ManfredoniaRicordi di storia
(Musici, cantori e parolieri)

Carnevale 1956: primo Festival della Canzone Sipontina

A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia

Di:

Manfredonia. Nel 1956 (sessant’anni fa) in occasione del Carnevale si tenne a Manfredonia il primo Festival della Canzone Sipontina. Protagonisti dell’evento furono un gruppo di talentuosi musicisti e parolieri locali che scrissero e musicarono motivi in vernacolo e in lingua. Le canzoni furono registrate su un piccolo magnetofono “Geloso” dal cantante di musica leggera Lino Trigiani, considerato in quegli anni l’ugola d’oro sipontina. Trigiani, che era tra l’altro anche bravo suonatore di chitarra, fu coautore delle musiche di alcuni canti popolari incisi.

Le prove e la registrazione delle canzoni in vernacolo e in lingua, si tennero presso la casa del rag. Nicola De Feudis (appassionato cultore locale) e presso il Circolo Unione. Solo il motivo “Carnevele Sipuntine” testo e musica del rag. Tonino Murgo, presidente del Comitato Carnevale Sipontino, fu inciso a Foggia con l’orchestra del bravissimo M° Rico Garofalo. Mi riferiva Lino Trigiani, che quel giorno quando andarono a Foggia dal M° Garofalo era nevicato e nei pressi del locale dove dovevano incidere il brano musicale il rag. De Feudis prese uno scivolone sulla neve, fortunatamente senza farsi male. I motivi del primo Festival della Canzone Sipontina, nei giorni di Carnevale furono trasmessi con altoparlanti posizionati vicino il negozio di elettrodomestici di Barbone e sul balcone del palazzo del Circolo Unione.

Tra i brani di quell’anno ricordiamo: “Ze Peppe” (parole di S.Grasso, musica di F. D’Onofrio e G. De Salvia); “u Carnevele Sepundine” (versi e musica di Tonino Murgo); “u chiande de Seponde” (parole di M. Di Turo, musica di L. Castriotta e M. Palumbo); “Jisse e Jesse” (parole di T.Valente, musica di L. Trigiani e M. Palumbo); “u testamende de Ze Peppe Carnevele” (parole di T. Valente, musica di L. Castriotta, M. Palumbo, L. Trigiani e M. Di Turo); “Baccanale sipontino”(parole e musica di D. Apollonio); “Carneval Carneval” inno del Carnevale Sipontino 1956 (versi e musica di R. Occhionero); “Carnevele uaste e aggioste” (parole e musica di L. Barbone); “Dimmi chi sei” (parole di L. Barbone, musica di R. Occhionero); “a sfuriete de Ze Peppe” (parole di T. Valente, musica di L. Castriotta, M. Palumbo, L. Trigiani, e M. Di Turo).

I testi delle canzoni furono pubblicati su un pieghevole dal Comitato Carnevale Sipontino di quell’anno. Tra gli orchestrali di Manfredonia di talento che parteciparono alla registrazione del “Primo Festival della Canzone Sipontina” vanno ricordati: Gennaro De Salvia (clarinetto e sax); Michele (Lino) Castriotta (batteria); Matteo Palumbo (Chitarra); Pasquale Quitadamo (tromba); Giacomo Trotta (contrabbasso); Antonio Guerra (batteria); Pietro De Salvia (contrabbasso) e il giovanissimo violinista Luigi Talamo. La voce femminile nel motivo intitolato “Jisse e Jesse” fu di Maria Lorusso che cantò con lo stesso Trigiani.

VIDEO

FOTOGALLERY ARCHIVIO FRANCO RINALDI

PUBBLICITA’

Pubblicita'

Pubblicita’

(A cura di Franco Rinaldi, cultore di storia e tradizioni popolari di Manfredonia)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi