ManfredoniaMonte S. Angelo
Presidente del Parco nazionale del Gargano

Un anno dalla scomparsa di Matteo Fusilli, il ricordo

"Ti ricorderemo come il Presidente che difendeva l'ambiente dai palazzinari, che non si è fatto gestire dalla politica e che voleva tutelare le specie autoctone"

Di:

Manfredonia – ”Caro Matteo, scrivo a un grande e ineguagliabile Presidente del Parco nazionale del Gargano. Come dicevi tu, “questa è casa nostra!“; mentre tu ti sei battuto per la perimetrazione delle aree contro i sindaci e le persone che non afferravano l’importanza e la valenza di creare l’area Parco”, ora gli stessi usufruiscono della ricaduta economica del turismo sul territorio. Nel 2002, con un concorso, hai dato la possibilità a 60 giovani di essere formati come guide ufficiali esclusive del Parco Nazionale del Gargano; abbiamo potuto fare esperienza e conoscere le realtà del nostro Parco, unico nel suo genere per le peculiarità dal punto di vista naturalistico, ambientale, storico-artistico e archeologico e dalle mille culture delle comunità che ne fanno parte.

Il nostro è l’unico Parco terrestre con annessa riserva marina, le Tremiti, nel quale hai cercato di valorizzare il connubio mare- terra e di difendere i fondali marini, i nostri faraglioni e le falesie. Eri così “in gamba” che il Parco Nazionale del Gargano era conosciuto in tutto il mondo per le sue mille bellezze, i colori e i profumi delle variegate orchidee, per la sua straordinaria struttura carsica, che racchiude più di 1000 grotte, le quali tu avresti voluto conoscere. Sei diventato il “professore” dei Parchi, tant’è vero che sei stato Presidente dei parchi nazionali d’Italia. Ti ricorderemo come il Presidente che difendeva l’ambiente dai palazzinari, che non si è fatto gestire dalla politica e che voleva tutelare le specie autoctone, oggi presenti nei manuali internazionali, da quelli di entomologia a quelli di botanica, dai quali studiosi internazionali hanno elogiato il nostro patrimonio ambientale. Ora tocca a noi continuare la tutela del nostro ambiente Parco, al fine di conservarlo ai nostri posteri. Grazie, Matteo!”.

(Francesco Colletta, guida ufficiale ed esclusiva del Parco Nazionale del Gargano – Manfredonia, 5 agosto 2015)

VIDEO
Parco e territorio, la strada dello sviluppo: convegno/dibattito. Intervento Dott. Matteo Fusilli – 2011


REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • Antonello Scarlatella

    Amico mio come si sente la tua mancanza. Mi hai impregnato talmente tanto della tua amicizia, della tua bontà della tua saggezza che mi rende triste non sentirti più, non vederti più.
    A volte vado di proposito sul Gargano, a Monte, nei luoghi del Parco, per avvertire la tua presenza, per ricordare i tuoi discorsi. Scrivo questo commento come se tu potessi leggerlo. Chissà, non è dovuto a noi che siamo ancora sulla terra saperlo se mai sia possibile.
    Sei stato un grande uomo, un grande amante della natura, un ispiratore dell’ anima. È li nella mia anima, nella nostra anima che ti custodisco e ti custodiamo, sia io che tanti e tanti veri amici. Molti ti hanno dimenticato. Ma per me per noi non sarà mai possibile.

  • Matteo, sei uno dei pochi politici di questa amara e sfortunata terra che merita un grande “GRAZIE” per quello che ci hai lasciato.


  • michele alfieri

    Ti ricorderemo sempre perche’ eri un grande.
    Combattente della vecchia guardia.
    Grazie matteo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati