Cronaca

Logo Pug Foggia: vince Alessandra Mancini. Tutti i premiati


Di:

Foggia alto (ST - liberainformazione.it)

Foggia – «SONO contento di avere partecipato a questo momento di creatività e, da “foggiano del passato”, ai tanti “foggiani del futuro” che ho visto attorno a me auguro di farsi accompagnare dalla positività». Con queste parole Renzo Arbore ha chiuso la ricca mattinata che, a Palazzo di Città, ha visto in gara tredici idee grafiche realizzate per diventare il logo con cui l’Amministrazione comunale accompagnerà le elaborazioni del Piano Urbanistico Generale.

A prevalere, nel giudizio dei commissari, è stato il logo di Alessandra Mancini, del Liceo artistico “Perugini” di Foggia. Al secondo posto, un’altra studentessa del Liceo artistico, Maria Laura Porcelli. Al terzo posto, un gruppo di tre ragazzi di undici anni della scuola primaria “De Amicis”, Andrea Ferrazzano, Giuliano Dalmason e Luigi Erione.

Al logo classificatosi al primo posto, il premio supplementare di uno stage all’Accademia delle Belle Arti, dove la Mancini potrà affinare il suo lavoro assistita dal direttore, Pietro Di Terlizzi, e dal graphic designer, Alessandro Tartaglia, i quali erano componenti la Commissione giudicatrice assieme ad Arbore, il dirigente del Servizio Urbanistica Paolo Affatato e la dirigente del Servizio Cultura e Pubblica istruzione Gloria Fazia. «Quando l’assessore all’Urbanistica Gino Fiore ha proposto questa idea – ha detto il sindaco, Gianni Mongelli, aprendo la mattinata – l’ho accolta con entusiasmo: la scelta di coinvolgere giovani e giovanissimi foggiani in un impegno tanto importante per gli orizzonti futuri della città, quali quelli dell’elaborazione del PUG, è il segno che vogliamo un processo partecipato che non resti patrimonio solo dei tecnici. Una bella giornata, di quelle per cui vale la pena essere il sindaco di una città».

Ad avvalorare questa impronta, la scelta dell’Amministrazione di allestire, a Palazzo di Città. i lavori che, appena venerdì scorso, sono stati selezionati nell’altra iniziativa legata allo strumento urbanistico: il dibattito pubblico “5 Spazi / 5 Idee per il PUG” condotto on-line nel sito urbanisticafoggia.org. La votazione, che si è chiusa alle ore 23:59 di venerdì 2 dicembre scorso, ha visto prevalere l’idea sui Quartieri Settecenteschi di Francesca Pedico, giovane architetto che propone la realizzazione di una piazza prevalentemente a verde dove primeggia, quale nodo focale emergente, un edificio a torre di 15 piani, destinato a residenze e a servizi direzionali. La maggior parte dell’area è immaginata destinata a verde e spazi pubblici per consentire una rigenerazione e un recupero ambientale del centro urbano consolidato.

Al secondo posto l’idea di due giovani studenti di Architettura, Marco di Gennaro e Angelo Talia, che, oltre al restauro dell’antica Masseria Pantano, propongono la funzionalizzazione della Masseria stessa a centro di vendita “Km 0”, snodo di una rete di masserie (Stella, Ricciardi, Giuffreda, De Biase Posta la Volla, Giardino) che, anche con la compartecipazione privata, riprenderebbero funzioni di produzione agricola. All’idea di una rete di produzione e di vendita è associata la proposta di orto urbano. Al terzo posto l’idea, proposta da Giuseppe Dimunno, di realizzare un centro di recupero della frazione secca dei rifiuti solidi urbani che si integri con un parco del divertimento articolato in giochi interattivi e installazioni tematiche su riscaldamento globale, cittadinanza e recupero creativo dei materiali, riscoprendo la tradizione dell’artigianato e della autoriparazione locale. Nell’idea si ipotizza la individuazione di una zona di scarico e ampi saloni di stoccaggio per gli oggetti più disparati (mobili, cicli, suppellettili, giochi, ecc.).

Al quarto posto, l’idea dell’architetto Mariangela Capozzi, che riguarda il riuso del Silos Granario, situato tra il cavalcavia di Via Manfredonia e Viale Fortore, di cui si propone l’acquisizione da parte del Comune di Foggia e la compensazione ai proprietari secondo procedure perequative. Il progetto prevede il riuso, con la destinazione del manufatto a Museo di arte contemporanea per i paesi del Mediterraneo denominato “MedEA” (Mediterraneo Eventi Arte).
Al quinto posto, una proposta dell’architetto Arturo Girardi e dell’ingegner Piero Ventrella, che riguarda un complesso “Progetto Norma” che inneschi una serie di azioni di rigenerazione urbana nelle zone classificate B1 nel Piano Regolatore Generale vigente. Le idee forti dell’ampio ventaglio di azioni ipotizzate riguardano la dotazione dell’edificato con impiantistica e materiali eco-verdi e la riqualificazione a servizio della mobilità e degli accessi delle corti degli isolati da trasformare in piazze interne.

Le 5 più votate sono state messe in mostra, stamattina assieme alle altre 9: Masseria Pantano, Area antistante FIGC-CONI, Campo degli Ulivi, Impianto sportivo polivalente nei Quartieri Settecenteschi, Parco San Felice, Mercato “Ginnetto”, Via Cavotta-Viale Europa-Via Spagna, Parco della Memoria Viale Giotto, Piazza Padre Pio-Piazza Alcide de Gasperi. Vicino all’allestimento, i presidenti dell’Ordine degli Architetti, Augusto Marasco, e dell’Ordine degli Ingegneri, Gerardo Tibollo, che con il Collegio dei Geometri coopereranno con il Servizio Urbanistica affinché le 5 idee selezionate entrino tra i materiali del Documento programmatico preliminare al PUG. «Queste due iniziative – ha commentato l’assessore Fiore – sono sfociate in un “Open Day” che puntiamo a replicare, dando progressivi appuntamenti alla città affinché possa seguire passo passo il processo di scelte che segneranno la qualità della vita a Foggia nei prossimi vent’anni».


Redazione Stato@riproduzione riservata

Logo Pug Foggia: vince Alessandra Mancini. Tutti i premiati ultima modifica: 2011-12-04T18:05:55+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi