Foggia
Un dialogo sulla corruzione, per dimostrare come questa condotta, grande o minuta che sia, entri ogni giorno nelle nostre case

“La corruzione spuzza”. Caringella e Vendola a Foggia

"Questo libro – spiegano gli autori - vuole essere qualcosa di diverso dai molti studi sul «pianeta corruzione» che hanno visto la luce negli ultimi anni"

Di:

Foggia. Un dialogo sulla corruzione, per dimostrare come questa condotta, grande o minuta che sia, entri ogni giorno nelle nostre case e ci renda più poveri. Venerdì 9 giugno dalle 15.30, la sezione foggiana di AIGA (Associazione Italiana Giovani Avvocati) promuove un incontro nella Sala Fantini di Confindustria (via Valentini Vista Franco, 1, traversa Via Dante): l’appuntamento è dedicato alla presentazione di ‘La corruzione spuzza’, libro scritto a quattro mani dal Magistrato del Consiglio di Stato, Francesco Caringella e dal presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), Raffaele Cantone.

A partire dalle 15,30, dopo i saluti dell’ing. Gianni Rotice, Presidente Confindustria Foggia che ospita l’incontro e degli avvocati Valerio A. Vinelli, presidente AIGA Foggia e Stefano Pio Foglia, presidente Ordine degli Avvocati Foggia, il Magistrato del Consiglio di Stato, Francesco Caringella dialogherà con l’ex governatore regionale Nichi Vendola, in un incontro moderato da Vincenzo Rutigliano (‘Il Sole 240re’).

Questo libro – spiegano gli autori – vuole essere qualcosa di diverso dai molti studi sul «pianeta corruzione» che hanno visto la luce negli ultimi anni. La sua radice è proprio nella storia professionale di Raffaele Cantone e Francesco Caringella, che, impegnati da oltre vent’anni come magistrati penali nell’azione di contrasto alla “malattia del secolo”, proseguono oggi la loro battaglia dalle postazioni strategiche di presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione (Anac) e di presidente di Sezione del Consiglio di Stato, istituzioni chiamate a vigilare sulla legittimità e la correttezza degli atti e dei comportamenti delle pubbliche amministrazioni. Punto di partenza della loro riflessione è l’analisi della corruzione del Terzo millennio che, come mostrano le inchieste su «Mafia Capitale» e sul Mose, è diversa dal passato, in quanto si è eretta a sistema pervasivo, tentacolare, spietato. Non più solo passaggi di denaro, ma giri vorticosi e smaterializzati di favori, piaceri, collusioni.

L’incontro è accreditato per 3 crediti formativi ordinari per gli avvocati (registrazione qui: http://geform.legsolution.net/event/259/show). “Abbiamo deciso di promuovere con molta convinzione questo appuntamento – spiega l’avv. Valerio A. Vinelli, presidente AIGA Foggia –, perché il tema affrontato è drammaticamente attuale e conferma la volontà della nostra associazione di aprirsi alle problematiche quotidiane che affliggono i cittadini”. Nella prossima settimana, altro appuntamento firmato AIGA: martedì 13 giugno a Palazzo Dogana si discute di “Responsabilità delle figure sanitarie pubbliche”.



Vota questo articolo:
1

Commenti


  • Lino

    Prima di fare sberleffi e pronunciare sentenze in casa nostra, Vendola e i suoi sostenitori farebbero bene a ripensare a quello che l’ex Presidente della Regione Puglia ha donato a sè come liquidazione (198.000 euro) e come vitalizio (5.618 euro lordi al mese) dopo 10 anni e alla veneranda età di 57 anni, dopo che per un decennio ha ignorato e sottaciuto ciò che hanno fatto o sfatto i sindaci di sinistra Ciliberti e Mongelli. Le favole Vendola, le raccontii ai terlizzesi, se ci riesce. A noi interessano poco le sue elucubrazioni, che ormai sanno di stantio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi