Manfredonia
A cura di Francesca Finizio

Manfredonia, Chiesa San Pio: posa della prima pietra (ph Nuzziello)

Di:

Manfredonia. Ieri 4 giugno 2016 è stata una giornata significativa per la comunità dei Comparti di Manfredonia, è stato compiuto pubblicamente l’atto simbolico della deposizione della “prima pietra” per la costruzione della “Chiesa in onore a San Pio”, che intende essere, allo stesso tempo, un luogo di culto, un centro di cultura e uno spazio al servizio di tutta la cittadinanza.

Il tutto è avvenuto dopo, ormai dieci anni dal progetto, nell’area in cui sarà edificata la Casa del Signore nella zona dei Comparti in Viale L. Pirandello. La celebrazione del rito è stata presenziata da S.E. Mons. M. Castoro coadiuvato dal parroco Don Alessandro Rocchetti, incominciata nella sede provvisoria della Parrocchia, in Via Matteo Ricci, 18 -CA9 per poi andare in processione verso la sede ufficiale.

La prima “pietra”, fu benedetta il 6 febbraio 2016 da Papa Francesco in occasione della presentazione delle spoglie di San Pio a Roma, durante il Giubileo della Misericordia. La speranza per un futuro più roseo per gli abitanti dei Comparti è stata affidata a due bambini che hanno riposto all’interno dello scrigno due pietre riportanti una loro preghiera. Inoltre sono stati aggiunti la reliquia autentica di un pezzettino di panno con cui San Pio puliva la piaga del costato, un crocifisso, l’antica coroncina del rosario in ricordo il vangelo donato dai fedeli e alcuni atti firmati dalle autorità presenti.

Alla cerimonia oltre agli abitanti dei Comparti hanno preso parte anche le suore della Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo e quelle della Casa della Carità dell’Istituto San Francesco da Paola di Manfredonia. A farla da padroni di casa sono stati i bambini del catechismo, che hanno animato con canti la cerimonia. Molto belle, significative e piene di speranze le parole dettate dal cuore di S.E. Mons. M. Castoro, mentre don Alessandro ha posto l’accento sull’importanza dell’8 per mille, perché anche grazie ai soldi dell’8 per mille, la nuova chiesa diventerà realtà.

Auspichiamo che dopo Dio anche gli “uomini” si ricordino di altri uomini che aspettano ancora le infrastrutture indispensabili e dovute.

Francesca Finizio



Vota questo articolo:
4

Commenti


  • AmicodelCardinale

    Ancora un’altra “casa del signore”?! Ma non bastano già tutte quelle che ci sono?! Con i credenti in calo, la coscienza di molti che un pochino si sta svegliando e qui si continua imperterriti a voler far credere che ci sia bisogno di luoghi di culto… Vorrei chiedere a coloro che incentivano, propongono e autorizzano le edificazioni di queste dimore, poco artistiche (almeno quelle del passato hanno avuto un ruolo artistico-culturale di rilievo), da chi vengono stanziati i fondi per procedere nella costruzione, quando invece per avere un macchinario ospedaliero, attrezzature scolastiche, servizi agli anziani o ai diversamente abili, pensioni minimi di sopravvivenza, bisogna attendere anni, organizzare collette e sperare in qualche lascito o offerta di qualche sensibile filantropo.
    Il potere della Grande Madre Chiesa è immenso e ancora preme affinché il popolo non sfugga ai suoi tentacoli, in periferia così come in centro. Intanto i soldi pubblici vengono sperperati per avallare delle scelte opinabilissime e arbitrarie…ma poi pagate da tutti, non credenti compresi.


  • ciro

    speriamo che fanno una chiesa povera ed umile senza sfarzo.cosi’ come era Padre Pio,e San Francesco


  • cic'pazz

    Si edifica l’ennesimo monumento alla stupidità umana. Creare un’area verde con alberi era forse troppo? O è più sacro erigere cattedrali di cemento e ferro?


  • Francesco

    “speriamo che fanno una chiesa povera ed umile senza sfarzo.cosi’ come era Padre Pio,e San Francesco”

    Si vede che non conosce lo spirito francescano…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati