Cronaca

Troia, perde suolo all’asta, arrestato agricoltore per tentata estorsione

Di:

L'uomo sottoposto a fermo di pg (stato@)

Troia – I militari della Compagnia di Foggia hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale del Riesame di Bari, nei confronti di Donato Goduto, di anni 33, agricoltore di Castelluccio Valmaggiore (FG), con piccoli precedenti, per il reato di tentata estorsione in concorso.

La vicenda risale alla prima metà dell’anno 2011 quando Goduto, in concorso con un’altra persona nel frattempo deceduta per cause naturali, si rendeva protagonista di una serie di minacce nei confronti di un agricoltore, proprietario di alcuni terreni siti in agro del comune di Troia che, ad un’asta giudiziaria, si era provvisoriamente aggiudicato la proprietà di un altro terreno, sito sempre in agro di Troia, che era appartenuto a Goduto, ma che gli era stato espropriato per un fallimento.

A seguito di tale aggiudicazione provvisoria per la somma di € 145.000, Goduto Donato e il suo complice, ripetutamente minacciavano l’agricoltore aggiudicatario di gravi conseguenze per l’incolumità propria e della sua famiglia, nel caso in cui non avesse ritirato l’offerta presentata per l’acquisto all’incanto del terreno appartenuto a Goduto. A seguito di tali minacce, però, la vittima decideva di sporgeva denuncia presso la Stazione Carabinieri di Troia che, unitamente ai militari del Nucleo Operativo della Compagnia di Foggia, avviavano le indagini e, in poco tempo, raccoglievano gravi indizi di reato a carico di Goduto Donato e del suo complice, consentendo alla Procura di Lucera di inoltrare al G.I.P. una richiesta di misura cautelare. Tale richiesta però trovava solo parziale accoglimento, poiché il G.I.P. riteneva sussistenti i gravi indizi di reato, ma non le esigenze cautelari che giustificavano l’arresto. Contro tale provvedimento la Procura presentava appello al Tribunale del Riesame di Bari, che invece confermava la tesi accusatoria, emettendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di Goduto Donato, che diveniva esecutiva dopo essere stata confermata anche dalla Corte di Cassazione.

Per tale motivo, al termine di una vicenda giudiziaria durata quasi un anno, Goduto Donato veniva tratto in arresto per il reato di tentata estorsione continuata in concorso e associato nel carcere di Lucera.


Redazione Stato@riproduzione riservata



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi