CronacaFoggia
"Croci celtiche, svastiche, scritte con offese e minacce ad associazione studentesche democratiche"

Cgil Foggia: denuncia Cgil contro azioni neofasciste nelle scuole

"Come Cgil non possiamo che essere preoccupati: è fondamentale che nelle scuole e in città sia garantita la piena agibilità a chi fa militanza democratica e antifasciste"

Di:

Foggia. “Croci celtiche, svastiche, scritte con offese e minacce ad associazione studentesche democratiche. Quanto accaduto al Liceo Marconi di Foggia è l’ennesimo caso di una recrudescenza di aggregati neofascisti in città che va monitorato sia dalle istituzioni scolastiche che da chi è deputato alla prevenzione e repressione di fenomeni con il nostro ordinamento”. E’ quanto afferma la segretaria provinciale della Cgil, Loredana Olivieri.

“Come Cgil non possiamo che essere preoccupati: è fondamentale che nelle scuole e in città sia garantita la piena agibilità a chi fa militanza democratica e antifasciste, senza che debbano ripetersi episodi di intimidazioni a singoli o danneggiamenti a sedi di associazioni studentesche”, aggiunge Olivieri.

“In Puglia la Cgil ha promosso il coordinamento antifascista assieme agli studenti di Rete della Conoscenza, Link e Unione degli Studenti, e al quale hanno aderito anche l’Anpi, l’Arci e Libera. Nell’appello lanciato si chiede ale Istituzioni tutte di assumersi la responsabilità politica di non legittimare l’esistenza di questi aggregati, non concedendo loro spazi né patrocini, ripulendo le città da scritte fasciste e naziste e non riconoscendoli come interlocutori all’interno dei luoghi della formazione, rifiutandosi dunque di riconoscere liste studentesche che – in maniera spesso
vigliaccamente celata – si ispirano a ideali anticostituzionali e antidemocratici. Le scuole e le università si impegnino a creare sedi e occasioni per una approfondita conoscenza della storia dell’antifascismo e della Resistenza quali elementi fondanti della nostra democrazia”.

“A fronte di questi ripetuti episodi – conclude la segretaria provinciale della Cgil – abbiamo ritenuto non differibile un incontro del coordinamento antifascista provinciale per concordare azioni di informazione e denuncia da mettere in campo in città”.



Vota questo articolo:
1

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi