scusate l’intromissione, ma vorrei fare alcune considerazioni riguardo il caso specifico della Zadra vetri.
    Allora la zadra vetri “nasce” a Manfredonia da un signor imprenditore veneto senza i “famosi” contributi statali, ma tutti o almeno quasi, euro propri.


  • muammar

    x tutti i disoccupati del contratto d’aria fritta.

    pretendete di farvi assumere al nuovo porto turistico che ha usufruito di ben 20 milioni di euro del terzo protocollo del contratto d’area.

    i politi e i cotruttori stanno costruendo quel porto anche con i soldi vostri per cui avete diritto ad una bella percentuale di assunzioni.


  • Doniano

    X Anonimo

    Quindi, tu dici che la Zadra Vetri non ha usufruito di nessun contributo Statale.

    Grazie per l’informazione, non lo sapevo.


  • Redazione

    http://www.comune.manfredonia.fg.it/files/File/RELAZIONE%20Contratto%20dArea.doc

    Tab. 6/6, Società partecipanti al II protocollo aggiuntivo del Contratto d’Area di Manfredonia-Monte Sant’Angelo e Mattinata
    Zadra Vetri (Sangalli) Spa: investimenti ammessi a contributo: 15369 (in migliaia/ euro); contributi pubblici assegnasti (CIPE): 10373; occupati (da relazione iniziale): 97 a tempo indeterminato.

    In seguito la trasformazione in srl, dopo la messa in liquidazione, con l’acquisizione della Venezia Spa. Ma i contributi statali sono quelli riportati in alto. Grazie, Red.


  • Voce di Popolo

    Brava Redazione, l’Informazione deve essere tale rendere noto l’ignoto, certo l’incerto.
    Le ho dato ragione prima sig. Doniano, ma una casistica più ampia della tipologia di chiusura delle aziende del contratto d’area non permette di escludere una ipotesi di chiusura programmata. Spetterà alle Istituzioni dello Stato stabilire se si sia trattato di frode o meno.
    Comunque gli imprenditori in questione sono per meta tedeschi e sanno molto bene che nella nazione delle loro remote origini cioè la Germania nessuno può impedire la delocalizzazione ma se concessionario di contributi, le aziende, devono restituire quanto ricevuto.
    Fiumi di parole potrebbero esser scritti.
    Direttore prenda in considerazione la proposta fatta nell’altro commento!


  • Redazione

    Gentile lettore,

    siamo naturalmente disponibili ad accogliere le vostre proposte sotto forma di articoli per la rivalutazione della zona indicata, come di altre. Possibilità anche di forum, video-interviste. Grazie, in attesa di un Vs riscontro, La ringrazio per l’apporto fornito al giornale. Red.


  • Doniano

    X Voce di Popolo

    E molto probabibile che parecchie aziende del contratto d’aria abbiano effettuato quella che lei chiama “chiusura programmata”, in questo caso vorrei segnalare che la Zadra Vetri chiuderà (sempre per i motivi dell’aumento dei costi delle materie prime ecc ecc.) anche la sede di Belluno(che nulla ha a che fare con il contratto d’aria).


  • Anonimo

    X Doniano
    Su l’ultimo commento devo correggerti.
    La sede di Belluno non chiuderà, verrà solo trasferita a 40 Km di distanza.


  • 29

    per doniano…da come parli sembreresti un’imprenditore che ha fallito,togli magari il caso della zadra vetri,ma tante altre aziende hanno chiuso nonostante una produzione ricca,con macchinari pronti a produrre materiali, il problema e’ stato che il ricavato non si sapeva che fine facesse!!!informati bene su tutte le aziende e non difendere tutti gli imprenditori che sono venuti solamente a rubare nella nostra terra fregandosi i soldi dello stato e poi i soldi che l’peraio ha guadagnato sudando!!! tutto cio’ grazie alla politica italiana,in questo caso piu’ quella manfredoniana…un caloroso abbraccio e solidarieta’ per tutte le vittime del contratto d’aria


  • Doniano

    X 29

    Io ho parlato solo del caso della Zadra Vetri, non ho mai difeso nessuna azienda i cui proprietari hanno fatto i furbi.

    Poi non stiamo sempre a generalizzare, tu dici che ci sono aziende i cui proprietari hanno rubato?
    Ok, fai i nomi di queste aziende e porta le prove che hanno agito contro la legge.

    Se c’è da denunciarli questi delinquenti che si fanno chiamare imprenditori, io sono pronto.

    Se vuoi ci andiamo insieme a fare le denunce e l’avvovato lo metto io, ma portami qualche “fatto”, perchè con le sole chiacchiere non ci facciamo nulla.

    Purtroppo a Manfredonia siamo solo capaci a parlare in generale, sono venuti, ci hanno sfruttato, hanno rubato, poi però nessuno si muove.

    Iniziamo a muoverci noi due, denunciamoli questi ladri.

    Se vuoi ti lascio la mia mail, fammi sapere.

    Ciao


  • 29

    Doniano e’ giusto cio’ che dici ma credimi,sarebbero batteglie perse…Noi operai di un’altra azienda ci abbiam provato con prove effettive a denunciare questi ladri ma qui la legge cambia,li difende a danno di noi poveri cristiani indifesi…i potenti pur sbagliando vengono difesi dalla legge e pure scortati dalla ps,e’ successo a noi,te lo ripeto,loro che erano i ladri erano scortati mentre noi con famiglie,figli con le bocche aperte per la fame per poco ci portavano a foggia dietro le sbarre solo perche’ civilmente alzavamo la voce per difendere il nostro posto di lavoro…quindi,sarebbe inutile muoverci,sconfitti sin dall’inizio…questa e’ l’italia!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This