Editoriali
“Si va innanzi alla Corte Costituzionale”

Bilancio,Regione Puglia impugna la Legge di stabilità 2016

Secondo la Giunta la riduzione dei finanziamenti in capo al Bilancio regionale determinerebbe la violazione di diversi articoli e comma della Costituzione

Di:

Bari. “Si va innanzi alla Corte Costituzionale”. E’ la decisione ratificata da presidente e assessori della Giunta regione pugliese. Motivo ? Dichiarare illegittimi alcuni articoli della” Legge di Stabilità 2016,n.2018/2015. Disposizioni per la formazione del Bilancio annuale e pluriennale”, approvata dal Parlamento. Tra le contestazioni addotte dai vertici politici della Regione c’è la norma che costringe l’ente regionale ad anticipare nel proprio Bilancio ingenti somme di denaro. Per fare? Realizzare interventi ricadenti nel Programma operativo 2014-2020 senza poter fare affidamento sui rimborsi che dovrebbero provenire dallo Stato e dall’Unione europea. Mancando gli indennizzi statali e europei i soldi necessari a sostegno delle spese per i progetti comunitari dovranno essere trovate in sacrificio di altre destinazioni. La conseguenza non di poco conto per la Regione è di stabilire come usare le proprie risorse,e “…addirittura con l’effetto di produrre insanabili criticità finanziarie”. Secondo la Giunta la riduzione dei finanziamenti in capo al Bilancio regionale determinerebbe la violazione di diversi articoli e comma della Costituzione. L’impugnazione, nei confronti della Presidenza del Consiglio dei Ministri, è stata affidata all’avv.prof. Marcello Cecchetti di Firenze,compenso pari a euro 7.612,00. La Regione si è già opposta,davanti ai Giudici costituzionali, alla Legge di stabilità dell’anno 2015. Giudizio a tutt’oggi non definito.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi