GarganoManfredonia
"È stato deposto nella terra un seme che Egli riscalderà con i suoi raggi d'amore"

“60 anni di Casa Sollievo”, festa a San Giovanni Rotondo

Era il 5 maggio del 1956 quando Padre Pio, dinanzi a miglia di fedeli, pronunciò il discorso inaugurale dell'Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza

Di:

San Giovanni Rotondo. «È stato deposto nella terra un seme che Egli riscalderà con i suoi raggi d’amore. Una nuova milizia fatta di rinunzie e d’amore sta per sorgere a gloria di Dio, e a conforto delle anime e dei corpi infermi». Era il 5 maggio del 1956 quando Padre Pio, dinanzi a miglia di fedeli, pronunciò il discorso inaugurale dell’Ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, l’Opera da lui fortemente voluta. Per celebrare questo anniversario, a distanza di 60 anni, stamani – giovedì 5 maggio – sul prònao dell’Ospedale, il Cardinale Francesco Montenegro – arcivescovo di Agrigento e presidente della Commissione Episcopale per il Servizio della Carità e della Salute della C.E.I. – ha presieduto la solenne Concelebrazione Eucaristica. La Santa Messa è stata accompagnata dai canti della Corale Polifonica Sacro Cuore di Gesù di Bellizzi, del Coro Santa Cecilia di Biccari, dei Cantori di San Pio di Ruvo di Puglia, del Coro Maria Pyle di San Giovanni Rotondo e da un settimino di ottoni, diretti da Rino Campanale con Pasquale Impagliatelli all’organo. Presenti le autorità civili, militari e religiose, i fedeli, i Gruppi di Preghiera di Padre Pio e il personale dell’Ospedale. Così Monsignor Michele Castoro, presidente della Fondazione Casa Sollievo: «Giovedì celebriamo i sessant’anni di vita di una “Casa” che racchiude in sé, come in un unico corpo, la scienza medica e i Gruppi di Preghiera. Una Casa che Padre Pio volle “non solo per il sollievo dei corpi”, non come una “clinica modello”, ma come un “richiamo operante all’amore di Dio, mediante il richiamo alla carità”. Che il Signore possa sempre accompagnare e benedire quest’Opera, frutto del cuore sacerdotale di un santo. Auguri Casa Sollievo!».



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This