Manfredonia
Nota stampa

Edilizia in Puglia: obiettivo ripartenza

Ance Puglia e sindacati avviano un percorso virtuoso per il rilancio del settore delle costruzioni

Di:

Bari, 5 agosto 2016 – Ance Puglia e le organizzazioni regionali dei sindacati del settore, al termine di un incontro convocato con urgenza, manifestano la necessità di intraprendere immediatamente con la Regione Puglia un percorso comune per il rilancio del comparto delle costruzioni che, tra il 2008 e il 2015, ha perso quasi il 40% degli occupati, passati da 126.000 a 80.000 unità (fonte: Elaborazione Ance su dati Istat).

Durante l’incontro – al quale hanno preso parte il presidente di Ance Puglia Gerardo Biancofiore e i segretari regionali della Feneal Uil Salvatore Bevilacqua, Filca Cisl Crescenzio Gallo e Fillea Cgil Silvano Penna – sono state analizzate le criticità che stanno bloccando il comparto pugliese delle costruzioni e si sono ipotizzati alcuni possibili interventi, anche legislativi, che si intendono proporre quanto prima all’amministrazione regionale per favorire il rilancio del settore. Una nuova politica per le costruzioni deve puntare a semplificare e rendere convenienti gli interventi di rigenerazione urbana delle nostre città, facendo ripartire gli investimenti sulle infrastrutture che servono. Questi interventi sono strategici per la regione, per le imprese e per l’occupazione.

Fondamentale in questo percorso, che si auspica possa essere il più condiviso possibile, è il coinvolgimento delle altre organizzazioni del comparto. Quello delle costruzioni continua a rappresentare uno dei settori più importanti dell’economia pugliese, con quasi il 30% dell’occupazione dell’intero settore industriale.



Vota questo articolo:
2

Commenti


  • manfredonia

    I costruttori non hanno ancora capito che se non abbassano i prezzi esorbitanti delle case,non le vendonooooo!!!!!


  • curioso

    speriamo che per i comparti ancora fermi si possa aprire qualche possibilità. stiamo pagando l’imu e tasi per terrene che solo sulla carta sono edificabili. le cooperative che hanno acquistato i terreni nei comparti sono stanchi di pagare le tangenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati