Manfredonia

Rizzi: Bersani candidato premier, espressione buon Governo

Di:

L'attuale Coordinatore provinciale Sel Domenico Rizzi (ST - arci)

Foggia – “SEL di Capitanata ringrazia i volontari ed i compagni che in questi giorni hanno contribuito a rendere le elezioni Primarie una grande festa di partecipazione e di democrazia. E ieri un intero popolo di elettori del Centro Sinistra, anche nella Provincia di Foggia, ha partecipato alla scelta del candidato premier per le prossime Politiche.” Lo dice in una nota Domenico Rizzi, coordinatore provinciale di Sel di Capitanata.

“Così come nel resto del Paese, in Capitanata è risultato vincitore l’Onorevole Pierluigi Bersani che si è imposto nel ballottaggio di domenica con 19.079 voti (il 74,7%) mentre all’altro candidato, il Sindaco di Firenze Matteo Renzi, sono andati invece 6.476 consensi (il 25,3%). La Puglia dimostra inequivocabilmente che il buon governo riesce a compattare ed unire il popolo del Centro Sinistra: la regione ha espresso, infatti, un numero di preferenze al candidato appoggiato da SEL particolarmente alto (71,1%), con la nostra provincia che è risultata al primo posto (in ambito regionale) nella percentuale di voti a Pierluigi Bersani (74,84%)”.

“Ringraziamo gli amici del Coordinamento Provinciale per le Primarie che hanno contribuito – con il loro impegno costante – a rendere autorevoli, trasparenti, democratiche queste consultazioni.
Sinistra Ecologia e Libertà di Capitanata, già all’indomani del primo turno di votazioni (svoltosi il 25 dicembre scorso) aveva espresso la propria adesione alle proposte del candidato Pierluigi Bersani, capace di interpretare meglio e più compiutamente le esigenze e la sensibilità di una sinistra italiana ed europea in grado di impegnarsi a trovare soluzioni nuove ed efficaci per risolvere i vecchi problemi del Lavoro, dell’Ambiente, della tutela dei Diritti, della Giustizia sociale”.


“Con il risultato di ieri, anche grazie al nostro contributo, migliaia di uomini e donne di Capitanata hanno affermato chiaramente che c’è una proprietà pubblica della politica, indicando senza ambiguità quale debba essere la strada da percorrere per uscire dalla Crisi. L’impegno delle compagne e dei compagni di SEL non finisce qui. Anzi, questo risultato ci proietta TUTTE E TUTTI verso una fase politica nuova i cui protagonisti saranno, come sempre, i nostri circoli sul territorio.”

“Il Centro Sinistra, grazie a queste Primarie, ha dimostrato di essere pronto a lanciarsi unitariamente nella sfida delle prossime Politiche che decideranno del futuro del Paese. Ed oggi la Coalizione deve dimostrarsi ancora una volta capace di risolvere le drammatiche problematiche di una società indebolita e stremata dalla Crisi, Questa ”ondata” di Sinistra deve poter dare al Paese un futuro all’altezza delle sue aspettative, raccogliendo le urgenti istanze evidenziate nel corso delle consultazioni ed alla cui soluzione il prossimo premier Pierluigi Bersani è chiamato a dare concretezza e realizzazione nell’operato di un governo democratico e plurale”.

“E’ a questo appuntamento storico fondamentale che da oggi in poi dobbiamo guardare”.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Tempismo!

    Solo belle parole quelle del nostro caro amico Rizzi ……predica bene razzola male come al solito….. Perché non dici di aver portato volutamente il comune di Zapponeta con un tempismo perfetto verso il dissesto dopo lo scarso risultato elettorale nel comune dove sei stato sindaco?! Pauraaaaaaaaaa!!!!


  • W la falsita'

    Egregio Rizzi Rassegnati tornatene tra—————— Poltrone per te non ve sono .


  • La torta

    Se Rizzi è la causa del dissesto del comune di Zapponeta allora non so cosa abbia fatto il povero D’Aluisio!

    Povero Domenico in soli 14 mesi hai fatto più di 12 milioni di debiti…perchè non hai seguito l’esempio (morale) dei tuoi predecessori così bravi a —-e a — chiunque per avere sempre un pezzo della torta?


  • Che vergogna!

    Penso si sia persa una grande occasione: per la sinistra italiana di cambiare pagina e dimostrare a tutti di essere una vera sinistra progressista e riformatrice; evidentemente le vecchie logiche di partito massimalista, conservatore e assistenzialistico hanno prevalso.
    Ovviamente mi sembrava estremamente difficile che la sinistra italiana fosse in grado di fare questo salto di qualità. Avevamo fin troppo sopravvalutato queste persone.
    Penso anche che abbia perso l’itero popolo italiano che per lo meno poteva avere una speranza di cambiamento. Anche se sinceramente mi viene da pensare che siamo veramente un popolo di “coglioni”: in un periodo così drammatico dove non si arriva a fine mese.Le prime riforme urgenti da fare e condivise da tutti sono: abolizione del fiananziamento pubblico ai partiti, riduzione dei parlamentari, riduzione drastica degli sprechi della pubblica amministarzione, ecc.
    Si presentano due candidati, uno dice che andrà in questa direzione, l’altro invece non ne vuole nemmeno parlare. Gli Italiani cosa decidono? Vince chi lascerà tutto così…………. beh allora mi viene da dire: “chi è artefice dei propri mali, pianga se stesso”.
    W L’ITALIA. E come diceva un illustre cittadino di Zapponeta: Stiamo bene così!


  • nicola 1991

    caro Domenico ti vedo sempre più a rosicare………rosicare da rodere….rodare da roditore cioè ————-..ma tu invece hai ——————–i do buona l’idea del dissesto ma come tutti sanno non è tua nemmeno questa di idea….dato che sono anni che il vecchio e decrepito Savino Di Noia lo dice in tutte le piazze di Zapponeta sia sui palchi che con il megafono….Per finire tutti uguali voi di quella parte li…..o lavorate come ——————–


  • Che bello!

    Finalmente una buona notizia!
    Arriva il dissesto….. con buona pace di tutti si riparte da zero e chi verra’ non avrà scuse e potrà gestire meglio il corrente.
    Punto e a capo!


  • Coniglietto

    Se il comune è in brutte acque hai me, sappiamo tuuti di chi è la colpa, sappiamo nomi e cognomi, sappiamo che fanno nella vita, nulla, sappiamo dove mangiano, in quale csa, e come si muovono, in quale via, insomma sappiamo anche chi ha dato tanto azapponeta nei 14 mesi dell’Amministrazione Rizzi. si sappiamo, li conosciamo e sappiamo anche quello che volgiono continuare ha fare, ma noi onesti di zapponeta tanti si perchè siamo tanti non ve lo permetteremo, MAI!


  • Per Coniglietto


  • per il ragazzo nicola 1991

    con il tuo linguaggio poco pulito avrai un avvenire poco serio..sei andato bene ..ma non giudicare e usare termini che persone come il Dott.SAVINO DI NOIA non merita…vecchio e decrepito..dillo già hai tuoi genitori e a te stesso che lo dici…un ragazzo serio non deve parlare a vanfera…


  • Un Grillino

    Carissimo Direttore,
    vorrei chiederLe, di farmi capire e di informarci, visto la professionalità che Le riconosciamo tutti noi popolo di Zapponeta, magari con una o piu inchieste, su alcuni temi che riguardano il nostro Comune. Mi spiego:
    da qualche giorno circola voce che una Ditta di Zapponeta, pare impresa Edile abbia perso una causa contro il Comune di Zappneta,risalente a tanti anni fa, visto che voi avete sempre pubblicato tutto del Comune di Zapponeta, e visto che l’Amministrazione Rizzi con questa Ditta, pare, stava facendo una transazione, causa anche delle prime avvisaglie di lite all’intermo dell’allora maggioranza,pare che qualche parente spingesse, vorremmo sapere, visto che la transazione non andò in porto, perchè pare, che il Sindaco voleva fare una transazione che tutelasse tutti, ma non si concretizzo per impedimenti giuridici, pare! possiamo sapere se è vero e chi è questa Ditta che ha perso contro il Comune di Zapponeta? pubblicherete la sentenza? come avete fatto con l’Avvenire?
    La transazione non andata a buon fine aveva una sua logica? ed è stato un bene che non si è fatta, la transazione? per favore fateci capire chi meglio di voi non può spiegarci come stanno le cose? grazie per il servizio che offrite alla popolazione! di verità e giustizia!


  • Redazione

    Buongiorno,
    grazie innanzitutto per la stima rivoltaci; cercheremo presto di approfondire; se ci sarà una sentenza provvederemo naturalmente alla pubblicazione; saluti; Red.Stato


  • Redazione

    Gentile lettore,
    la causa non ha interessato il Tribunale amministrativo regionale; se ci fornisce numero della sentenza e tribunale, e altre indicazioni, possiamo procedere alla pubblicazione; saluti; Red.Stato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi