SportStato prima
Al fondo Sino-Europe INvestment Management Changxing

Milan, “Lascia Berlusconi. 99,93% quote a cordata cinese”

Sotto la sua gestione il Milan si è laureato 8 volte campione d'Italia, 5 volte campione d'Europa e 3 volte campione del mondo

Di:

Milano. LA Fininvest ha ceduto il suo 99,93 per cento di quote al fondo Sino-Europe INvestment Management Changxing per 520 milioni, oltre a passare al veicolo cinese i circa 220 milioni di debiti. Lo riporta Il Fatto Quotidiano.it “All’interno di Sino-Europe, scrive Repubblica, ci sono Haixia Capital, fondo di stato cinese per lo Sviluppo e gli Investimenti, oltre a Yonghong Li, manager che si è occupato della trattativa e altri investitori – alcuni a partecipazione statale – ancora sconosciuti”.

(WIKIPEDIA). Dopo un iniziale interessamento all’acquisto dell’Inter, che secondo l’opinione di Sandro Mazzola, del direttore sportivo Giancarlo Beltrami e dell’avvocato Prisco si concretizzò nel tentativo di comprare la società prima da Fraizzoli nel 1978 e poi da Pellegrini nel 1986, dal 20 febbraio 1986 Silvio Berlusconi è diventato proprietario dell’Associazione Calcio Milan, club calcistico del quale resse la presidenza dal giorno dell’acquisto fino al 21 dicembre 2004, quando lasciò la carica a seguito dell’approvazione di una legge disciplinante i conflitti d’interesse. Ha ricoperto di nuovo la carica dal 15 giugno 2006 all’aprile 2008 quando è stato rieletto alla presidenza del Consiglio dei ministri. Dal 2012 ricopre la carica di presidente onorario.

Sotto la sua gestione il Milan si è laureato 8 volte campione d’Italia, 5 volte campione d’Europa e 3 volte campione del mondo; ha vinto inoltre 6 Supercoppe nazionali e 5 europee nonché una Coppa Italia, per un totale di 28 trofei ufficiali in 30 anni.

Nei primi anni novanta, Berlusconi estese l’attività sportiva del Milan, cambiandone il nome in Athletic Club (per mantenere l’acronimo) e trasformandolo in società polisportiva, costituita comprando i titoli sportivi di società lombarde di varie discipline quali baseball, rugby, hockey su ghiaccio, pallavolo, e acquistando per importi mai visti in precedenza i migliori giocatori a disposizione. La polisportiva si sciolse nel 1994, dopo la vittoria elettorale, e le squadre in essa accorpate (Amatori Milano di rugby, Gonzaga Milano, già Mantova, di pallavolo, Devils Milano di hockey e Milano Baseball) seguirono destini diversi.



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati