Sport

Granfondo del Gargano: pronti 600 atleti


Di:

Gran Fondo del Gargano, pronti 600 atleti a Mattinata (ST)

Mattinata – L’APPUNTAMENTO sportivo più importante ed atteso del 2011 sul Gargano è alle porte e i circa 600 atleti (con al seguito entourage e famiglie, per un totale di oltre 800 persone) della 17^ edizione della Granfondo del Gargano sono sbarcati a Mattinata per la prestigiosa competizione in programma domenica 8 maggio.

L’iniziativa, dal forte sapore turistico e promozionale che affianca l’aspetto tecnico-agonistico, è frutto del lavoro sinergico del Consorzio Gargano Incoming e dell’A.S.D. GS di Manfredonia, in collaborazione con il Comune di Mattinata, il Consorzio Biogargano ed il Parco Nazionale del Gargano; soggetti che hanno fortemente voluto far fare il salto di qualità ad una manifestazione divenuta un appuntamento classico del circuito.

Un’autentica festa dello sport e della natura (che durante l’intera giornata si articolerà in diversi momenti), per la quale si prevede la partecipazione di pubblico e visitatori delle grandi occasioni, i quali potranno godere degli straordinari saperi e sapori del territorio del Gargano. La Granfondo del Gargano è una delle più suggestive e dure granfondo del Centro e Sud Italia. Sfida la natura! La Granfondo del Gargano in questa diciassettesima edizione è intrisa di splendide novità. La manifestazione avrà come punto nevralgico la ridente cittadina di Mattinata a soli 18 km da Manfredonia dove saranno predisposti partenza, arrivo e naturalmente il ritiro pacchi gara. I percorsi risultano completamente rivisti: uno di 148 km e l’altro di 117 km. Ce n’è per tutti i gusti, dalla salita impegnativa di Monte Sant’Angelo ai boschi della Foresta Umbra, alle spiagge di Vieste e Peschici fino ai panorami mozzafiato a strapiombo sul mare di baia dei Faraglioni

ALTIMETRIA GRANFONDO 148 km – Questa edizione della Granfondo del Gargano presenta delle novità riguardo al percorso. Infatti, la gara viene affrontata girando al contrario rispetto a tutte le edizioni precedenti. Si comincia subito in salita per 17 chilometri dove avverrà presto un’importante selezione fino ad arrivare nella cittadina di Monte Sant’Angelo con una ascesa con pendenza media del 5%. Successivamente si affronta la discesa di 6 km di valle Carbonara. Da qui in poi si affronteranno dei sali-scendi che portano nel cuore della Foresta Umbra. In cima troveremo il GPM per poi affrontare una lunga discesa in alcuni tratti molto tecnica. Prestare attenzione. In fondo alla discesa il gruppo del giro lungo devia in direzione Peschici affrontando alcune asperità per dirigersi verso la costa nord del Gargano. Raggiunto il litorale di Vieste avverrà il ricongiungimento con i ciclisti del percorso corto. Questa è la zona del Gargano più suggestiva e, allo stesso tempo, impegnativa della Granfondo del Gargano. Per la seconda parte, si rimanda alla descrizione dell’altimetria del percorso corto.

ALTIMETRIA MEDIOFONDO 117 km – La vera novità di quest’anno è che tutti i ciclisti si addentreranno nella Foresta Umbra, fino a pochi anni fa baluardo esclusivo dei granfondisti del percorso lungo. Per la prima parte si rimanda alla descrizione dell’altimetria del percorso lungo. A differenza della granfondo, la mediofondo, terminata la discesa del Mandrione, si dirige in direzione di Vieste, e quindi verso la costa del Gargano, lasciandosi alle spalle il tratto in quota. Ma non per questo la via del ritorno risulterà più agevole. Si consiglia di risparmiare un po’ di energie per affrontare fin da subito due brevi ma intense asperità subito dopo Vieste e successivamente una salita di 6 km di Coppa Santa Tecla con pendenza media del 7% e massima del 12%. Prestare attenzione alla discesa successiva veloce ed impegnativa. Da qui fino all’arrivo non ci saranno più asperità, ma bisogna aver preservato un po’ di forze per affrontare i sali-scendi che si susseguono fino ad arrivare nella cittadina di Mattinata dove è situato l’arrivo ed il meritato Pasta-Party.


Redazione Stato

Granfondo del Gargano: pronti 600 atleti ultima modifica: 2011-05-05T15:31:41+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This