Foggia

Indagini Prusst, Longo: frasi Mongelli inadeguate

Di:

Il consigliere della Destra foggiana Bruno Longo (st - Ph: sportenews)

Foggia – “LE dichiarazioni del sindaco Mongelli, a seguito degli avvisi di garanzia relativi ai PRUSST ed alla relativa truffa ai danni della città di Foggia risultano inadeguate e risibili in una vicenda, quale quella delle varianti e (…) dell’incapacità dell’ ufficio tecnico e della tecnostruttura in generale, nel controllare la regolarità ed il rispetto tecnico-giuridico delle convenzioni pubblico-private stipulate e nel vigilare sul campo, ovvero nei cantieri, la rispondenza dei lavori con la norma e con i progetti approvati”. Lo dice in una nota il consigliere dell’opposizione foggiana Bruno Longo.

Secondo Longo “il sindaco Mongelli, infatti, quale capo dell’amministrazione” avrebbe dovuto essere “a conoscenza e da tempo delle segnalazioni della Banca d’Italia circa la insussistenza di garanzie offerte dalla società assicurativa incriminata”. “Visti gli importi notevoli e viste le proporzioni delle opere pubbliche in giuoco bastava diffidare le imprese a voler prestare fideiussione con altre compagnie assicurative riconosciute ed asseverate dalle autorità di vigilanza competenti, restando così dalla parte della legalità anche in caso di un presumibile diniego da parte delle imprese coinvolte nell’indagine”.

(…) “Quando poi il sindaco afferma che l’amministrazione di centrosinistra: ”..Ha tenuto vigile cura degli interessi pubblici e della legalità”,non si spiega,tuttavia,come mai,se ciò fosse vero, la maggioranza delle imprese coinvolte nell’indagine non ancora consegna al comune strutture pubbliche,opere di urbanizzazioni,case per i meno abbienti ed aree a servizio della comunità rivenienti da convenzioni stipulate nel tempo con l’Ente comunale?”. “Come mai la tecnostruttura sembra non essere interessata al recupero di tante ed importanti opere pubbliche?Come mai il sindaco,gli assessori competenti non hanno mai messo in mora ed attivato procedure disciplinari nei confronti dei dirigenti negligenti ed inoperosi?”.

“Sui PRUSST il sindaco dovrebbe poi tacere e dirla tutta sulla sua veemente sponsorizzazione in giunta ed in consiglio comunale, ammantandoli di virtù salfiviche, come quando nel 2009 e nel 2010, nel corso di diverse sessioni di bilancio, affermò che approvare i PRUSST significava salvare i conti comunali ed evitare il dissesto finanziario,quando in verità,ad oggi hanno fruttato alle casse comunali solo 234.000 euro a fronte dei circa 6 milioni di euro promessi”, ha detto tra l’altro Longo.


Redazione Stato@riproduzioneriservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi