Cronaca

FLAI, ritardi pagamenti azienda San Michele, sciopero

Di:

Daniele Calamita, Flai CGIL (ST)

Foggia – RITARDO prolungato e protratto nei mesi del pagamento degli stipendi. Abolizione arbitraria del rimborso pattuito per il carburante. Comportamenti a di poco maleducati – che si palesano come vere e proprie forme di mobbing – nei confronti di tutto il personale da parte della direzione. Sono queste le ragioni che hanno spinto la FLAI CGIL di Capitanata a proclamare per giovedì 6 dicembre prossimo una giornata di sciopero di tutte le maestranze dell’Azienda Agricola San Michele di Poggio Imperiale, con un presidio davanti i cancelli.

Un evento, a suo modo, lo stato d’agitazione indetto dalla FLAI, considerato che l’ultimo sciopero è datato 1993. Ed anche perché la San Michele è uno dei più grandi magazzini ortofrutticoli del Mezzogiorno d’Italia, con i suoi circa 500 dipendenti.

“Avevamo chiesto all’azienda un incontro – spiega il segretario generale della Flai foggiana, Daniele Calamita – per chiarire e risolvere le problematiche denunciate dai lavoratori. Siccome ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta, come preannunciato abbiamo dichiarato lo stato di agitazione, con la sospensione immediata di tutti gli straordinari e la proclamazione della giornata di sciopero per il 6 dicembre”.Una situazione di diffuso malcontento, quella descritta dalle maestranze, “per un trattamento che si è diffuso e radicato negli anni da parte della direzione, con innumerevoli pesanti attacchi verbali a singoli lavoratori che sono sfociati in disagi fisici e psichici. Abbiamo sperato che una situazione così degenerata, che produce solo stress e sofferenza, potesse rientrare bonariamente. Così non è stato ed ora è arrivato il momento di dire basta”.

La Flai chiede pertanto comportamenti corretti e improntati al civile rapporto tra direzione e lavoratore; il rispetto del contratto nazionale di lavoro e del contratto integrativo provinciale; il recupero degli stipendi arretrati e comunicazione preventiva di eventuali ritardi; il ripristino del rimborso carburante come previsto dagli accordi.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi