BATEditoriali
A cura di Nino Sangerardi

Fondazione sinfonica Milano vs Ministero, Orchestra di Bari e altri

Di:

Bari. L’Orchestra sinfonica metropolitana di Bari,insieme a Ministero dei Beni Culturali e altre Orchestre italiane, è stata chiamata in giudizio. Innanzi al Tar del Lazio, dalla Fondazione Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano. Motivo? Si chiede ai Giudici di annullare il decreto ministeriale “progetti artistici 2015-2017”,nonchè l’assegnazione dei contributi economici da cui è stata esclusa la Fondazione milanese.Quest’ultima,tra l’altro, risulta declassata da ICO (istituzione concertistica orchestrale) a complesso orchestrale.

Declassamento mortificante—sostengono Corbani e Cervetti, vertici dell’Orchestra Verdi—in termini di immagine ma,soprattutto, economico. Un taglio di introiti ingiustificato e confrontato con altre istituzioni musicali italiane che, pur svolgendo attività decisamente inferiori alla nostra Orchestra, hanno ottenuto erogazioni di pubblico denaro ben superiori”. Il riferimento è all’Orchestra della Toscana che riceverà il doppio rispetto al milione di euro concesso dal Fondo per lo spettacolo all’Orchestra Verdi,e comunque “… svolge attività musicali sensibilmente inferiori “.

Inoltre all’Orchestra meneghina non è stato erogato il saldo dei finanziamenti per l’anno 2013 e “… i 3 milioni di euro dati dal Ministero e mai arrivati,in seguito riassegnati solo 200 mila euro però non sopraggiunti : dunque stipendi dei dipendenti a rischio e necessità di rifinanziarsi,ancora una volta, con i privati”. Luigi Corbani, direttore generale della Fondazione Sinfonica Giuseppe Verdi,rileva che : “Nella distribuzione dei Fondi la Lombardia e il Sud sono le aree più penalizzate a fronte di Lazio e Toscana e Piemonte. Iniqua la ripartizione dovuta all’assurdo criterio di valutazione,con evidente discrezionalità”.

Il sindaco della Città metropolitana barese, Antonio De Caro componente della direzione nazionale del Pd e punto di riferimento partitico per il Sud Italia del segretario del Pd Matteo Renzi, ha deciso di costituirsi nella causa aperta dall’Orchestra Giuseppe Verdi. Perchè? Ecco : la vittoria della ricorrente e conseguente assegnazione dei soldi a titolo di istituzione concertistico-orchestrale potrebbe determinare una pesante riduzione ,se non addirittura l’esclusione, dei fondi elargiti dal Ministero guidato da Dario Franceschini del Pd. De Caro e i responsabili delle altre Orchestre italiche cointeressate nella diatriba davanti al TAR hanno dato mandato difensivo, unitario, all’avv. Maria Maddalena Giungato con studio in Roma.

(A cura di Nino Sangerardi, autore del testo ‘Quello che i pugliesi non sanno’)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati