Manfredonia

Fermo biologico: inascoltate le richieste dei pescatori

Di:

Date fermo biologico, protestano i pescatori (STATO - fonte image: CM-MF)

Manfredonia – DATE fermo biologico: inascoltate le richieste dei pescatori di Manfredonia. Come si ricorderà il periodo stabilito per il fermo (dal 6 agosto al 16 settembre 2012) aveva sollevato le proteste della marineria sipontina, penalizzata da una decisione che non ha tenuto conto delle “proposte costruttive avanzate (fermo dal 16 luglio al 3 settembre 2012) e volte a limitare la penalizzazione delle attività marittime del Compartimento di Manfredonia”. Non più tardi di qualche giorno fa il Sindaco Riccardi era intervenuto con una missiva spiegando che “La richiesta di spostamento del periodo di fermo biologico tiene in debito conto le esigenze fondamentali di pesca connesse alle caratteristiche del golfo di Manfredonia. Golfo che è notoriamente habitat naturale di riproduzione in particolar modo nel mese di luglio”.

Il Sindaco, che aveva ricevuto una delegazione di pescatori sipontini accompagnati dall’Assessore alle Risorse del Territorio e Sviluppo Economico, Antonio Angelillis, aveva espresso anche la forte preoccupazione dell’Amministrazione tutta nel cercare di evitare “che vengano vanificati tutti gli sforzi fin qui compiuti dagli stessi pescatori nonché dalla Pubblica Amministrazione locale e dalla Regione Puglia per arginare gli effetti della crisi che ha penalizzato, come è ben noto, in modo particolare il settore della pesca”.

Il messaggio non ha prodotto alcun risultato tangibile ed in data odierna Angelo Riccardi, congiuntamente a Nunzio Stoppiello quale rappresentante dell’Organizzazione Produttori Ittici, è tornato a scrivere per esprimere le proprie perplessità. Il Ministro alle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, dott. Mario Catania, il Direttore Generale per la Pesca Marittima e l’Acquacoltura, dott. Francesco Saverio Abate, l’Assessore della Regione Puglia alle Risorse Alimentari, prof. Dario Stefano, e per conoscenza il Prefetto di Foggia, il Comandante della Capitaneria di Porto, l’Assessore alla Pesca della Provincia di Foggia ed il Dirigente del Servizio Caccia e Pesca della Regione Puglia, hanno sulla loro scrivania una nuova missiva meritevole, quanto la precedente, di una risposta esaustiva.

“Esprimiamo profonda delusione e disappunto – dicono Riccardi e Stoppiello – nell’apprendere le decisioni assunte sulle date del fermo biologico. Non sono state ascoltate e tenute nella giusta considerazione le proposte della nostra marineria che non sono affatto in contrasto con gli obbiettivi che si prefigge il fermo biologico. La decisione presa penalizza ancora una volta la piccola pesca, che opera entro le sei miglia e rappresenta l’unico sostentamento per le numerose famiglie delle circa 170 imbarcazioni coinvolte. Per evitare iniziative autonome paventate dalla categoria, Vi invitiamo in modo pressante a voler riconsiderare la decisione assunta e chiediamo un incontro in tempi brevissimi per rappresentare meglio le nostre ragioni”.

L’Assessore Angelillis, nella piena condivisione dei rilievi sin qui mossi dai pescatori manfredoniani, “resta in costante contatto con la marineria sipontina per tenerla al corrente di eventuali comunicazioni delle autorità sopra elencate e per continuare a rappresentare, presso gli organi competenti, tutte le perplessità suscitate da una decisione che in riva al golfo continua a non essere condivisa da nessuno”, come dicono da Palazzo San Domenico.


Redazione Stato



Vota questo articolo:
12

Commenti


  • Petronius

    Manfredonia non è il sole intorno a cui gira sistema solare. Volete capirlo o no? Qualcuno pensa ancòra di poter incidere sui poteri decisionali. Già è molto se si riesce a decidere qualcosa a casa propria a Manfredonia…


  • Vergogna

    Caro Petronius, i pescatori vogliono e devono decidere cos’è meglio per il loro lavoro, e di conseguenza per la propria famiglia come tanti lavoratori, visto che i poteri decisionali ci hanno portato a questo stato (miseria).


  • orazio

    ancora, vi lamentate? avete distrutto il mare del golfo, ora arrangiatevi e poi volete decidere voi le date? ma che dite? se i vostri rappresentanti sono sempre quelli, allora dove volete arrivare…il piu istruito ha la 3 media presa di sera, e poi perche doveete fermarvi e vi debbono dare i soldi? chi lo ha detto il medico? siete finiti…..arrendetevi……avete fatto i c….i vostri prima o dovete pagare tutto la spavanterie di ieri…..arrangiatevi


  • pescatore

    orazio ne ho conosciuto di st…zi ma tu ne sei il re.questi commenti da idiota tieniteli per te.avete rotto ,già abbiamo le p…e piene e in più ci tocca leggere queste stronzate che scrivete.se non sei informato sui fatti (reali)chiuditi la bocca e non scrivere cazzate.


  • pescatore

    n.b.per orazio se se continuate a gioire sulla nostra crisi ma non vedete che ad uno ad uno ci state seguendo?tutti i settori ne stanno risentendo compresi i vostri .quindi prima di scrivere cazzate meditate pecore.


  • muammar

    la colpa della vostra rovina è solo vostra.

    vi è piaciuto pescare sotto costa?
    mettere motori sempre più grandi?
    uscire anche la domenica?
    vendere in nero il pesce?
    e la nafta agevolata elle auto?

    se non vi organizzate voi e non vi assumete delle responsabilità e soprattutto regole, noi non possiamo farci niente


  • pipedeoro

    appunto stai zitto che nn sai niente muammar fammi il piacere (nn ti sta bene niente ma che fai )


  • orazio

    caro pescatore, vedo che ti da fastidio, la verità, sai voi siete convinti che la colpa non è vostra, ma sapete bene che siete stati voi a fare in modo che le persone la pensano cosi, vi ricordate i tempi d’oro, quando facevate tavolate ai ristoranti, mega comunione, mega matrimoni, e poi tu hai la ford 1900, io debbo comprare la ford 2300, tua moglie si compra un vestito, mia moglie deve comprare due…..finitela,, sgradassi……ora accontentatevi del panino con la mortadella, il prociutto costa tanto……poi in una famiglia 4 macchine, e poi vi lamentate? questo è poco, dovete ancora vedere, come andrete a finire, e poi caro pescatore, forse sei tu che nn sai nulla, ma delle vostre cazzate lo sanno tutti ciao sgradasso


  • muammar

    la verità fa male lo so, il tempo delle vacche grasse è finito.

    e che ne dici quando durante il fermo biologico pescavate lo stesso con i barchini?
    e le famiglie (figlie mogli compresi) che imbarcavate per l’occasione per fregarvi i soldi del fermo?
    e quando andavate a “condrabando” per la pesca dei “cicinelli”?

    e tanto tanto altro

    le vostre lacrime di coccodrillo non ci fanno tenerezza.


  • Osservatore sipontino

    avete fatto fallire il mercato ittico e questa la dice lunga, cari pescatori chi semina vento raccoglie tempesta è finito il tempo degli imbarchi di moglie e figli e la nafta..i tempi cambiano non avete saputo progettaare il vostro futuro..mi dispiace per voi i tempi sono cambiati..
    avete sempre bivaccato nel nero e ora quel nero si sta trasformando in abisso senza ritorno.


  • pescatore

    muammar————————————————————————————————————————————————————————————————–e————–


  • orazio

    vedo che nessuno piu scrive, ora vogliono la cassa integrazione, se comandassi io gli darei c………., a sti imprenditori di cartone,,,,,,,,,persone fallite

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi