AttualitàSpettacoli
A cura di Valentina Sapone

Green Day e Radiohead presto in Italia

Di:

Il 15 giugno prossimo la band californiana dei Green Day sarà al Parco di Monza per aprire il primo dei quattro giorni del festival I-Days. Il giorno seguente sarà la volta dei Radiohead.

Tra i più grandi parchi storici d’Europa, con una superficie di circa 688 ettari, il Parco di Monza ha al suo interno anche l’Autodromo Nazionale. Da quest’anno il Parco ospiterà il prestigioso festival I-Days (Indipendent Days Festival), che ha visto anche nelle edizioni precedenti la partecipazione dei più grandi nomi della musica mondiale, soprattutto punk, rock e indie.

GREEN DAY, REVOLUTION RADIO

Il gruppo dei Green Day nasce alla fine degli anni ’80 dalle ceneri dei Sweet Children, la band in cui Billie Joe Armstrong e Mike Dirnt si fanno le ossa sin da giovanissimi. Ispirati a gruppi punk rock molto importanti degli anni settanta ed ottanta, collezionano una serie interminabile di successi mondiali che li porterà ad essere tra i gruppi musicali con più vendite della storia, con più di 75 milioni di dischi venduti in tutto il mondo.

Con sei Grammy Awards e 24 album pubblicati, i Green Day sono oggi tra le leggende mondiali del punk rock. Impegnatissimi su molti fronti, non solo su quello strettamente musicale, la band si è dimostrata spesso attenta a problematiche sociali e ambientali. Nell’ottobre 2007 Armstrong dichiarò:

« Abbiamo troppe canzoni per le mani… è un caos totale! Voglio scavare dentro la persona che sono e in ciò che sto provando in questo momento. Voglio essere sicuro di fare qualcosa che sia onesto con me stesso ».

Nel 2016 è uscito il loro nuovo album Revolution Radio, un album significativo per la band perché il primo composto dopo la disintossicazione del frontman, la guarigione dal cancro alle tonsille del chitarrista turnista Jason White, e la guarigione della moglie del bassista Mike Dirnt da un tumore. Secondo le parole dello stesso Armstrong, l’album

«va dalla vita di un tossico a quella di un giocatore d’azzardo, da una madre single a un soldato secondo il modo in cui tutti noi siamo intrecciati gli uni con gli altri».

 

radiohead, A Moon Shaped Pool

Anticonformisti, lontani dai diktat del marketing musicale, i Radiohead, com’è noto, vantano grande esperienza nel campo della sperimentazione musicale.

La band inglese, nata tra i banchi della Abingdon School di Oxford, è oggi nella lista dei 100 migliori artisti al mondo stilata dalla celebre rivista Rolling Stones. In nove album hanno lavorato sulla ridefinizione dei generi musicali, spostando i confini del rock,

‘Fondendo la musica alternative all’elettronica, l’art rock all’hip hop, il pop alla psichedelia, diventando una delle band più influenti – per critici, musicisti e pubblico – degli ultimi decenni’ (L’Huffington Post)

L’8 maggio 2016 è uscito il loro ultimo album “A Moon Shaped Pool”, che ha scalato le classifiche mondiali. Comprende anche il singolo Burn the Witch il cui videoclip, realizzato in animazione e con la tecnica dello stop-motion, omaggia i programmi televisivi per bambini della Trumptonshire Trilogy, nonché il film horror del 1973 The Wicker Man.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati