Regione-Territorio

Ilva, elaborato piano per applicazione AIA

Di:

Ferrante Ilva (st - Ph: jotv.it)

Taranto – IL presidente dell’Ilva Bruno Ferrante, nel corso dell’incontro di oggi al ministero del lavoro sulla richiesta di cassa integrazione straordinaria per ristrutturazione, ha dichiarato: “Ci rendiamo conto che abbiamo fatto una richiesta importante, non lieve, che implica dei sacrifici per i lavoratori. Ma è una richiesta che apre una prospettiva, perché è finalizzata alla ristrutturazione dell’azienda e al termine ci sarà il rientro di tutti i lavoratori nello stabilimento. Una prospettiva dunque positiva”.

Voglio ribadire la volontà precisa di Ilva ad applicare l’Aia. Abbiamo già iniziato ad applicarla. Sono in corso i lavori e abbiamo fatto ordini per interventi importanti che richiedono cospicui investimenti. Lo stiamo facendo avendo vissuto una situazione di evidente difficoltà per l’azienda. A novembre ci hanno sequestrato i prodotti che avevamo nello stabilimento per un valore iniziale di 900 milioni di Euro e abbiamo subito un blocco di due mesi. Ma stiamo risalendo la china, con molta pazienza e serietà”.

“Abbiano elaborato un piano industriale che prevede la piena applicazione dell’Aia. L’Aia prevede il fermo di impianti durante i lavori, da qui la richiesta di cassa integrazione straordinaria collegata a questi fermi. In questa richiesta abbiamo esposto il numero massimo di lavoratori coinvolti nei prossimi due anni. Questi numeri massimi potrebbero anche non essere mai raggiunti”.

“Auspico un confronto sereno, reale, nell’interesse dei lavoratori, dell’ambiente e anche dell’azienda che guarda al futuro a testa alta”.

Estradizione Riva, aggiornata udienza. (ANSA) – BARI, 5 MAR – E’ stata aggiornata fra sei settimane l’udienza della Corte di giustizia inglese relativa alla richiesta di estradizione in Italia di Fabio Riva. Ne dà notizia il gruppo Riva di cui Fabio Riva – destinatario di un mandato di arresto europeo per associazione per delinquere e disastro ambientale nell’ambito dell’inchiesta Ilva – è vicepresidente.

La Corte “ha deciso di fissare la prossima udienza organizzativa tra sei settimane per poter definire il successivo programma della procedura”.

Redazione Stato

Vota questo articolo:
0

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Articoli correlati