Foggia

Costi politica, Consiglio regionale respinge proposta M5 stelle

Di:

Il leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo (ST)

Bari – IL Consiglio regionale ha respinto all’unanimità la proposta di legge di iniziativa popolare riguardante il “Trattamento economico e previdenziale dei consiglieri regionali”. Il testo, che prevede il dimezzamento delle indennità e l’abolizione dell’assegno di fine mandato e dei vitalizi, è stato discusso come primo punto all’ordine del giorno della seduta: il presidente del Consiglio Onofrio Introna, ha chiesto all’aula di esprimersi sulla richiesta, avanzata dal Comitato promotore, di far slittare l’esame del testo alla prossima seduta di Consiglio in modo da consentire le audizioni, fissate per domani, nella Commissione di merito. Lo stesso Introna ha tenuto a precisare che la prima data utile sarebbe stata quella di gennaio 2013, dal momento che a breve si aprirà la sessione di Bilancio.

Contrari al rinvio i consiglieri Giammarco Surico e Giannicola De Leonardis hanno spiegato che “molti dei punti della proposta del Movimento 5 stelle sono contenuti nella legge sulla riduzione dei costi della politica che il Consiglio regionale pugliese ha approvato venerdì scorso, in ottemperanza alle disposizioni nazionali, oggi all’esame del Senato”. E pertanto, “per sgombrare il campo da ogni polemica e tentativo di strumentalizzazione politica, l’orientamento è quello di mettere, oggi, un punto fermo e procedere speditamente all’approvazione, in seconda lettura, della riduzione a 50 del numero dei consiglieri”.

Alla luce di queste considerazioni, l’Aula, dopo aver respinto la richiesta di rinvio, ha bocciato la proposta di legge, ritenuta, come spiegato dal consigliere e vice presidente del Consiglio, Nino Marmo, “non più coerente con quanto già approvato dalla Regione, in accordo con le disposizioni contenute nel decreto legge nazionale”.

Alla discussione sono intervenuti anche i consiglieri Ignazio Zullo, per il quale “il percorso di autoriforma attuato dal Consiglio regionale sia quanto di più giusto si potesse fare”, e Patrizio Mazza che ha ammonito sul rischio che tali iniziative “sminuiscano l’operato dei consiglieri, lasciando la strada aperta a mestieranti della politica”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi