CronacaManfredonia
La proposta di legge nasce come modifica alla legge regionale n.33 del 2006 contenente le norme per lo sviluppo dello sport per tutti

Via libera del Consiglio regionale al riconoscimento dell’AFA

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge relativa al riconoscimento dell’Attività Fisica Adattata

Di:

Bari. Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità la proposta di legge relativa al riconoscimento dell’Attività Fisica Adattata (AFA), i cui firmatari sono i consiglieri regionali dei Popolari Napoleone Cera e Peppino Longo; al procedimento ha collaborato l’avvocato e consulente legislativo del Gruppo Popolari della Regione Puglia, Avv. Cosimo Titta.

La proposta di legge nasce come modifica alla legge regionale n.33 del 2006 contenente le norme per lo sviluppo dello sport per tutti, con l’obiettivo di definire i programmi di Attività Fisica Adattata, come modalità d’esercizio della pratica motorio-sportiva da parte di soggetti limitati nelle loro capacità fisiche e mentali o da alterazioni delle grandi funzioni.

Per attività AFA si intendono tutti i trattamenti non sanitari di esercizio fisico svolti in gruppo, appositamente creati per utenti con patologie croniche. Saranno finalizzati al sostegno e sviluppo delle abilità motorie residue e alla integrazione sociale. Tutta l’attività relativa alla determinazione dei requisiti e dei procedimenti necessari per ottenere la certificazione di palestra etica (unitamente alla definizione degli indirizzi per la prescrizione e somministrazione dell’esercizio fisico), è stata demandata alla competenza della Giunta regionale che si doterà di un apposito regolamento. Quest’ultimo fisserà anche gli oneri per lo svolgimento dell’attività in questione che saranno a carico degli assistiti, in quanto la stessa non rientra nei LEA (Livelli essenziali di assistenza) assicurati dal Servizio sanitario regionale.

APPROVATA LEGGE SULLA ATTIVITÁ FISICA ADATTATACERA: «IMPORTANTE RISULTATO PER LA SALUTE DEI PUGLIESI»
Bari, 5 mag. – Il lavoro di concertazione e di condivisione ha consentito di raggiungere un importante risultato. La proposta di legge sull’Attività Fisica Adattata (AFA) e l’istituzione della certificazione di Palestra Etica, approvata dal Consiglio Regionale, permette di coniugare la salute al benessere psicofisico, visto che i programmi dell’AFA sono orientati al mantenimento delle abilità motorie e alla modifica dello stile di vita. In queste circostanze è d’obbligo ringraziare il governo regionale e la maggioranza per la condivisione e il supporto offerto all’approvazione della legge che ha potuto contare anche sulla proficua collaborazione delle opposizioni, così da garantire il voto unanime e una discussione senza ostruzionismi e senza ostacoli nell’interesse dei pugliesi.

Il ringraziamento va anche al collega Giuseppe Longo che ha sottoscritto la proposta di legge da me presentata e all’assessore al Welfare, Salvatore Negro, che non ha fatto mancare puntuali osservazioni e utili precisazioni. L’attività fisica, come ho avuto modo di ribadire nel mio intervento in aula per la dichiarazione di voto, riduce il rischio di alcune malattie e previene l’insorgere di altre disabilitanti e colma una mancanza nell’attuale panorama regionale; visto che anche se l’AFA è parte integrante del Piano regionale di prevenzione, manca un riconoscimento specifico per questa particolare attività, consentendo in questo modo di disciplinarne l’applicazione non solo in maniera occasionale o sperimentale, come attualmente avviene.

Tra l’altro l’AFA permette di aumentare la qualità del servizio offerto, visto che dovrà essere svolta da personale altamente qualificato e in strutture, riconosciute dalle Asl territoriali, che avranno ottenuto la certificazione di palestra etica.

Redazione Stato Quotidiano.it

Via libera del Consiglio regionale al riconoscimento dell’AFA ultima modifica: 2017-05-05T16:50:22+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
2

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi