Manfredonia
II 4 novembre è l’anniversario dell’entrata in vigore del cosiddetto armistizio di Villa Giusti del 1918

4 Novembre: il ricordo a Manfredonia

“I valori cui i giovani si ispirano sono di solito quelli che i mass media ci inculcano ed in particolare il mito dell’apparire a tutti i costi, sempre e comunque”


Di:

Manfredonia. “Il senso di appartenenza alla Nazione si manifesta nella quotidianità, nell’essere madre, padre, nel fare semplicemente il proprio lavoro e dovere”, queste le parole del Presidente dell’ A.N.M.I. , il Lgt. (r) Cav Leonardo Salice presente alla manifestazione svoltasi a Manfredonia stamane in occasione del 4 novembre che ha visto la deposizione della ghirlanda di alloro al monumento del Milite Ignoto.

II 4 novembre è l’anniversario dell’entrata in vigore del cosiddetto armistizio di Villa Giusti del 1918, col quale si fa coincidere convenzionalmente in Italia la fine della Prima guerra mondiale. L’accordo fu firmato a Padova il giorno prima, il 3 novembre 1918, dall’Impero austro-ungarico e l’Italia, che era alleata con la Triplice Intesa (il Regno Unito, la Francia e la Russia). Le trattative per l’armistizio erano cominciate il 29 ottobre, durante la battaglia di Vittorio Veneto: l’ultimo scontro armato tra l’Italia e l’Impero austro-ungarico.

La celebrazione di questo giorno è ancora sentita anche se meno rispetto al passato, è ancora importante non dimenticare chi ha dato la propria vita in nome della patria, valori che oggi ci sembrano anacronistici, fuori dal tempo; soprattutto tra i più giovani si è perso questo senso di appartenenza, forse perché delusi da ciò che la Nazione offre loro, costretti il più delle volte a cercare fortuna all’estero.

“I valori cui i giovani si ispirano sono di solito quelli che i mass media ci inculcano ed in particolare il mito dell’apparire a tutti i costi, sempre e comunque”, continua Salice. A Roma la visita del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella all’Altare della Patria con il tipico volo delle Frecce Tricolore: “In questo giorno, in cui ricordiamo la conseguita completa Unità d’Italia e rendiamo onore alle Forze Armate, rivolgo il mio pensiero commosso a tutti coloro che si sono sacrificati sull’Altare della Patria e della nostra libertà, per l’edificazione di uno Stato democratico ed unito. Coltivare la loro memoria significa comprendere l’inestimabile ricchezza morale che ci hanno trasmesso”.

fotogallery

A cura di Libera Maria Ciociola, Manfredonia 04.11.2017

4 Novembre: il ricordo a Manfredonia ultima modifica: 2017-11-04T22:11:19+00:00 da Libera Maria Ciociola



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • Peppino

    (Il titolo è quello riportato, a presto,ndr)


  • Redazione

    Oggi 5 novembre 2017, la Città di Mattinata ha celebrato la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate.
    La Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate è una giornata celebrativa nazionale italiana. Istituita nel 1919 per commemorare la vittoria italiana nella prima guerra mondiale, è festeggiata ogni 4 novembre, data dell’entrata in vigore dell’Armistizio di Villa Giusti, con cui ci fu la resa dell’Impero austro-ungarico.
    Essendo stata istituita nel 1919, la Giornata dell’Unità Nazionale e delle Forze Armate, è l’unica festa nazionale che abbia attraversato decenni di storia italiana.
    Durante la Santa Messa officiata dal nuovo parroco di Mattinata Don Luca Santoro, sono stati nominati tutti i caduti della prima guerra mondiale di Mattinata.
    Al momumento dei Caduti è stata deposta una corona di alloro e durante il messaggio letto dal Sindaco di Mattinata Avv. Michele Prencipe, sono stati citati i 36 nominativi di Mattinata, caduti nell’ultimo conflitto e ad ogni pronuncia di un caduto, veniva suonato uno squillo di campana.
    L’evento, oraganizzato dall’Associazione Nazionale “IL FANTE” di Mattinata, dal Comune di Mattinata e dall’Associazione Reduci di Guerra.
    Si allegano alcune foto della manifestazione.
    Dott.Michele Trotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi