Manfredonia
Nei pressi dei frangiflutti sul lungomare di Siponto

Manfredonia, cadavere donna ritrovato in mare

Già effettata l'ispezione cadaverica sul corpo della vittima

Di:

Manfredonia. IL corpo esanime di una donna è stato ritrovato stamani in mare – verso le ore 9 – nei pressi dei frangiflutti di Siponto. Da raccolta dati, sul posto sono intervenuti gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Manfredonia e gli operatori della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera locale.

In particolare, della donna non si avevano notizie dalla giornata di ieri, 04 settembre 2016. Si tratterebbe di una docente originaria di Rignano Garganico, di un’età compresa tra i 62 e 64 anni.

http://italiaora.retenews24.it/

http://italiaora.retenews24.it/ – TRUFFA ANZIANO

L’ipotesi emersa è quella del suicidio. Già effettata l’ispezione cadaverica sul corpo della vittima. Non sarebbero stati riscontrati lesioni o segni di violenza. Il Pm di turno della Procura di Foggia dovrebbe disporre presto l’esame autoptico.

REDAZIONE STATO QUOTIDIANO.IT – RIPRODUZIONE RISERVATA



Vota questo articolo:
6

Commenti


  • Recintare la zona delle paludi di "Orto delle Brecce" di Manfredonia

    Recintare il ” parco cittadino delle paludi sipontine”! L’enorme spazio che racchiude zona dei canneti e delle paludi può nascondere insidie e pericoli di tutti i tipi!


  • Tagliate tutti gli alberi per evitare incendi

    Recintare la zona delle paludi di “Orto delle Brecce” di Manfredonia e cosa c’entra?


  • Recintare la zona delle paludi di "Orto delle Brecce" di Manfredonia e con urgenza!

    La zona delle paludi dell’Orto delle Brecce è un comprensorio naturalistico che nasce dalle immediate vicinanze del braccio del molo di ponente del porto turistico e termina oltre la zona dell’Hotel Panorama. A parte i pericoli da punture da insetti palustri, ci sono cannetti enormi, dove si possono nascondere malintenzionati che possono aggredire ignari/ignare passeggiatori, amanti/e del footing mattinale e serale, sono un pericolo perchè c’è gente disperata di sole che pur di godersi un pò dono naturale si spinge oltre i cannetti e nelle paludi/sterpaglie con il tentativo di raggiungere i massi del primo tratto a nord della famigerata barriera, rischiando di cadere, scivolare o essere morsa/da serpenti/topi/ragni etc.!!! Se una persona cade in quel tratto e perde i sensi, non lo vede nessuno!! Quanta ipocrisia!


  • L'uomo della palude del Lungomare del Sole

    Oltre alla recinzione, mancano le torrette di avvistamento e le guide turistiche!
    Arrichendo la fauna tipica con piccoli caimani, pitoni indiani, piccoli boa e alzavole, folaghe, aironi di pantano, uistitì pigmei, oltra a Tarzan e Dumbo, quella zona potrebbe fungere da volano per il turismo finalizzato alla ricerca di emozioni forti. Un abbraccio a tutti


  • Matteo Guerra

    Non avete proprio un -da fare, andate a tagliare le canne, e -i serpenti i ragni e i topi, e anche i coccodrilli.


  • Footing man

    E’ uno schifo impressionante e pensare che negli anni 80 piantavo l’ombrellone sotto la spiaggetta di fronte l’albergo Panorama!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati