EconomiaStato news
"Le misure fin qui introdotte per sostenere i bilanci familiari e spingere la domanda interna non bastano"

Istat, continua crescita moderata: meglio per famiglie

"Tra il 2007 e il 2014 i consumi delle famiglie si sono ridotti della maxi-cifra di 80 miliardi di euro"

Di:

Roma. I dati diffusi oggi dall’Istat, che parlano di livelli di fiducia delle famiglie positivi e di crescita del reddito disponibile, cui si associano i consumi in aumento dell’1,6% nel 2015 stimati da Confcommercio, rappresentano segnali incoraggianti – afferma il Codacons – ma la strada per tornare ai livelli pre-crisi è ancora lunghissima e tortuosa.

“Tra il 2007 e il 2014 i consumi delle famiglie si sono ridotti della maxi-cifra di 80 miliardi di euro, ossia sono scesi di oltre 3.300 euro a famiglia – spiega il presidente Carlo Rienzi – Una perdita che ha avuto conseguenze pesantissime per la nostra economia e che richiederà anni per essere recuperata. Le misure fin qui introdotte per sostenere i bilanci familiari e spingere la domanda interna non bastano: l’economia italiana deve mettere il “turbo” per tornare al passo col resto d’Europa, e la crescita deve essere sostenuta da provvedimenti che incrementino il potere d’acquisto dei cittadini, riducendo la pressione fiscale in capo alle famiglie e liberalizzando settori chiave del paese come il commercio” – conclude Rienzi.

Redazione Stato Quotidiano.it



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi