Eventi

Ken Loach: ho rifiutato il premio non il Festival

Di:

L'artista cinematografico Ken Loach (st - livejournal)

Torino – “IN seguito al Torino Film Festival e alla disputa che ha riguardato il trattamento e il licenziamento di alcuni lavoratori della Coop Rear, desidero rettificare alcune dichiarazioni false che sono state rese. “Non ho rifiutato di andare al Festival. Ho rifiutato di accettare il premio Gran Torino a causa dei rapporti esistenti tra il Festival, il Museo e la Coop Rear e a causa delle azioni contro i lavoratori della Rear”. Lo dice in una nota il regista inglese Ken Loach, come informa la Usb.

“Ero tuttavia disposto a presentare il film The Angels’ Share (La parte degli angeli) al Festival. Il 13 novembre ho scritto quanto segue in una mail diretta a Emanuela Martini: «Non sono certo che siate ancora interessati alla presenza (al Festival) di Paul (Laverty) e mia per presentare The Angels’ Share. Non voglio procurarvi ulteriori imbarazzi. Forse è il caso che ne parliamo». In altre parole, ero ancora disponibile a presentare il film. Il 14 novembre, ossia il giorno successivo, Gianni Amelio ha scritto quanto segue in una mail a me indirizzata: «Se … confermi di essere ancora intenzionato a non accettare il premio, saremo costretti a rinunciare alla
tuapartecipazione al Festival
». Pertanto, è stato il Festival a ritirare l’invito.

“l rifiuto del Premio non è avvenuto due giorni prima del Festival. Il 7 novembre scrissi con grande chiarezza ad Alberto Barbera: «Alberto, mi dispiace informarti che sono costretto a rifiutare il Premio alla carriera che il festival mi ha generosamente offerto». La corrispondenza si è
prolungata poiché i direttori del Festival hanno tentato di farmi cambiare idea. Ho scritto nuovamente il 12 novembre ribadendo la mia decisione: «Devo purtroppo ribadire la mia decisione di rifiutare il Premio».

“Non ho rifiutato di incontrare i lavoratori della Coop Rear. Come annunciato, li incontrerò giovedì 6 dicembre a Torino. Ho deciso di non venire durante il Festival per evitare ulteriori distrazioni. Purtroppo questogesto di cortesia è stato deliberatamente ignorato. Desidero quindi chiarire che non è vero che ho atteso fino a due giorni prima del Festival per dichiarare che non avrei accettato il Premio. E non è vero che ho rifiutato di partecipare al Festival. Mi auguro che tutti coloro che hanno travisato la mia posizione pubblichino una rettifica insieme alle proprie scuse”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi