Manfredonia
La “Cristina O” proveniente dalla Croazia proseguirà la sua crociera nell’Adriatico facendo rotta per il porto di Monopoli

Il “Cristina 0” salta Manfredonia

La “Cristina O” proveniente dalla Croazia proseguirà la sua crociera nell’Adriatico facendo rotta per il porto di Monopoli. Con i suoi 99 metri, il Cristina O è uno dei grandi e lussuosi mega-yacht al mondo

Di:

Manfredonia, 5 giugno 2017. ”Il mega e famoso yacht “Cristina O” contrariamente a come diffusamente annunciato, non farà scalo nel porto di Manfredonia. L’agenzia Galli ha fatto sapere che la sosta a Manfredonia di martedì e mercoledì, è stata annullata. A stabilire il salto di Manfredonia la stessa società armatrice che ha deciso di puntare direttamente su Monopoli, porto più vicino al Salento che a quanto pare i croceristi hanno preferito a Manfredonia. Il cambiamento di programma nonostante l’Autorità di sistema fosse riuscita, attivandosi alacremente, ad appianare quelle difficoltà di ordine tecnico che avrebbero potuto impedire l’attracco del super yacht nel porto di Manfredonia.

La “Cristina O” proveniente dalla Croazia proseguirà la sua crociera nell’Adriatico facendo rotta per il porto di Monopoli. Con i suoi 99 metri, il Cristina O è uno dei grandi e lussuosi mega-yacht al mondo. Costruito nel 1943 come fregata della marina canadese col nome di “Stormont”, prese parte alla seconda guerra mondiale. Posta in disarmo dopo il conflitto, la nave venne acquistata dall’armatore greco Aristotele Onassis per farne uno yacht privato. Venne pertanto sottoposta a sostanziali lavori e trasformazione tanto da divenire la nave privata più elegante e tecnologica. Onassis le impose il nome della figlia Cristina. Lo yacht fu teatro di una lunga e intensa serie di eventi mondani con la presenza di personaggi dello spettacolo, della politica, della cultura. Dopo alcune peripezie anche di carattere giudiziario, la nave venne acquistata dall’armatore greco Papanicolaou che le ha restituito il nome originario di Cristina e immesso nel circuito delle navi vacanza. Il costo del noleggio va dai 45mila ai 65mila euro al giorno.

Per Manfredonia per le sue aspirazioni turistiche ancorché legate al mare, un grave smacco forse ancor più significativo in quanto quegli ostacoli che avevano reso problematiche le soste a Manfredonia di due navi da crociera, sono stati rimossi. Come si ricorderà la nave Berlin una volta fu costretta a rimanere in rada, la seconda volta dirottata al porto industriale. A non consentire l’entrata in porto di quella nave furono i fondali del bacino alquanto incerti e la mancanza di un rimorchiatore. Due tra i problemi che la nefasta gestione commissariale dell’Autorità portuale, poi soppressa, non è riuscita ad appianare.

Per la subentrata Autorità di sistema della portualità dell’Adriatico meridionale della quale Manfredonia fa parte assieme a Bari, Brindisi, Monopoli e Barletta, quello di rendere agibile il porto storico o commerciale, è stata la prima preoccupazione. Ha infatti ordinato una indagine sulla consistenza dei fiondali del bacino propedeutici al dragaggio del bacino. I lavori eseguiti hanno consentito alla Capitaneria di porto di dare l’ok all’entrata del Cristina O in porto anche senza l’ausilio del rimorchiatore. Purtroppo, come detto, la società armatrice ha ritenuto di disposrre diversamente.

L’annullamento della sosta a Manfredonia del mega-yacht Cristina O, ha naturalmente prodotto malumori nell’apparato commerciale locale che sperava in una provvidenziale boccata d’ossigeno monetaria dalla permanenza di due giorni degli ospiti internazionali anche se non erano pochi e in qualche modo ragionevoli, i timori di non poter sodisfare un turismo di quella dimensione. Un esame dagli esiti incerti che avrebbero pesato sulle scelte della società che gestisce i percorsi e gli approdi delle crociere”.

A cura di Michele Apollonio



Vota questo articolo:
11

Commenti


  • A Manfredonia si può solo morire.

    Meglio per loro magari qualcuno vedendo gli orrori, avrebbe rischiato di rimanerci,secco x lo spavento!


  • il capitano

    Il mare è sempre una fonte di ricchezza.Necessita gestire bene queste risorse.


  • Manfredonia alla totale deriva

    Infatti i nostri bravissimi amministratori sono veramente speciali nel gestire le risorse economiche e naturali.


  • SIPONTINO VERO

    Speriamo che venga dragato al piu presto il porto. Non e possibile che porto o una citta come monopoli che non ha niente di piu di manfredonia debba essere prrferita


  • Diomede

    un numero infinito di porti e ci snobbano tutti, persino gli scafisti hanno timore di approdare qui.


  • cullen bohannon

    Un’altra perla di coloro che sono stati messi al comando di enti strategici.
    Che pena…


  • Antonio Trotta

    La vedo dura la comparazione tra Manfredonia e Monopoli.
    Esasperata se si considera l’indole turistica di Monopoli contro quella di Manfredonia.
    A Monopoli i negozi non chiudono neppure la domenica


  • Andate via x favore

    Non c’è alcun confronto sia sulla civiltà che delle bellezze che si trovano sulle coste baresi, brindisine e tarantine. Manfredonia l’hanno trasformato in un cesso di cemento e distruzione.


  • Totò u curtu deve schiattare nel carcere

    Perché questo cambio di rotta?


  • SIPONTINO VERO

    Rispondendo a antonio trotta: io ho vissuto due anni a monopoli , citta sporca e incivile dove la fogna esce dai tombini del centro storico perennemente e i topi ne fanno da padroni la sera non ce un passeggio , solo in villa ce un po di gente fino alle 20 un torione che hanno il coraggio di chiamare castello hanno in po di spiaggi verso il capitolo mentre la costa da monopoli verso bari non e balneabile per via della formazione delle,scogliere non hanno nemmeno un mercato ittico o rionale . Signor trotta si documenti prima di parlare. Manfredonia e molto bella non abbiamo da invidiare niente a nessuno


  • SIPONTINO VERO

    Non fate altro che parlare male della vostra citta , dovreste un po girare la,puglia per giudicare o viverci. A manfredonia,quello che non funziona e la,politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi