Stato prima
Figlio scrive a Lorenzin, "tolta ogni dignità"

“Morto di cancro al pronto soccorso del San Camillo a Roma”

"È successo a Roma, capitale d'Italia", conclude la lettera Cairoli

Di:

(ansa) Più di due giorni di agonia nel pronto soccorso di un ospedale romano, il San Camillo, per morire senza dignità tra il via vai di malati e parenti. Queste le ultime 56 ore di un malato terminale di cancro che il figlio, un giornalista di Askanews, ha voluto raccontare in una lettera al ministro della sanità Beatrice Lorenzin per descrivere non solo il calvario di una malattia passata a combattere anche contro “l’indifferenza dei medici” ma anche quell’epilogo fatto di umanità espropriata. “Cinquantasei ore in pronto soccorso, da malato terminale…non abbiamo ottenuto nulla”, scrive Cairoli. (ansa)



Vota questo articolo:
0

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati