Capitanata

Aeroporto Foggia, Campo: “Gino Lisa rischia l’espulsione dal mercato”


Di:

Aeroporto Gino Lisa Foggia (ST)

Foggia – “LA concertazione istituzionale e territoriale e’ l’unico metodo di governo che può garantire scelte ampiamente condivise e piena assunzione di responsabilità politica, altrimenti si alimentano lotte di campanile e tendenze conservatrici nemiche della nostra volontà di crescita”. E’ il segretario provinciale del Partito Democratico, Paolo Campo, a trarre questa “precisa indicazione politica” dal dibattito sul futuro dell’aeroporto di Foggia.

“Rivendico al PD di Capitanata il merito di avere posto, con la necessaria fermezza, all’attenzione del presidente della Regione una vera e propria vertenza territoriale, perché altamente simbolica sotto il profilo sociale ed altrettanto decisiva sul versante della promozione dello sviluppo economico e occupazionale. Questa vicenda deve rafforzare in noi tutti, a partire dalle forza che partecipano al governo regionale, la convinzione che le scelte strategiche devono essere assunte coinvolgendo i territori direttamente interessati; senza alcun timore o, peggio, calcolo elettoralistico sulle conseguenze dell’azione di governo, se la stessa e’ fondata sull’affermazione degli interessi generali e l’assunzione di responsabilità rispetto alle sempre più scarse risorse finanziarie.
Oggi sono convinto sia più chiaro, innanzitutto al presidente Vendola, che la Capitanata rivendica doverosa attenzione amministrativa e maggiore protagonismo politico con l’unico obiettivo di valorizzare la programmazione del governo regionale e gli investimenti che ne sono derivati, anche a vantaggio dell’aeroporto di Foggia. Il nostro timore, più che fondato, e’ che la sospensione dei collegamenti aerei per almeno 2 anni possa definitivamente espellere dal mercato il ‘Gino Lisa’, già inserito nella lista degli scali inutili redatta dall’Enac. Le conseguenze sarebbero lo sperpero di decine di milioni di fondi regionali, nazionali ed europei e il fallimento di un pezzo importante della programmazione strategica regionale – conclude Paolo Campo – oltre alla mortificazione, non solo simbolica, di un territorio a cui l’intera Puglia ha il dovere di esprimere solidarietà e gratitudine non foss’altro perché e’ grazie alla Capitanata che l’intera regione può beneficiare dei fondi europei”.


Redazione Stato

Aeroporto Foggia, Campo: “Gino Lisa rischia l’espulsione dal mercato” ultima modifica: 2011-11-05T16:57:43+00:00 da Redazione



Vota questo articolo:
3

Commenti


  • omega

    Dove e quando c’è la politica e certi politici sicuramente le cose da buone diventano non buone.


  • Carlo

    E’ inutile piangere adesso. Bisognava allungare la pista almeno 10 anni fa quando c’era l’interessamento di Ryanair e Easyjet per lo scalo foggiano.
    Siamo un popolo che non sa guardare al futuro! Viviamo con un piede nel presente e uno nel passato!


  • Redazione

    Alla manifestazione del 19 novembre indetta dalle associazioni sensibili alla vicenda del Gino Lisa, noi ci saremo! Avevamo sollevato la necessità di unire le forze per organizzare un’iniziativa di protesta contro l’ennesimo torto perpetrato ai danni della nostra provincia. Non soffriamo di protagonismo. Crediamo nelle idee. Scenderemo in piazza assieme alle altre associazioni, unite dall’urgenza di fare fronte comune affinché non sfumi il sogno di volare della Capitanata. I consiglieri dell’Osservatorio hanno espresso parere favorevole. Non accetteremo compromessi. Lotteremo per sostenere lo sviluppo del nostro territorio. La provincia di Foggia si è svegliata da un lungo periodo di torpore. Invitiamo pertanto chiunque abbia a cuore le sorti della Capitanata a manifestare civilmente contro chi pensa che il destino del nostro territorio sia ineluttabilmente votato al fallimento. Ci coordineremo dunque con i promotori dell’iniziativa per contribuire al successo di un evento che contribuirà al cambiamento.

    Osservatorio “Capitanata nel cuore”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nota. Si informano i lettori che la testata giornalistica Statoquotidiano (www.statoquotidiano.it) è responsabile solo dei contenuti multimediali (video, foto etc) e dei testi presenti nella sezione "Articoli" e "Documenti". Non è in alcun modo responsabile dei contenuti e dei commenti presenti in tutte le sezioni del sito.

Articoli correlati

Pin It on Pinterest

Share This