Manfredonia
Da molte parti ci si chiede come mai gli armatori non facciano fronte unico per gestire la struttura tutti in insieme, così da ridare smalto all'economia del settore, ormai ridotta al lumicino

Pescatori di Manfredonia, cittadina “Oltre al danno, anche la beffa”

"Allora cosa fare? Questa é la domanda in itinere, DOVE devono conferire i propri rifiuti i pescatori?"


Di:

Manfredonia. ”Non bastava la chiusura del Mercato Ittico a far nascere preoccupazione e malumori tra gli addetti ai lavori. Una chiusura imminente, paventata da tempo perché poche sono state le barche che conferivano il pescato, sicuramente poche per una struttura mastodontica che ha bisogno di fatturare. Da molte parti ci si chiede come mai gli armatori non facciano fronte unico per gestire la struttura tutti in insieme, così da ridare smalto all’economia del settore, ormai ridotta al lumicino.

E, come se non bastasse, al danno si è congiunto anche la “beffa“. Come tutti sanno, il 7 aprile scorso, a Manfredonia la competenza marittima è passata sotto la nuova gestione dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Adriatico Meridionale, che fa capo a Bari, nello stesso frangente, tutti i cassonetti per la raccolta della spazzatura sui tre moli, sono stati rimossi, rimosso é stato anche il gabbiotto dove venivano conferiti e raccolti gli Oli esausti. La pubblica amministrazione, interrogata in merito, afferma che ormai quei luoghi sono gestiti dall’Autorità Portuale; quindi, loro nulla possono. Dalla nuova gestione ( molto aperta alla collaborazione per aiutare i marittimi di Manfredonia), affermano di aver posto in essere piani utili per dirimere e colmare il vuoto che si é venuto a creare. Intanto, un encomiabile Pescatore del comparto, NON ligio alla prassi del “gettare rifiuti in mare”, é stato sorpreso nel disbrigo di materiale a terra e pesantemente multato di ben 600,00 euro dalla locale C.P., a nulla sono valse le motivazioni al gesto del malcapitato. Inutile spiegare che i pescatori non sanno come fare, inutile raccontare della rinnovata sensibilità di rispetto per il mare.

Il senso di protezione verso l’ambiente marino, porta a scegliere di non gettare in mare, gesti che, per alcuni, possono essere poca cosa, ma grandi scelte per chi il mare lo vive ed ogni giorno lo respira. A questo punto è opportuno ricordare le parole del Presidente Michele Emiliano che, il 5 settembre dello scorso anno, durante una manifestazione a Peschici, dichiarò la ferma intenzione di voler approvare una leggere regionale sulla “pulizia dei fondali marini” che, vedrebbe i pescatori della Puglia, primi attori impegnati nel progetto di pulizia del mare, premiando i marittimi che STOCCANO A TERRA i rifiuti, non di certo multandoli con pesanti sanzioni.

Allora cosa fare? Questa é la domanda in itinere, DOVE devono conferire i propri rifiuti i pescatori?

Atteso che, i vuoti siano colmati e che una soluzione condivisa e utile per tutte le parti, giunga ad un lieto fine, c’è qualcuno nell’amministrazione locale in grado di dare risposte a questa gente? Nel frattempo, si assiste allo spettacolo indecoroso dei sacchetti lanciati lungo la murata della panchina, dalle auto in corsa, mentre le barche prendono il largo verso il mare aperto.

Antonella Umbriano

Pescatori di Manfredonia, cittadina “Oltre al danno, anche la beffa” ultima modifica: 2017-10-05T11:07:58+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
9

Commenti


  • Magellano

    In effetti ci sono regole rigidissime per la gestione dei rifiuti di navi e naviglio.
    Per quanto riguarda il deposito dei rifiuti sulle banchine, a Gibuti (Corno D’Africa) i rifiuti dei porti sembrano essere gestiti meglio che a Manfredonia.


  • Miragas (vergogna di Mf) sputo libero e 1.500 euro di multa!

    Non hanno un rappresentante sindacale i pescatori?


  • lettore attento

    Non voglio immaginare quello che si butta in mare


  • Miliari

    Per far entrare il pescato nel mercato ittico bastava solo il controllo all’uscita del porto vicino l’agenzia delle dogane e l’altra alla”uscita del porto di tramontana così il mercato ittico non falliva e il pescato veniva tassato punto.


  • il partito dei delinquenti


  • Anonimo

    Continuate ancora a scrivere mezze verità e immense bugie,la volete capire o no che il mercato ittico è aperto! Se non ci credete andate o mandate a verificare quello che sto dicendo è pura verità. Capito il mercato è aperto e si continua ad approfittare di acqua , luce e gas senza nessun risparmio. È APERTO.


  • Pescatore

    Si è aperto ma l’ asta non si fa quello ci interessa a noi ed è chiusa va va


  • Cittadino

    A questo punto ci vuole una bella e sostanziosa indagine tributaria,chi di competenza si vuole sbrigare a mandare qualche autorevole divisa,?


  • Anonimo

    I pescatori di Manfredonia non esistono più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Condividi