Foggia
Incontro informativo, totalmente gratuito ed aperto a tutta la cittadinanza

Parkinson? Il tango a Foggia come “terapia complementare”

Le ricerche scientifiche hanno messo in evidenza come la tangoterapia agisca positivamente su alcune aree specifiche di trattamento, in particolare è su pazienti colpiti da patologie neurodegenerative

Di:

Foggia. Lunedì 11 Aprile, l’Associazione Sportiva Dilettantistica “Libertango” presieduta da Antonella Salerno, in occasione della Giornata Mondiale del Parkinson organizza un incontro informativo, totalmente gratuito ed aperto a tutta la cittadinanza, con lo scopo di sensibilizzare il pubblico sulla Malattia di Parkinson e metterlo a conoscenza di “terapie complementari” come la tangoterapia. La Malattia di Parkinson è una patologia neurodegenerativa cronica che presenta un’ampia gamma di sintomi, tra i quali difficoltà di deambulazione, problemi di equilibrio e una graduale perdita di autonomia nel movimento da parte di chi ne è affetto, esponendolo ad una condizione di disagio ed isolamento sociale. Studi scientifici hanno dimostrato che attraverso la tangoterapia è possibile migliorare sensibilmente la qualità della vita dei malati, oltre che rafforzare le loro abilità motorie. All’incontro informativo organizzato dall’A.S.D. “Libertango”, che si terrà lunedì 11 Aprile dalle ore 10.00 nella sede dell’associazione in Via Carlo Ciampitti numero 38, prenderanno parte il Dottor Nicola Modugno, il Dottor Giulio Cicarelli ed Antonella Salerno, che saranno a completa disposizione della cittadinanza per rispondere alle domande poste dai presenti. Il Dott. Nicola Modugno, specialista in Neurologia è Responsabile del Centro Parkinson dell’Istituto “Neuromed” di Pozzilli ed è inoltre creatore e presidente della Onlus “ParkinZone”. Il Dott. Giulio Cicarelli, specialista in Neurologia, è Responsabile dell’Ambulatorio per la Malattia di Parkinson e Disturbi del Movimento dell’Azienda Ospedaliera “Moscati” di Avellino ed è operativo all’interno della Fondazione “Antonietta Cirino” come Neurologo Responsabile.

Antonella Salerno, presidente dell’A.S.D. “Libertango” e maestra di tango argentino, dopo un lungo percorso di studi e formazione ha ottenuto la qualifica di operatore della tangoterapia secondo il Metodo Trossero e Riabilitango.
Per ulteriori informazioni: www.asdlibertango.it / cell 389 8710100
INGRESSO LIBERO

A.S.D. “LIBERTANGO” : CHI SIAMO
Il 20 luglio 2014 viene fondata a Foggia, dai maestri Antonia Salerno e Salvatore Amorico, in arte Antonella e Valentino, l’Associazione Sportiva Dilettantistica “Libertango”, un’organizzazione senza scopo di lucro che si prefigge i seguenti obiettivi:
– promuovere attività sportive dilettantistiche e motorio sportive, con specifica attenzione a progetti di rieducazione motoria o neuro-motoria nell’ambito della medicina alternativa;
– promuovere attività culturali e ricreative per la diffusione della cultura del tango argentino;
– attivare collaborazioni per lo svolgimento di progetti, manifestazioni, eventi, iniziative culturali, sportive, musicali, ricreative ed assistenziali su tutto il territorio.

La passione per questa danza, ha portato i fondatori di “Libertango” ad ampliare i propri orizzonti e scoprire la valenza terapeutica del tango. Negli ultimi anni infatti, anche in Italia, si parla sempre più spesso della “tangoterapia” e dei suoi effetti positivi sulla salute. La Tangoterapia è un “metodo terapeutico” basato sul tango argentino. L’idea di utilizzare il tango nel campo della prevenzione sanitaria, nasce dall’ipotesi che la sua tecnica, ritmi e movimenti siano uno strumento prezioso per offrire la possibilità di promuovere il benessere dell’individuo.

Le ricerche scientifiche hanno messo in evidenza come la tangoterapia agisca positivamente su alcune aree specifiche di trattamento, in particolare è su pazienti colpiti da patologie neurodegenerative, come il Morbo di Parkinson, che la tangoterapia sembra offrire risultati scientifici sorprendenti, producendo effettivi miglioramenti sulla mobilità funzionale, con conseguente miglioramento dell’equilibrio, della coordinazione e della stimolazione del cervello ad incrementare la connessione tra la volontà di fare un certo movimento e l’esecuzione dello stesso.

Ufficio Stampa A.S.D. “Libertango” – Vanessa Tusino (vanessatusino@gmil.com)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi