Foggia
"Certe scelte sono legate ad una sensibilità e attenzione politica che, a quanto pare, dalle nostre parti manca"

Il Comune abbassa la serranda: chiude il Centro Baobab

"Avevamo confidato nel buon senso dell’Amministrazione Comunale capace di garantire continuità e guardare al futuro di un territorio dove i Centri Interculturali sono insufficienti per tante domande"

Di:

Foggia. Dopo dieci anni il Comune di Foggia abbassa la serranda: chiude il servizio del Centro Interculturale Baobab-sotto la stessa Ombra. Chiude nonostante la Cooperativa Arcobaleno, ente gestore del servizio, a scadenza del contratto, da due mesi abbia garantito a sue spese l’attività di accoglienza, informazione ed orientamento a centinaia di immigrati. Una notizia che stride con quanto dichiarato lo scorso 1 settembre dall ‘Amministrazione Comunale di Foggia, in occasione della festa per i dieci anni di attività: “Il Centro Baobab è parte della città. Faremo in modo di garantire un servizio importante per la nostra comunità. Il Centro non solo non chiuderà, ma sarà anche potenziato”.

Invece, solo nella giornata di ieri il Comune di Foggia ci ha comunicato che per assenza di copertura finanziaria e vista l’incertezza della Regione Puglia a garantire la continuità del servizio, è costretto ad interrompere il Centro Baobab a far data, curiosa ironia, dal 3 settembre 2016. La chiusura del Centro Baobab rappresenta un notevole passo indietro rispetto al cammino di integrazione sociale e culturale portato avanti in questi anni attraverso l’esperienza del Centro Interculturale, che nei suoi primi dieci anni di attività ha incontrato quasi 7 mila cittadini migranti. Parliamo di storie, di volti, di persone che hanno potuto usufruire di un servizio dedicato a favorire una maggior inclusione nel tessuto socio-economico del nostro territorio, anche in collaborazione con le altre realtà della provincia impegnate nel campo dell’immigrazione.

Avevamo confidato nel buon senso dell’Amministrazione Comunale capace di garantire continuità e guardare al futuro di un territorio dove i Centri Interculturali sono insufficienti per tante domande e tante richieste di cittadini che hanno scelto la Puglia e Foggia per vivere. “Non coniugare più i verbi al futuro vuol dire far morire il presente”. E la chiusura del Centro Interculturale Baobab segue la chiusura dell’Albergo Diffuso, dell’Help Center e di altre iniziative. Il tutto, senza un confronto, senza interrogarsi sulla continuità di servizi che per anni hanno tracciato un percorso necessario per l’interazione tra comunità territoriale e i nuovi cittadini.

Certe scelte sono legate ad una sensibilità e attenzione politica che, a quanto pare, dalle nostre parti manca. Per questo, ci chiediamo quali siano le politiche sull’immigrazione del Comune di Foggia e che azioni di integrazione ha previsto attraverso il Piano Sociale di Zona. Dopo dieci anni possiamo dire che l’integrazione é possibile, non soltanto dando dignità ma anche lavorando sulla comunità superando pregiudizi e paure. Ci auguriamo che l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Franco Landella sappia orientare la sua azione politica anche verso concreti percorsi di accoglienza e di integrazione dei cittadini migranti. La speranza è che il Comune – attraverso l’assessorato alle Politiche Sociali – sia in grado di utilizzare le risorse messe a disposizione del Piano Sociale di Zona per riattivare il Centro Interculturale, anche attraverso un bando ad evidenza pubblica per l’affidamento in gestione del servizio che non può chiudere ed interrompere la sua esperienza. Noi ci abbiamo provato e non lo abbiamo fatto da soli. E lo dimostra il fatto che a siglare questo comunicato non è solo la cooperativa Arcobaleno, ma le diverse realtà con cui ci siamo confrontati in questi anni. Fratelli della Stazione, Avvocati di Strada, FogliodiVia, Gruppo Emergency Foggia, Solidaunia, Anolf, Coop. le Radici e le Ali, Coop. Kairos, Associazione Comuità sulla strada di Emmaus, Consorzio Aranea, Associazione Mondo Nuovo, Euromediterranea, Medtraing.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Redazione

    Cara redazione,
    sono tante le domande che mi pongo soprattutto quando la nostra città deve fare i conti con le difficoltà e le sfide quotidiane.
    Dopo aver letto il comunicato stampa relativo alla chiusura del Centro Interculturale “Baobab-sotto la stessa ombra”, ho dato una risposta ad alcune di queste domande. La risposta principale, forse, riguarda proprio l’attuale amministrazione comunale, incapace a mio parere, di avere uno sguardo attento, sensibile verso le politiche sociali (e non solo). Penso che oltre alle iniziative ed alle inaugurazioni che generano facile visibilità e consenso, questa amministrazione non sappia leggere, comprendere le vere necessità di una intera comunità.
    Io ero lì lo scorso 1 settembre, giorno in cui il Centro Interculturale ha festeggiato i dieci anni, ed ero lì dieci anni fa quando come assessore all’immigrazione risposi all’esigenza di fare un passo in avanti e cambiare rotta in tema di immigrazione. Sono deluso e fortemente amareggiato per la chiusura del centro di viale Candelaro che ha fornito in questi anni assistenza ed orientamento a 7.000 persone ed ha ricevuto un riconoscimento dal Parlamento Europeo quale buona prassi nazionale per l’integrazione.
    I numeri, appunto, ci hanno dimostrato che non si è trattato di un semplice progetto ma di un servizio vivo, continuo che ha dato forma e significato al processo di integrazione dei migranti.
    La struttura, inoltre, è stata fortemente voluta in una zona periferica della città (quartiere Candelaro) in cui è stato possibile fare davvero integrazione tra cittadini foggiani e migranti. A tal proposito, infatti, sono stati organizzati: corsi di cucina, di lingue, musica, attività di supporto didattico e dopo scuola per minori stranieri (e non) etc. etc.
    Nell’intervento del’ 1 settembre, sempre in occasione del decennale, l’Assessore alle Politiche Sociali Erminia Roberto aveva espresso disponibilità nel continuare a far vivere il Centro, dimostrando però di non avere alcuna conoscenza dell’argomento e del luogo in cui si trovava in quel momento. I piani sociali sono uno strumento di programmazione e dovrebbero garantire anche continuità di alcuni servizi.
    E’ possibile che in un anno e mezzo non ci siano stati provvedimenti, iniziative comunali che riguardassero il tema dell’immigrazione? Come è possibile non far fronte a richieste, emergenze, necessità che riguardano non solo la comunità foggiana ma, appunto, la Puglia e l’Italia intera?
    Spero che a quest’ultima domanda possa rispondere anche la Regione Puglia che è sempre stata sensibile, almeno con la giunta Vendola, ai problemi riguardanti l’immigrazione. Siamo la Puglia, quella che i giornali e le tv chiamano terra di accoglienza!!!!
    Confido nella sensibilità e operosità della Regione Puglia, nella persona di Michele Emiliano, affinché torni ad occuparsi del tema immigrazione e contribuisca a risolvere i problemi dei cittadini pugliesi. E faccio appello al Sindaco di Foggia, Franco Landella, affinché possa rivedere la scelta e possa ripristinare un servizio INDISPENSABILE per il benessere della nostra comunità.

    Concludo, rivolgendo un plauso alla forza, all’energia e alla tenacia del Presidente del Centro Interculturale Baobab- sotto la stessa ombra, Domenico La Marca. Un grazie a lui ed ai suoi collaboratori e alle sue collaboratrici.
    Siamo tutti sotto la stessa ombra, non siete e non sarete soli in questa battaglia!

    Michele del Carmine, cittadino foggiano
    (ex assessore all’immigrazione)
    .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati