FoggiaManfredonia
Nota del Centro Studi Naturalistici ONLUS e il WWF Foggia

Patto per il Sud: “Coinvolgere associazioni ambientaliste”

Un motivo in più quindi, evidenziano CSN e WWF, per partecipare alle nuove riunioni dei tavoli di concertazione

Di:

Foggia. Il Centro Studi Naturalistici ONLUS e il WWF Foggia hanno indirizzato una comunicazione al Presidente della Provincia di Foggia Francesco Miglio relativa all’elenco delle possibili priorità da finanziare con il Patto per il Sud definito a conclusione dell’incontro svoltosi di recente a Palazzo Dogana con alcuni sindaci, sindacati, Confindustria e Camera di Commercio.

Le due Associazioni hanno evidenziato, con estremo rammarico, che non vi è stata alcuna convocazione delle associazioni ambientaliste per tale incontro, inspiegabilmente riservato solo ad una parte del partenariato economico e sociale. Eppure lo stesso presidente Miglio, in una recente intervista televisiva in riferimento al controverso progetto di completamento della SSV del Gargano, la cui progettazione è stata inserita nel suddetto elenco, invitava le associazioni ambientaliste ad un confronto.
In questi mesi non sono mancate da parte di CSN e WWF proposte pertinenti sulle questioni inerenti la mobilità, sia recentemente, nell’ambito delle opere da finanziare con il Patto per il Sud con l’allarme lanciato per la mancanza di fondi sulle infrastrutture ferroviarie, che precedentemente, ad esempio in occasione della convenzione Provincia ANAS relativa al raddoppio della S.S. “16” nel tratto San Severo-Foggia.

Proprio in riferimento a quest’ultimo aspetto, considerato che nell’elenco trasmesso dalla Provincia al Presidente Emiliano sono compresi diversi progetti che riguardano l’ammodernamento di strade provinciali, CSN e WWF hanno ricordato che tali progetti possono anche rappresentare un’opportunità di progresso per l’ambiente e per l’ecoturismo. Le associazioni si riferiscono in particolare alla legge n. 366/1998 recante “Norme per il finanziamento della mobilità ciclistica” che, apportando modifiche al nuovo Codice della strada, ha posto l’obbligo per gli Enti proprietari delle strade di realizzare piste e percorsi ciclabili adiacenti sia a strade di nuova costruzione sia a strade oggetto di manutenzione straordinaria. Purtroppo la predetta disposizione normativa, almeno in Provincia di Foggia, finora è stata del tutto disattesa, perdendo in questi anni molte opportunità per dotare il territorio provinciale di una moderna rete ciclabile, fondamentale per un turismo di qualità.

Un motivo in più quindi, evidenziano CSN e WWF, per partecipare alle nuove riunioni dei tavoli di concertazione insieme al partenariato economico e sociale al fine di giungere ad una programmazione di interventi infrastrutturali ambientalmente compatibile e sostenibile.

Centro Studi Naturalistici Foggia – WWF Foggia



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati